Il Ttip più leggero non piace a Bruxelles

Il Ttip più leggero non piace a Bruxelles

Il seme­stre ita­liano di pre­si­denza dell’Ue volge al ter­mine, e di quell’accelerazione che esso avrebbe dovuto impri­mere ai nego­ziati dell’Accordo Tran­sa­tlan­tico di Libe­ra­liz­za­zione com­mer­ciale (Ttip) non c’è trac­cia. Anzi: il ciclo nego­ziale pre­vi­sto a Bru­xel­les per dicem­bre è stato prima riman­dato a gen­naio, per poi slit­tare suc­ces­si­va­mente alla prima set­ti­mana di feb­braio, pro­vo­cando non poco ner­vo­si­smo da parte sta­tu­ni­tense. Il vice mini­stro al com­mer­cio ita­liano Carlo Calenda, inter­ve­nuto dieci giorni fa al semi­na­rio sulla (poca) coe­renza ita­liana tra le poli­ti­che com­mer­ciali e di svi­luppo — orga­niz­zato a Roma presso l’Ilo da Arcs in col­la­bo­ra­zione con la Cgil nell’ambito delle atti­vità delle ong ita­liane per il Seme­stre — ha riven­di­cato il ten­ta­tivo ita­liano di spin­gere verso l’approvazione di un Ttip «alleg­ge­rito». Un testo, insomma, che rispec­chiasse gli inte­ressi aggres­sivi ita­liani in mate­ria di moda e agroa­li­men­tare da espor­ta­zione, ser­vizi e appalti e con­cen­trasse il Mec­ca­ni­smo di pro­te­zione degli inte­ressi degli inve­sti­tori con­tro gli Stati (o Isds, para­i­sti­tu­zione pre­vi­sta dal Ttip) al suo core busi­ness, cioè con­tra­sto della con­cor­renza sleale e degli espro­pri: pra­ti­ca­mente l’intero ven­ta­glio delle cause ad oggi inten­tate dalle grandi imprese con­tro le ammi­ni­stra­zioni pub­bli­che. La pro­po­sta, soste­nuta anche da altri Paesi in Ue, con­tava, infine, sul fatto che le que­stioni più spi­nose potes­sero essere risolte più tardi, in via riser­vata e tec­nica, presso il Con­si­glio per l’armonizzazione dei rego­la­menti: l’altra para-istituzione creata dal Ttip che, secondo l’ipotesi attuale, potrebbe, su sol­le­ci­ta­zione dei por­ta­tori d’interesse – essen­zial­mente imprese e orga­ni­smi di rego­la­zione, non Stati, né eletti – esa­mi­nare e archi­viare come bar­riera al com­mer­cio tutte le regole di sicu­rezza, gli stan­dard, le pre­cau­zioni ad oggi pre­vi­ste dalle nor­ma­tive nazio­nali nel loro com­plesso. Al governo Renzi sarebbe stato pos­si­bile ador­nare la foto-ricordo del Seme­stre della cor­nice tran­sa­tlan­tica, ago­gnata fin dalla prima visita del pre­si­dente Obama a Roma, per poi riman­dare al comodo cono d’ombra del calo dell’attenzione pub­blica, tutte le que­stioni più spi­nose rima­ste even­tual­mente aperte.

La Com­mis­sione Jun­ker, tut­ta­via, sem­bra respin­gere vibra­ta­mente al mit­tente il ten­ta­tivo. Anzi: quando di recente alcuni par­la­men­tari euro­pei della Com­mis­sione Com­mer­cio inter­na­zio­nale (Inta) ne hanno fatto cenno al capo nego­zia­tore Ue Igna­cio Ber­cero, que­sti ha chia­rito abba­stanza sec­ca­mente che non c’è trac­cia nella posi­zione da loro soste­nuta dell’ipotesi nostrana. E che la trat­ta­tiva pro­ce­derà indi­stur­bata, senza tenerne né conto né memo­ria, con buona pace della diplo­ma­zia com­mer­ciale ita­liana che s’è data un gran daf­fare in que­sti mesi per pub­bli­ciz­zarla tra Washing­ton e le capi­tali euro­pee. Ha già i suoi grat­ta­capi Jun­ker, che per taci­tare le pro­te­ste con­tro la segre­tezza dei nego­ziati aveva pro­po­sto una con­sul­ta­zione pub­blica online sull’opportunità o meno di pre­ve­dere nel Ttip la pos­si­bi­lità per le imprese di citare gli Stati in un appo­sito arbi­trato, l’Isds, e che di fronte alle oltre 150mila rispo­ste, in gran parte nega­tive, ha riman­dato dal set­tem­bre scorso fino ad oggi la pre­sen­ta­zione dei risul­tati, sem­bra volerli far cono­scere oggi ai soli eurodeputati.

Oggi a Bru­xel­les con­ta­dini sui trat­tori, sin­da­cati, stu­denti e movi­menti strin­ge­ranno con una catena umana e un cor­teo il Sum­mit euro­peo, riven­di­cando la can­cel­la­zione del Ttip, ma anche l’accordo di libe­ra­liz­za­zione già rag­giunto col Canada (Ceta) e il nego­ziato di libe­ra­liz­za­zione dei ser­vizi (Tisa). In Ita­lia incon­tri e volan­ti­naggi da Fer­rara, a Bre­scia, a Napoli, vedranno la Cam­pa­gna Stop Ttip discu­terne con sin­da­cati e par­la­men­tari, men­tre in tutta Europa sarà twit­ter storm inse­rendo nel il link alla cam­pa­gna http://?goo?.gl/?T?m?M?gZk, gli hash­tag #StopT­TIP e #D19 e l’indirizzo @StopTTIP_Italia. Per­ché l’austerity, pro­ta­go­ni­sta del sum­mit, ha biso­gno di mani più libere per agire indi­stur­bata, e primo obiet­tivo di Ttip e din­torni, più che libe­rare il com­mer­cio, è limi­tare sur­ret­ti­zia­mente la capa­cità legi­sla­tiva e la sovra­nità nazio­nale ed euro­pee. Ma qual­cuno se n’è accorto, e la foto ricordo al momento risulta sfo­cata, ten­dente al mosso.

* vice­pre­si­dente Fair­watch, Cam­pa­gna Stop Ttip Italia



Related Articles

Ora la troika apre sul debito greco

Dopo il voto del nono piano di austerità in sei anni ad Atene, le relazioni si distendono. Si precisa l’ipotesi di un alleggerimento del debito, ma non è ancora decisa la forma

Tassi e spread giù, ma la Bundesbank attacca Draghi

Le borse hanno fatto festa e Milano ieri ha realizzato la migliore performance in Europa chiudendo la seduta con un rialzo dell’indice Mib del 2,93%, grazie soprattutto al rally delle banche, con Banco Popolare (+10,5%) che ha fatto faville.

Melfi, la democrazia si ferma ai cancelli

L’assemblea indetta dalla Fiom sui tre operai licenziati e reintegrati, ma anche sul «modello Pomigliano e le «deroghe» al contratto, impedita dall’opposizione di Cisl, Uil e Fismic

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment