Vertice Bce, Napoli blindata

Vertice Bce, Napoli blindata

Circa due­mila agenti dis­se­mi­nati tra Capo­di­monte e la Sta­zione marit­tima più 50 pre­sidi della poli­zia muni­ci­pale (in tutto 300 vigili): Napoli oggi sarà una città blin­data. Gli agenti avranno, per la prima volta, le tele­ca­mere sulle divise. Sarà il diri­gente inca­ri­cato della gestione dell’ordine pub­blico a deci­dere se ci sarà la neces­sità dell’attivazione, come sta­bi­lito dal garante della pri­vacy. I dispo­si­tivi sono stati for­niti in via spe­ri­men­tale ai reparti mobili di Torino, Milano, Roma e Napoli.

Il capo­luogo della regione più povera d’Italia e con la più alta per­cen­tuale di disoc­cu­pati farà da vetrina a due ver­tici inter­na­zio­nali: al porto, la Set­ti­mana euro­pea delle Pic­cole e medie imprese con il pre­si­dente della Repub­blica Gior­gio Napo­li­tano, il pre­si­dente della Com­mis­sione Euro­pea Josè Manuel Bar­roso e il mini­stro dello Svi­luppo eco­no­mico Fede­rica Guidi; alla Regia bor­bo­nica di Capo­di­monte, tanto per rimar­care dove risiede dav­vero il potere, il ver­tice Bce con i 18 gover­na­tori della Ban­che cen­trali dei paesi dell’Eurozona, i com­po­nenti del board e il pre­si­dente della Bce Mario Dra­ghi. Ieri pome­rig­gio incon­tro riser­vato tra Napo­li­tano, Dra­ghi e i com­po­nenti del con­si­glio diret­tivo della Banca europea.

Stu­denti, pre­cari, lavo­ra­tori in cassa inte­gra­zione, atti­vi­sti e fami­glie in emer­genza abi­ta­tiva per una set­ti­mana hanno ani­mato strade e assem­blee in pre­vi­sione dei ver­tici. Sulla stampa da giorni si dif­fonde la paura di scon­tri, addi­rit­tura con­fon­dendo i mani­fe­stanti con i fami­ge­rati black bloc. Sta­mat­tina il cor­teo auto­riz­zato par­tirà alle 9.30 dalla sta­zione della metro Colli Ami­nei ma il per­corso con­sen­tito è molto breve, l’area di accesso al parco è blin­da­tis­sima. Per pro­vare a con­tra­stare il clima apo­ca­lit­tico descritto dalla stampa, gli atti­vi­sti ieri hanno dif­fuso sui social net­work un mes­sag­gio ai com­mer­cianti e agli abi­tanti dell’area col­li­nare: «Abbiamo sen­tito che alcuni eser­centi di negozi pen­sano di chiu­dere per “paura” non si sa di cosa, dell’avvento di non si sa quale cata­strofe. Chie­dete ai com­mer­cianti del cen­tro sto­rico: mai si sogne­reb­bero di inter­rom­pere le loro nor­mali atti­vità durante un evento del genere. Non fatevi influen­zare dalla stampa o dal cor­rere delle voci, in piazza ci saranno migliaia di napo­le­tani come voi che la crisi la stanno subendo e vogliono solo mani­fe­stare con­tro i veri responsabili».

Per ribal­tare com­ple­ta­mente la nar­ra­zione, sono stati gli stessi atti­vi­sti ad agi­tare il peri­colo black bloc: «Siamo molto pre­oc­cu­pati dalla noti­zia che uno spa­ruto ma vio­lento gruppo di 20/30 per­sone abbia annun­ciato l’intenzione di occu­pare e blin­dare la reg­gia di Capo­di­monte. Que­ste per­sone usano vestirsi in modo molto simile per con­fon­dersi tra loro, anche se il colore domi­nante non sarebbe pro­pria­mente il nero ma il blu scuro. Il loro assurdo gesto non sarebbe det­tato da disagi eco­no­mici e per­so­nali, il loro pro­getto è asse­diare le vite del 99% della popo­la­zione con la spe­cu­la­zione finan­zia­ria e il ricatto di una crisi che le loro stesse regole avreb­bero pro­vo­cato». Del resto deva­sta­zione e sac­cheg­gio, i reati usati ormai costan­te­mente per arre­stare le pro­te­ste di piazza, si potreb­bero appli­care anche alla sven­dita del patri­mo­nio pub­blico, la distru­zione del wel­fare e di ogni garan­zia sulle con­di­zioni di lavoro.

Al cen­tro dell’incontro della Bce oggi ci saranno le ban­che, come sem­pre. Dra­ghi annun­cerà novità sugli acqui­sti di Abs (Asset-backed secu­rity) cioè i cre­diti che le ban­che riven­dono: pro­verà a far dige­rire ai tede­schi l’allentamento delle regole sugli Abs per per­met­tere l’acquisto di titoli che con­ten­gono asset di ban­che gre­che e cipriote. Tutte con rating a livello junk, cioè spaz­za­tura. Un discorso tutto gio­cato all’interno del sistema che i mani­fe­stanti, tenuti molto lon­tano dalla riu­nione, con­te­stano. La pro­te­sta sociale pro­se­guirà domani, con un’assemblea all’università Orien­tale, in pre­pa­ra­zione dello scio­pero sociale dei pre­cari, dei disoc­cu­pati, degli stu­denti, dei migranti e con­tro il Jobs act, pre­vi­sto il pros­simo 14 novembre.



Related Articles

Debito. Un restyling per salvare la Grecia

Vlahovic

Di fronte al fallimento della altre opzioni, l’idea di una ristrutturazione del debito greco sta lentamente prendendo piede tra le capitali europee. Al momento, però, la parola è ancora tabù.

Nell’ex campo per i Rom a Lety una Fondazione per il Porrajmos, l’Olocausto Rom

27 gennaio. Il campo di Lety, da porcile tornerà luogo della memoria. Ma non c’è in Europa uno strumento di conoscenza del loro storico sterminio e del razzismo che continuano a subire

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment