Argentina, fondi avvoltoi, scadenza il 31

Argentina, fondi avvoltoi, scadenza il 31

Nes­sun passo avanti tra il governo argen­tino e gli avvo­cati dei « fondi avvoltoi » a pochi giorni dalla sca­denza di paga­mento impo­sta dal giu­dice sta­tu­ni­tense Tho­mas Griesa. Per « avvoltoi » s’intende que­gli spe­cu­la­tori che acqui­si­scono «fondi spaz­za­tura», ovvero titoli del debito di paesi in default a prezzo bas­sis­simo e poi si rivol­gono ai tri­bu­nali per rica­varne il mas­simo del guadagno.

E’ quanto acca­duto al governo argen­tino in con­se­guenza della grave crisi del 2001 che ha por­tato il paese in ban­ca­rotta. In seguito, il governo ha impo­stato a diverse riprese un nego­ziato con il 92% dei cre­di­tori. Gli altri (tra que­sti Nml Capi­tal Ltd del miliar­dea­rio Paul Sin­ger e Aure­lius Capi­tal Mana­ge­ment), hanno però deciso di rivol­gersi ai tri­bu­nali. E hanno tro­vato ascolto nelle ripe­tute sen­tenze a loro favore emesse da Griesa. Sen­tenze con­fer­mate dalla Corte suprema di giu­sti­zia Usa, che ha respinto il ricorso pre­sen­tato dall’Argentina, il 16 giu­gno. E tutto è tor­nato nelle mani del magi­strato new­yor­chese, che ha impo­sto a Bue­nos Aires di cor­ri­spon­dere la somma richie­sta ai « fondi avvoltoi » entro il 31 luglio. Il governo Kirch­ner gli ha chie­sto di sospen­dere la sen­tenza in attesa di tro­vare una media­zione. Griesa ha sem­pre rifiu­tato, riman­dando la solu­zione al nego­ziato in corso tra l’Argentina e un media­tore da lui nominato.

Una corsa con­tro il tempo che rischia di far pre­ci­pi­tare l’Argentina in un nuovo bara­tro eco­no­mico: per­ché intanto il giu­dice ha bloc­cato l’erogazione di una rata di paga­mento ai pos­ses­sori di fondi che hanno rine­go­ziato il debito e che potreb­bero anche deci­dere di seguire la pro­ce­dura adot­tata dagli « avvoltoi ». Ieri l’Argentina non ha par­te­ci­pato all’incontro con il media­tore ed è invece tor­nata a denun­ciare la situa­zione al ver­tice del Mer­co­sur, in corso a Cara­cas: come già ha fatto al sum­mit dei Brics in Bra­sile, durante il quale è stata fon­data la banca per lo svi­luppo e isti­tuito un fondo per i paesi mem­bri in dif­fi­coltà finanziarie.



Related Articles

«Basta con l’euro», firmato Oskar Lafontaine

CRISI Critiche dai co-segretari del partito. E intanto si prepara la battaglia congressuale. E in Germania la sinistra litiga e si divide
Con un post, il fondatore della Linke dichiara chiusa l’era della moneta unica

Il primato verde della Germania per due giorni solo rinnovabili

Nelle ultime domeniche Berlino ha coperto il 100% del fabbisogno elettrico con fonti alternative

Moody’s “La Grecia è in default”

La Lagarde pensa a un nuovo prestito Il rating resta C. Scattano i risarcimenti sui cds. A sorpresa gli occupati Usa salgono ancora

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment