Assedio a Gezi Park manganelli contro i fiori dei ragazzi di Istanbul

Assedio a Gezi Park manganelli contro i fiori dei ragazzi di Istanbul

MANGANELLI contro i fiori, idranti contro i libri: all’approccio “tranquillo” dei manifestanti di Istanbul, decisi a commemorare pacificamente le vittime della repressione, il governo turco ha risposto con il pugno di ferro. È passato un anno dall’inizio delle contestazioni di Gezi park, ma la tolleranza di Recep Tayyip Erdogan verso ogni critica è sempre vicina a zero. Nonostante la presenza di telecamere e giornalisti da tutto il mondo, la città più popolosa della Turchia è tornata a essere sfondo per scene da guerriglia urbana: proiettili di gomma, cassonetti dati alle fiamme, lacrimogeni.
Erdogan aveva ordinato alla polizia di stringere d’assedio la città e impedire in tutti i modi le manifestazioni nella zona di piazza Taksim e parco Gezi. Per far tacere i contestatori il premier ha messo in campo 25 mila agenti, molti trasferiti da altre città e sottoposti a turni eccezionali di dodici ore, con uno schieramento massiccio di blindati ed elicotteri. La polizia è arrivata a fermare i traghetti che collegano le due metà della città, allestendo poi posti di blocco nei ponti sul Bosforo, allo scopo di impedire il passaggio dei dimostranti.
Nelle strade vicine a piazza Taksim, gli agenti hanno cominciato la giornata arrestando “preventivamente” una trentina di giovani. La folla dei manifestanti è stata costretta a fermarsi su Istiklal avenue, dove i leader del movimento hanno letto una dichiarazione. Dopo qualche tentativo di forzare il blocco, attorno alle 19 lo scontro si è acceso, sono partiti sassi contro i camion Toma dotati di idranti, sono piovuti sull’asfalto i primi candelotti lacrimogeni.
Più meno alla stessa ora la polizia stava usando i gas anche nel centro di Ankara, e nella città di Adana, nel sud della Turchia.
Un fotografo italiano è stato ferito lievemente da un candelotto lacrimogeno. Meglio è andata a Ivan Watson, corrispondente della Cnn, strattonato da un agente in borghese mentre era in diretta. Davanti alla telecamera Watson ha fornito i documenti,ma non è bastato, e il cronista americano ha dovuto interrompere il servizio per seguire il poliziotto al commissariato. Secondo il racconto dello stesso giornalista, i poliziotti lo
hanno persino costretto a inginocchiarsi, salvo poi scusarsi. La disavventura è durata mezz’ora, tempo più che sufficiente perché la notizia facesse il giro del mondo, con esiti poco lusinghieri per il governo Erdogan.
Le notizie della nuova ondata di repressione hanno suscitato reazioni persino alla Harvard university, dove un professore ha messo in imbarazzo Abdullah Gul, in visita nell’ateneo. Durante un incontro con gli studenti, il docente di Medicina Emrah Altindis ha contestato il presidente turco: «Come può dormire la notte quando la gente in Turchia muore? Il suo primo ministro marchia come terroristi ragazzini di 14 anni. Non vede che le sue mani grondano sangue? Come può venir qui e raccontare menzogne sulla democrazia?».


Tags assigned to this article:
Gezi ParkRecep Tayyip ErdoganTurchia

Related Articles

Egitto, il giorno dopo

Il Cairo si sveglia, per la prima volta dopo trenta anni, con la sensazione di essere padrona del proprio destino

“Stamani ci siamo svegliati e il regime non c’era più“, la moglie del mio portiere mi saluta così. Cammino per strada e le persone sorridono rilassate, dopo trent’anni d’apnea tornano a respirare. Giro l’angolo della mia via e ci sono bambini che giocano a pallone, l’area attorno al ministero degli Interni non ha ancora riaperto al traffico. Incontro Mohsen, il tutto fare del mio palazzo, mi saluta commosso e mi dice: “Ti ricordi quando il 23 gennaio ti ho detto che quello che era successo in Tunisia poteva accadere anche qua e tu mi hai risposto – impossibile, non succederà  mai!”, ridiamo e ci abbracciamo.

Istanbul, «doppio attentato» all’areoporto

E’ di 36 morti e 147 feriti il bilancio provvisorio ufficiale dell’attacco di ieri sera nell’aeroporto di Istanbul, dove almeno tre attentatori hanno sparato e si sono poi fatti esplodere tra la folla

Comincia la stagione delle ruspe, sgomberato a Roma il Baobab

Polizia etnica. Blindati e ruspa nella tendopoli dove dormivano 130 migranti, ora abbandonati in strada. Salvini: «Basta zone franche»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment