“Bologna peggio di Reggio Calabria” Ecco la mappa del rischio-banlieue

“Bologna peggio di Reggio Calabria” Ecco la mappa del rischio-banlieue
Bologna è più pericolosa di Reggio Calabria. Milano di Napoli. La mappa del rischio banlieue disegna un’Italia sottosopra, con le città del Nord più “calde” di quelle del Sud.
A classificare i comuni italiani sull’orlo del conflitto sociale è la fondazione Leone Moressa, che incrocia tre fattori di rischio: la marginalità socio-economica degli stranieri (concentrazione in periferia, disoccupazione, diseguaglianze di reddito), i livelli di criminalità e la spesa pubblica per l’integrazione. Il risultato? Bologna è il comune più a rischio. Forte la differenza di reddito tra italiani e stranieri (oltre 11mila euro nel 2013). Abbastanza alti il tasso di delittuosità (66 arrestati ogni mille immigrati residenti) e la percentuale di detenuti stranieri sul totale (51,5%). In netto calo, invece, la spesa pubblica per l’immigrazione. Al secondo posto Milano, città con la più alta presenza straniera (17,4%) e concentrazione di immigrati in periferia (il 95% vive qui). Anche il tasso di detenuti stranieri è molto alto (61,3%). Pur avendo una spesa per l’immigrazione di 13,5 milioni, il grande bacino di utenti determina un spesa pro-capite tra le più basse (82 euro). Ma il valore che pesa di più è la differenza di reddito tra italiani e stranieri (11.300 euro). La terza città a rischio è Genova. Anche qui il differenziale di reddito è molto alto (10mila euro). Forte pure il tasso di delittuosità (ogni mille immigrati, ne vengono arrestati 102) e il livello di detenuti stranieri (54,1%). A incidere è soprattutto la spesa per immigrato: con 46 euro rappresenta il valore nazionale più basso. A chiudere la classifica delle quattro città più a rischio è Roma, sia per le alte diseguaglianze di reddito, che per i reati degli stranieri.
Tre città presentano un livello di rischio vicino tra loro: Venezia, Torino, Firenze. In questi capoluoghi le differenze di reddito non sono molto alte. A Torino, in particolare, è forte la concentrazione degli immigrati in periferia (93,9%), ma bassa la percentuale di detenuti stranieri (41%). Venezia è la città con il più basso tasso di delittuosità degli immigrati (53 ogni mille residenti). Firenze è quella con la più bassa concentrazione in periferia (76,1%).
Le tre città meno a rischio sono al Sud, caratterizzate anche da una bassa incidenza di stranieri sulla popolazione residente. A Reggio Calabria è alta la spesa per l’integrazione sul totale della spesa per assistenza sociale (il 9,9%). Napoli ha una bassissima percentuale di detenuti stranieri (9%). Infine Bari, pur avendo un alto tasso di delittuosità (140 per mille), presenta la più alta spesa procapite per l’immigrazione (521 euro).
In conclusione, secondo i ricercatori della Moressa, «laddove si riscontra una forte concentrazione in periferia, forti differenze di reddito rispetto agli italiani, alti tassi di disoccupazione, alti tassi di criminalità e scarsi investimenti pubblici a favore dell’integrazione, si crea inevitabilmente terreno fertile per situazioni di disagio e conflitto».

Tags assigned to this article:
Bolognaconflitti socialifondazione Leone Moressa

Related Articles

La strage degli innocenti

LAMPEDUSA Per Laura Boldrini (Unhcr) l’emergenza non sono gli sbarchi: «Sono i morti»
Drammatico naufragio a 12 miglia dalla costa. Su 136 migranti se ne salvano solo 56. Trovato un cadavere. Risultano scomparse 79 persone. La barca era partita dalla Tunisia e non è stata trovata. E’ una delle più grandi tragedie del Mediterraneo

Affonda barcone di migranti: un morto

Naufragio a 50 miglia dalla Sardegna: un disperso

Un barcone con a bordo un numero ancora imprecisato di immigrati è affondato a circa 50 miglia dalla Sardegna: grazie al coordinamento dei soccorsi da parte della Guardia costiera italiana e all’intervento di una nave algerina dirottata sul posto, 22 immigrati sono stati tratti in salvo; recuperato anche un cadavere, mentre una persona risulta dispersa.

Tutto il mondo a Parigi per sconfiggere il terrore un milione in marcia nella capitale blindata

Due cortei, in arrivo 45 tra capi di Stato e di governo Allarme attentati, in strada migliaia di agenti e militari

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment