Il sindacato che piace a Beppe Grillo è quello di polizia

Beppe Grillo dimo­stra dif­fi­denza verso le orga­niz­za­zioni dei lavo­ra­tori ma non nasconde sen­si­bi­lità per le ragioni dei sin­da­ca­tini di polizia più cor­po­ra­tivi. È suc­cesso ancora due giorni fa, quando dal blog Bep?pe?grillo?.it ha tro­vato il modo di affron­tare le botte ai lavo­ra­tori dell’Ast di Terni pren­den­do­sela coi metal­mec­ca­nici e allu­dendo al fatto che la Fiom avrebbe con­trap­po­sto arti­fi­cio­sa­mente cit­ta­dini in divisa e cit­ta­dini in tuta blu allo scopo di get­tare ben­zina sul fuoco della “guerra tra poveri”. «Chi ha orga­niz­zato il cor­teo non poteva non sapere che la devia­zione del per­corso non era con­sen­tita», pre­mette una nota reda­zio­nale che intro­duce l’intervista a Igor Gelarda, della segre­te­ria nazio­nale del sindacato di polizia Con­sap. «I sin­da­ca­li­sti della Fiom dovreb­bero ben sapere che se cer­chi di uscire dalla zona che ti è stata data entre­rai in con­tatto con la polizia», tuona Gelarda dalla get­to­na­tis­sima tri­buna digi­tale del Movi­mento 5 stelle. Poche ore prima, un ipo­te­tico stress test sul rap­porto tra opi­nione pub­blica e forze dell’ordine avrebbe segnato un altro punto di crisi: le agen­zie bat­tono la noti­zia delle asso­lu­zioni in appello per la morte di Ste­fano Cucchi.

Il M5S non manca di soli­da­riz­zare con le forze di poli­zia: sui pro­fili Fb dei par­la­men­tari del cer­chio magico si mani­fe­sta «rispetto» per la «sen­tenza Cuc­chi» e per il «dolore della fami­glia». Tut­ta­via, pur espri­mendo imba­razzo per le prese di posi­zione di «alcuni sin­da­ca­li­sti» Di Maio e gli altri gril­lini riba­di­scono la linea: «Gli uomini in divisa hanno avuto e avranno sem­pre il nostro soste­gno». Susci­tando, si sup­pone, l’imbarazzo di depu­tati come Marco Sci­bona, che funge nei piani gril­lini da uffi­ciale di col­le­ga­mento tra i 5 Stelle e i No Tav della Val Susa e che ha depo­si­tato un pro­getto di legge per il codice iden­ti­fi­ca­tivo obbli­ga­to­rio sulla divisa.

Qual­che set­ti­mana prima, espo­nenti di sin­da­cati di polizia sono la fonte pri­ma­ria cui Grillo e i suoi si appi­gliano per dif­fon­dere e ampli­fi­care il sup­po­sto «allarme Ebola» cau­sato dagli sbar­chi dei migranti. In pre­ce­denza, i con­si­glieri muni­ci­pali M5S di Roma votano un odg per chie­dere che alle grandi mani­fe­sta­zioni venga impe­dito di pas­sare per il cen­tro della città. E in pochi sanno che quando Napo­li­tano viene rie­letto al Qui­ri­nale e Grillo chiama gli ita­lia­ni a pro­te­stare davanti alla Camera, decide di spe­gnere la piazza sul nascere quando gli uomini della Digos spie­gano ai suoi ragazzi che rischiano di non tro­varsi davanti la pla­tea di uno spet­ta­colo di caba­ret. «Non si pre­oc­cupi, li teniamo buoni noi», dice ai diri­genti di piazza Vito Crimi, calan­dosi il cap­pello da pompiere.

Il fatto è che i cor­tei ser­vono anche e soprat­tutto a segnare un con­fine sim­bo­lico e mate­riale tra il «noi» e il «loro». Quel con­fine rompe lo schema prin­ci­pale della reto­rica pen­ta­stel­lata che vor­rebbe i cit­ta­dini tutti, al di là di classi e bloc­chi sociali, uniti con­tro i «poli­tici». È un’immagine impos­si­bile da fago­ci­tare dall’idrovora-Grillo. Già due anni or sono, quando i book-bloc degli stu­denti ven­gono pestati dalla polizia a Roma, Grillo invita all’unità i gio­vani pre­cari e i robo­cop col man­ga­nello. Suc­ces­si­va­mente, non manca di dare spa­zio a espo­nenti del Sap (il sin­da­cato di poli­zia che ha insul­tato la memo­ria di Cuc­chi). Un anno più tardi, a Torino, si veri­fica l’evento che marca l’identità di quello che la stampa chiama «movi­mento dei forconi».

È una scena che viene evo­cata per inve­rare l’insorgere di una comu­nità nazio­nale, inter­clas­si­sta e post-ideologica: le forze dell’ordine si tol­gono i caschi tra gli applausi dei mani­fe­stanti. Sol­dati e poli­ziotti diven­tano, nell’inconscio pro­fondo del paese che con­di­vide slo­gan e fil­mati nei social net­work, l’alleato indi­spen­sa­bile con­tro la Casta che affama «gli ita­liani». Addi­rit­tura, uno dei lea­der della pro­te­sta chiede che il governo venga sosti­tuito da una giunta mili­tare. Grillo si accoda con disin­volta enfasi e scrive ai ver­tici di polizia, cara­bi­nieri ed eser­cito: «Gli ita­liani sono dalla vostra parte, uni­tevi a loro».



Related Articles

Val di Susa: ecco perché non si riesce a domare il fuoco

PERCHÉ DA OTTO GIORNI NON SI RIESCE A SPEGNERE L’INCENDIO DELLA VAL DI SUSA?

Un litigio permanente

Arringando la sua folla, davanti al Palazzo di Giustizia di Milano, il premier ha detto ieri di aver trascorso una «mattina surreale» . Ecco: sono mesi che l’Italia vive una condizione surreale.

Riforme, Napolitano incalza: fosse per me, in sette giorni

BARI — Presidente, gli dia un mese di tempo per fare la riforma elettorale oppure li mandi tutti a casa… «Un mese? Fosse per me, gli darei sette giorni», sbotta Giorgio Napolitano, riducendo con drastica irritazione i termini dell’ultimatum suggeritogli da un cittadino per mettere in mora la politica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment