Nell’Unione warfare contro welfare

Di fronte allo sce­na­rio mon­diale, dai nuovi pro­ta­go­ni­smi dell’America latina alla più che emersa potenza cinese e rina­scita russa, solo l’Unione Euro­pea resta vas­salla fedele delle poli­ti­che estere degli Stati uniti. La par­ti­tion armata dell’Iraq, la scom­po­si­zione siriana, il caos libico, l’irrisolta que­stione pale­sti­nese e quella koso­vara (lo Stato del Kosovo c’è, dopo i raid Nato, quello pale­sti­nese, dopo 47 anni di riso­lu­zioni Onu, no), il pan­tano afghano, sono solo le emer­genze più acute di una serie di archi di crisi frutto del deca­di­mento Usa dal ruolo ege­mone di unica super­po­tenza dell’ultimo decen­nio del secolo scorso, ad uno tra i big player globali.

L’aggressività dell’allargamento — a guida ame­ri­cana — della Nato a est e nella crisi Ucraina, a ridosso dei con­fini russi, nasconde molto poco sotto il manto della difesa dei valori demo­cra­tici e del ritorno del nemico di sem­pre, la neces­sità di ven­dere sistemi d’arma made in Usa e così gover­nare con l’indotto neces­sa­rio all’intelligence mili­tare anche i com­parti civili euro­pei. E in que­sto sce­na­rio, la Ue non trova nulla di meglio che sot­to­met­tersi ai dik­tat del Dipar­ti­mento di Stato che orien­tano le poli­ti­che estere dei sin­goli stati dell’Unione.

La crisi sca­te­nata dall’incontrollata espan­sione della finanza glo­bale, in parte supe­rata a suon di pre­ca­riz­za­zione e fles­si­bi­lità cre­scenti sia oltre Atlan­tico che sul Vec­chio Con­ti­nente, non fa che acuire que­sta evi­dente subal­ter­nità poi­ché il riarmo, con tutte le sue con­se­guenze eco­no­mi­che e logi­sti­che, le ser­vitù mili­tari, il con­trollo delle infor­ma­zioni e le ubi­qui­ta­rie restri­zioni delle libertà per­so­nali in nome della sicu­rezza, restrin­gono ancor di più l’aria di mano­vra auto­noma comu­ni­ta­ria ad una serie di micro aggiu­sta­menti da gioco dell’oca sociale, per cui se si evi­den­zia un avan­za­mento in certi set­tori, ad esem­pio dell’occupazione, subito si è costretti ad un passo indie­tro in ter­mini di diritti del lavoro.

Que­sto vas­sal­lag­gio è dun­que fun­zio­nale solo ai pro­con­soli dell’Impero, mul­ti­na­zio­nali, appa­rati mili­tari, grandi imprese sistema finan­zia­rio e cre­di­ti­zio, non certo ai cit­ta­dini dei sin­goli Stati euro­pei che pagano in ter­mini di wel­fare il ritorno pre­po­tente al war­fare. E allora che fare? In vista delle for­ma­zione dei gruppi par­la­men­tari al par­la­mento euro­peo e dei Com­mis­sari con le rela­tive dele­ghe, cer­ta­mente il gruppo Socia­li­sta, il Gue ed i Verdi hanno la for­tis­sima respon­sa­bi­lità di bat­tere un colpo in tema di auto­no­mia poli­tica delle azioni comu­ni­ta­rie negli sce­nari che toc­cano diret­ta­mente gli inte­ressi con­ti­nen­tali. In altri ter­mini una netta resi­stenza alle richie­ste di riar­marsi che ven­gono dagli Usa, un dia­logo aperto con la Rus­sia, un ritorno alle pra­ti­che di asso­cia­zione della Tur­chia, per depo­ten­ziare il neo otto­ma­ne­simo di Erdo­gan, una pre­senza sul ter­reno della guerra civile siriana sia con aiuti uma­ni­tari civili che nella media­zione per una riso­lu­tiva Gine­vra 3, il rilan­cio del ruolo di Bru­xel­les nel soste­gno del nuovo governo di unità nazio­nale pale­sti­nese, affian­cati da poli­ti­che con­ti­nen­tali di acco­glienza per i migranti e il soste­gno ai diritti umani nei paesi di grande insta­bi­lità con azioni di coo­pe­ra­zione, sono tra le prio­rità da imporre al nuovo Rap­pre­sen­tante della poli­tica estera comunitaria.

I gruppi pro­gres­si­sti dovreb­bero unirsi su que­sto, sia per con­tra­stare le forze di destra ed anti­eu­ro­pei­ste, sia per­ché l’orizzonte di una vera unione poli­tica passa, come ave­vano intuito i padri fon­da­tori, da una messa in comune delle azioni estere prima ancora che della crea­zione del mer­cato interno.

Non dimen­ti­chiamo che se verrà fir­mato il Trat­tato di com­mer­cio con gli Usa in totale subal­ter­nità poli­tica prima ancora che eco­no­mica, le con­se­guenze saranno deva­stati e solo una parte se ne bene­fi­ce­ranno. Se invece si potrà bilan­ciare il peso delle rela­zioni geo­po­li­ti­che euro­pee inclu­dendo altri par­te­na­riati impor­tanti come quelli che pas­sano attra­verso la Rus­sia la Cina e l’Iran, allora le bilan­cia sarà più equa. Infine, i Socia­li­sti, il Gue ed i Verdi dovreb­bero fare atten­zione alle mano­vre che si stanno facendo su Pascal Lamy come Pre­si­dente della Com­mis­sione. Non dimen­ti­chia­moci la sua para­bola nel Wto ed i suoi fal­li­menti nella gestione di que­sta orga­niz­za­zione iper­li­be­ri­sta. Sarebbe esi­ziale che potesse ripro­porre a livello euro­peo le stesse logi­che che hanno gover­nato il com­mer­cio mon­diale nell’ultimo decennio.


Tags assigned to this article:
NatoriarmoTtipUnione europeawarfareWTO

Related Articles

Khan, un musulmano conquista Londra

Gran Bretagna. Una vittoria oggi del tutto impossibile in altre capitali europee, e che dà a quella britannica il primato di città occidentale tra le più aperte

Nel girone dell’intolleranza

La pena dei ladri nell'inferno di Dante. Illustrazione di Gustave Doré (1857).   La pena dei ladri nell’inferno di Dante. Illustrazione di Gustave Doré (1857)

In Germania il dibattito sul fallimento dell’integrazione inaugurato dal libro di Thilo Sarrazin è ancora acceso. L’idea di una divisione della società  in “produttivi” e “pesi morti” si fa strada, mettendo in pericolo le basi stesse della convivenza.

In Grecia festeggiano gli europeisti

Samaras: «Resteremo nell’euro, basta avventure». Tsipras: «Noi all’opposizione»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment