L’articolo 18 ricompatta la Cgil: il 25 ottobre in piazza con la Fiom

In piazza da sola. La Cgil si ricom­patta e lan­cia una mani­fe­sta­zione per il 25 otto­bre a piazza San Gio­vanni a Roma che ingloba quella già annun­ciata dalla sola Fiom per il sabato pre­ce­dente. L’attacco di Renzi al sin­da­cato, che ne mette in discus­sione la stessa soprav­vi­venza, porta Susanna Camusso a sce­gliere di accan­to­nare le divi­sioni interne e a rea­gire in modo forte. Seb­bene lo scio­pero gene­rale sia di là da venire, la Cgil si dimo­stra l’unica forza capace di rea­gire alla sfida del pre­mier, la più forte dai tempi del decreto di San Valen­tino di Craxi con l’addio alla scala mobile.

L’accordo Camusso-Landini è stato alla base della riu­nione della segre­te­ria allar­gata ai ter­ri­tori e alle cate­go­rie che ieri pome­rig­gio ha deciso per l’accelerazione. A san­cirla sarà il Diret­tivo Cgil con­vo­cato in fretta e furia per domani a Bolo­gna pro­prio per­ché oggi la Fiom tiene la pre­vi­sta Assem­blea nazio­nale nella vicina Cer­via (Ravenna). Dove oggi Lan­dini potrà incas­sare un suc­cesso poli­tico inne­ga­bile: aver tra­sci­nato tutta la con­fe­de­ra­zione sulle sue posi­zioni. È stato infatti il segre­ta­rio della Fiom il primo a deci­dere per lo scio­pero — 8 ore da gestire ter­ri­to­rial­mente — e per la piazza — inzial­mente con­vo­ca­tata pro­prio per il 25 otto­bre e poi anti­ci­pata al 18 per l’urgenza della situa­zione. Mosse che hanno — final­mente — sma­sche­rato l’asse stru­men­tale con lui che Renzi sapien­te­mente stava usando in chiave anti Cgil e antisindacato.

La gesta­zione della mobi­li­ta­zione è stata lunga e com­pli­cata. E ad influire sulla deci­sione defi­ni­tiva di ieri sono stati i pro­blemi in casa Cisl e Uil. Se le dimis­sioni di Bonanni lasciano nel limbo la Cisl almeno per due set­ti­mane, la let­tera “sepa­rata” di Ange­letti a Renzi di mer­co­ledì ha mostrato come la volontà di arri­vare ad una mani­fe­sta­zione uni­ta­ria delle tre con­fe­de­ra­zioni fosse poca o niente. Così già in mat­ti­nata l’incontro delle segre­te­rie pre­vi­sto per oggi era sal­tato, primo segnale della scelta Cgil.

Camusso ha dun­que deciso di rispol­ve­rare quella “Piazza per il lavoro” già lan­ciata — senza avver­tire gran parte della con­fe­de­ra­zione — l’8 set­tem­bre da Flo­ris. Poi però arrivò il con­ge­la­mento nell’attesa di un con­fronto con Cisl e Uil che mai avverrà. For­mal­mente la porta alle altre due con­fe­de­ra­zioni è lasciata aperta, ma pare quasi impos­si­bile che que­ste accet­tino di con­fluire in una mani­fe­sta­zione su cui l’invisa Fiom ha messo la bandierina.

Fra le cate­go­rie Cgil in molte auspi­ca­vano la solu­zione decisa ieri, a par­tire dallo Spi di Carla Can­tone. Più restia era la Fp Cgil che ha già in pro­gramma una mani­fe­sta­zione uni­ta­ria con­vo­cata per l’8 novem­bre: la mobi­li­ta­zione dei dipen­denti pub­blici però è al momento con­fer­mata e dif­fi­cil­mente salterà.

L’oscillazione del segre­ta­rio gene­rale fra la fuga in avanti e la ricerca dell’unità con­fe­de­rale fino alla — pre­sunta — aper­tura di mer­co­ledì sull’articolo 18 per i neo-assunti aveva creato malu­mori anche nei ter­ri­tori. La deci­sione di ieri ha avuto il merito di met­tere tutti d’accordo: «La sfida del governo è tale che serve subito mobi­li­tarsi. E pazienza se Cisl e Uil non ci saranno», sin­te­tizza un par­te­ci­pante alla riunione.

Camusso però non ha al momento alcuna inten­zione di arri­vare allo scio­pero gene­rale — con­si­de­rato da molti anche in Cgil un’arma ora­mai spun­tata — e vuole tenere un pro­filo «pro­po­si­tivo» per la mani­fe­sta­zione del 25. La mobi­li­ta­zione sarà dun­que incen­trata sulle pro­po­ste Cgil per supe­rare il pre­ca­riato, per esten­dere le tutele al varie­gato mondo che Renzi cerca invece di aiz­zare con­tro il sin­da­cato, per ammor­tiz­za­tori sociali uni­ver­sali e finan­ziati in modo mutualistico.

Altro ele­mento da non sot­to­va­lu­tare: la mani­fe­sta­zione arri­verà in una set­ti­mana deci­siva per la defi­ni­zione della legge di Sta­bi­lità, il vero banco di prova del governo. I 20 miliardi e più di cui Renzi e Padoan hanno biso­gno saranno tro­vati in gran parte tagliando la spesa sociale e nean­che la bou­tade del Tfr in busta paga accon­ten­terà i lavoratori.

L’ultima volta che la Cgil scese in piazza da sola fu il 20 otto­bre 2012. Una mani­fe­sta­zione fatta per rac­con­tare la crisi con stand ter­ri­to­riali e di cate­go­ria. A due anni di distanza San Gio­vanni segnerà una tappa fon­da­men­tale nel destino della Cgil e del sin­da­cato in Ita­lia: rilan­cio come unica oppo­si­zione sociale o tra­monto definitivo.



Related Articles

Gli operai di Pomigliano, rabbia e paura

Reportage di Rassegna sindacale alla vigilia del referendum sull’accordo separato. Parlano i lavoratori, volti tesi e nervosismo allo stabilimento Fiat: “Se ti puntano una pistola alla tempia e ti dicono: dacci il portafoglio, tu che fai?”

Un trattato internazionale sull’energia regala miliardi alle multinazionali

Multinazionali. Un oscuro trattato internazionale sull’energia consente alle multinazionali di fare causa agli stati. Già incassati 51 miliardi di dollari

Carcere ai reporter di Al Jazeera L’Egitto mette il bavaglio ai media

Sette e dieci anni di pena per «aiuto ai Fratelli musulmani». L’intero processo contro i tre giornalisti di Al Jazeera arrestati al Cairo in dicembre è stato una farsa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment