Il muro del Mediterraneo

Un avve­ni­mento in Europa ha avuto un’eco sim­bo­lica con­si­de­re­vole e con­se­guenze spet­ta­co­lari: si tratta dell’accelerazione della costru­zione del muro del Medi­ter­ra­neo. Per il momento è ancora una costru­zione vir­tuale, o più esat­ta­mente riguarda un com­plesso di isti­tu­zioni e di dispo­si­tivi diversi, di leggi, di polit­che pre­ven­tive e repres­sive, di accordi inter­na­zio­nali for­mali e infor­mali. Ma nell’insieme è ben chiaro lo scopo: si tratta di restrin­gere la libertà di circolazione.

Se non addi­rit­tura di annul­larla del tutto per alcune cate­go­rie di indi­vi­dui e di certi gruppi sociali defi­niti in ter­mini di cate­go­rie etni­che (quindi, alla fine, raz­ziali) e di nazionalità.

Abbiamo però già sotto gli occhi due rea­liz­za­zioni par­ziali di que­sto « muro » molto più con­crete: la loro stessa visi­bi­lità cri­stal­lizza molte ten­sioni sta­tu­ta­rie e degli aspetti spa­ziali del pro­blema della mobi­lità nella geo­po­li­tica attuale. Que­ste prime rea­liz­za­zioni con­crete, situate alle due estre­mità dello spa­zio medi­ter­ra­neo, hanno certo una sto­ria diversa, ori­gini e giu­sti­fi­ca­zioni spe­ci­fi­che, ma la loro somi­glianza mate­rale col­pi­sce chiun­que le abbia osser­vate dal vero o ne abbia visto le imma­gini suc­ces­sive. Cosa che sug­ge­ri­sce di ricer­care delle ana­lo­gie più pro­fonde. Si tratta, come avrete capito, del «muro» che lo stato di Israele costrui­sce nel ter­ri­to­rio pale­sti­nese occu­pato e delle for­ti­fi­ca­zioni in corso di raf­for­za­mento lungo le enclave spa­gnole di Ceuta e Melilla sulla costa maroc­china, che ormai, oltre alla rete di bar­riere elet­tri­fi­cate e delle torri di con­trollo, si accom­pa­gna a defo­re­sta­zioni, livel­la­menti, costru­zione di fos­sati e strade paral­lele ad uso militare.

Lo scopo del muro israe­liano è di bloc­care le incur­sioni di ter­ro­ri­sti pale­sti­nesi, in par­ti­co­lare gli atten­tati sui­cidi. Ma ha chia­ra­mente anche altre fun­zioni: respin­gere fuori dal ter­ri­to­rio israe­liano i lavo­ra­tori e i pale­sti­nesi in cerca di occu­pa­zione, divi­dere lo spa­zio e la società pale­sti­nese, allon­ta­nare i con­ta­dini dalle loro terre, pre­pa­rare l’imposizione uni­la­te­rale della «fron­tiera defi­ni­tiva» di Israele di modo che incor­pori nuove annes­sioni, e in par­ti­co­lare renda perenni le colo­nie ille­gali inse­diate nei ter­ri­tori occupati.

La mura­glia ispano-marocchina ha fatto irru­zione nell’attualità per le tra­gi­che vio­lenze della fine del 2005, pro­vo­cate da un nuovo dispe­rato ten­ta­tivo di oltre­pas­sare la fron­tiera da parte di immi­grati afri­cani, che erano stati con­cen­trati nei mesi e nelle set­ti­mane pre­ce­denti nelle zone limi­trofe. Lo scopo era dis­sua­dere dei gruppi di can­di­dati all’immigrazione, che del resto non erano in mag­gio­ranza ori­gi­nari del Marocco o dell’Algeria ma dell’Africa trans-sahariana, e che si con­cen­trano nei «punti di entrata» sul «ter­ri­to­rio euro­peo» dove tro­vano diverse pos­si­bi­lità di lavoro pre­ca­rio, sotto-pagato e ille­gale. Que­sti due muri hanno come carat­te­ri­stica comune di essere situati sulla riva meri­dio­nale del Medi­ter­ra­neo, dove ci sono delle enclave euro­pee (cioè delle enclave del «Nord» al «Sud») che pro­lun­gano a modo loro un lungo e com­plesso pas­sato colo­niale. Ma adesso la loro fun­zione si ampli­fica, e prendo il rischio di sug­ge­rire, in modo evi­den­te­mente iper­bo­lico, che si tratta di due seg­menti della «grande mura­glia» d’Europa.

La mia ipo­tesi ha qual­cosa di mostruoso, ne sono cosciente. Per­met­te­temi però di sca­vare ancora, con alcuni rife­ri­menti e imma­gini. In primo luogo, dob­biamo ricor­darci che nella sto­ria abiamo potuto osser­vare l’erezione di fron­tiere o di super-frontiere for­ti­fi­cate di sepa­ra­zione di spazi geo-politici, al di là degli stati e delle nazioni, asso­ciate a con­flitti rap­pre­sen­tati come guerre della civiltà asse­diata dai bar­bari, o come scon­tri tra sistemi poli­tici incom­pa­ti­bili. A volte sotto forma di mura­glie o di bar­riere fisi­che, altre sotto forme più mobili e tec­ni­ca­mente più com­plesse. Allora non pen­siamo solo più alla Mura­glia di Cina, ma al limesromano, o, in tutt’altro con­te­sto, alla bar­riera elet­tri­fi­cata costruita dall’esercito fran­cese durante la guerra d’Algeria alle due estre­mità del ter­ri­to­rio alge­rino, o ancora alla «cor­tina di ferro», il «Muro di Ber­lino» (che, va sot­to­li­neato, venne costruito dai regimi della dit­ta­tura comu­ni­sta, per proi­bire ai loro stessi cit­ta­dini di spo­starsi, di eser­ci­tare il «diritto di fuga», secondo l’espressione di San­dro Mez­za­dra). La sto­ria, quindi, con tutta la sua com­ples­sità, si ripete, ma su uno sfondo di nuove con­fi­gu­ra­zioni eco­no­mi­che, poli­ti­che, ideologiche.

Non si tratta di un feno­meno tipi­ca­mente euro­peo. Gli svi­luppi più simili sono quelli in corso alla fron­tiera degli Stati uniti e del Mes­sico, dove i primi hanno comin­ciato a costruire (anche se, que­sta volta, sul loro ter­ri­to­rio) una mura­glia mate­riale e vir­tuale il cui obiet­tivo è di bloc­care i punti di entrata per i migranti di tutta l’America latina (in par­ti­co­lare dell’America cen­trale) che tran­si­tano dal Mes­sico – non senza resi­stenze e con­trad­di­zioni negli Usa stessi, d’altronde, per­ché un blocco com­pleto esau­ri­rebbe la fonte di lavoro sotto-pagato e non pro­tetto che è uno dei mezzi per pre­ser­vare il livello di vita ame­ri­cano. Il muro esi­ste già lungo la fron­tiera cali­for­niana, e com­porta una serie di con­se­guenze disa­strose anche per l’ambiente.

Il suo pro­lun­ga­mento per cen­ti­naia di miglia, a un costo di miliardi di dol­lari, è ancora oggetto di vivaci discus­sioni, ma la deci­sione di prin­ci­pio è stata presa dal Con­gresso. E’ inte­res­sante ricor­dare che una delle prin­ci­pali giu­sti­fi­ca­zioni ideo­lo­gi­che di que­sto pro­getto è stata pro­cu­rata in que­sti ultimi anni da Samuel Hun­ting­ton, già autore di Clash of Civi­li­za­tion, e che in un’altra opera inti­to­lata Whoare we? (2004) svi­luppa a lungo l’analogia tra la «minac­cia arabo-islamica» sull’identità euro­pea e la «minac­cia ispa­nica» sull’identità sta­tu­ni­tense «anglo-sassone» e «protestante».



Related Articles

Provenzano, in isolamento o no? Le Procure si dividono sul boss

Il Guardasigilli favorevole al 41 bis, per i medici è ormai incapace di intendere

Costa d’Avorio, strage di donne. Manifestavano contro Gbagbo

Costa d'Avorio, strage di donne Manifestavano contro Gbagbo

La polizia ha aperto il fuoco su una manifestazione di sostenitrici di Ouattara, riconosciuto vincitore delle ultime elezioni dalla comunità  internazionale. L’autoproclamato presidente sta tagliando i rifornimenti alle zone dominate dall’opposizione. L’Onu: “A un passo dalla crisi umanitaria”

Traffico intenso nel Medi­ter­ra­neo listato a lutto

Ancora un naufragio, questa volta al largo dell’isola greca di Lesbo: muoiono un bambino di due anni e una donna. Risultano disperse altre undici persone

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment