Droghe, persone non molecole

Droghe, persone non molecole

Nei lun­ghi anni della Fini Gio­va­nardi e del «suo» Dipar­ti­mento anti­droga, c’è stato, come si sa, un mondo di ope­ra­tori, scien­ziati, con­su­ma­tori e cit­ta­dini che non ha mai smesso di opporsi e lot­tare per una alter­na­tiva.

Meno forse si sa che den­tro que­sto mondo c’è stato chi, diverso per ruolo e com­pe­tenze, in «dire­zione osti­nata e con­tra­ria» ha con­ti­nuato a lavo­rare sul piano della ricerca e dell’operatività, per un diverso modo di leg­gere i feno­meni del con­sumo di dro­ghe e di intervenire.

Un lavoro di con­tro­ten­denza sul piano nazio­nale ma for­te­mente anco­rato ai con­te­sti inter­na­zio­nali ed euro­pei, un lavoro capar­bio carat­te­riz­zato da risorse mate­riali fra­gili com­pen­sate da impe­gno e competenza.

Appar­tiene a que­sto mondo di mino­ranza — se para­go­nato al pen­siero domi­nante della «malat­tia del cer­vello» — quello che, per ini­zia­tiva di Forum Dro­ghe e Cnca, si è incon­trato a Firenze tra il 4 e il 6 set­tem­bre per pro­porre, discu­tere e svi­lup­pare con oltre cento ope­ra­tori del pub­blico e del pri­vato sociale un nuovo modello ope­ra­tivo in tema di con­sumi di dro­ghe, un «Modello ope­ra­tivo eco­lo­gico verso il con­trollo del consumo».

Di cosa si tratta e per­ché sta riscuo­tendo tanto interesse?

Si tratta innan­zi­tutto di uno svi­luppo dell’approccio di ridu­zione del danno, e già que­sto lo mette all’ordine del giorno, dopo anni di ostra­ci­smo del «quarto pila­stro» delle poli­ti­che sulle droghe.

Ma soprat­tutto si tratta di una sfida scien­ti­fica e ope­ra­tiva, che innova su tre piani principali.

Il primo, lo sguardo: il per­corso che ha por­tato a que­sta pro­po­sta (un pro­cesso di ricerca e spe­ri­men­ta­zione durato oltre 3 anni, incluso un pro­getto euro­peo) ha riat­tra­ver­sato decenni di ricerca inter­na­zio­nale sui con­sumi e ne ha svi­lup­pata a livello locale, evi­den­ziando come i con­su­ma­tori di qual­siasi sostanza — che, è bene ricor­darlo, per la stra­grande mag­gio­ranza hanno un con­sumo non pro­ble­ma­tico — met­tono in atto stra­te­gie effi­caci di auto­con­trollo del pro­prio con­sumo, e che anche quando arri­vano a momenti di “fuori con­trollo” sanno poi ritor­nare a con­sumi più mode­rati. E che, inol­tre, appren­dono dalla pro­pria espe­rienza in modo evo­lu­tivo. Insomma, sem­pli­fi­cando, la «malat­tia cro­nica reci­di­vante» non è il destino, come sostiene il domi­nante sguardo medico. Secondo, gli interventi.

La pro­te­zione dall’abuso e da un uso dan­noso punta a soste­nere le pra­ti­che «natu­rali» di auto­re­go­la­zione, verso un con­sumo il cui grado di «con­trollo» non è det­tato da stan­dard ma da ciò che il con­su­ma­tore pensa sia bene per sé. Que­sta pro­spet­tiva sug­ge­ri­sce che l’astinenza non sia il solo buon obiet­tivo, ma che lo sia riu­scire a soste­nere uno stile di vita desiderabile.

Terzo, il con­te­sto: quel «eco­lo­gico» signi­fica che il con­su­ma­tore va pen­sato nel suo ambiente e non solo di fronte a una mole­cola, e che que­sto ambiente a sua volta è (può essere) fat­tore di pro­te­zione e soste­gno all’autoregolazione. Il con­fronto ser­rato tra ope­ra­tori, ricer­ca­tori, con­su­ma­tori ha aperto una pro­spet­tiva, che ruota non attorno al «defi­cit» di chi con­suma ma alle sue risorse e appren­di­menti (come del resto avviene in tutta la pro­mo­zione della salute), attorno a obiet­tivi non pre-stabiliti da ser­vizi e poli­ti­che ma legit­ti­ma­mente resti­tuiti alla sovra­nità del sog­getto (come del resto det­tano le migliori meto­do­lo­gie della rela­zione di aiuto). Soste­nere l’autocontrollo, insomma, è una pro­spet­tiva e una pra­tica che include, dopo un lungo ostra­ci­smo morale coperto da ragioni pseu­do­scien­ti­fi­che, il con­su­ma­tore tra i cit­ta­dini, quelli che hanno sovra­nità sulla pro­pria salute e sul pro­prio stile di vita.

Tutti i mate­riali su www?.fuo?ri?luogo?.it



Related Articles

Non solo mafia, trent’anni di depistaggi

C ominciamo dalla scena del crimine, cominciamo da lì per ricordare che la morte di Peppino non è ancora un caso chiuso. I binari, il “terrorista” steso in mezzo al suo sangue e ai frammenti della sua bomba. È la prima volta che la mafia usa l’esplosivo per un bersaglio facile, un ragazzo che se ne va in giro di notte e da solo per le campagne di Cinisi. Niente armi corte per un agguato, il modo più semplice per uccidere. Niente lupara bianca, il modo più mafioso per lasciare la firma.

Il grande ricatto tra lavoro e salute

Cosa avrà  deciso ieri pomeriggio il gip Patrizia Todisco? avrà  davvero firmato «il provvedimento di sequestro (senza facoltà  d’uso) degli impianti dell’area a caldo dell’Ilva di Taranto, oppure avrà  accolto i miti, unanimi consigli di governo, padronato, sindacato metalmeccanico, ricamati sul giornale della Confindustria? Si sarà  fidata dei mediatori della Regione?

Grillo contro il tabù delle Amministrative E ora vuole «sporcarsi le mani» e governare

L’ottimismo di Grillo è riposto sulle regioni dove gli errori degli altri hanno dato alle elezioni di oggi il significato di un voto d’opinione, Liguria e Campania su tutte

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment