Sanità Corruzione fa rima con privatizzazione

Sanità Corruzione fa rima con privatizzazione

Il rap­porto dell’Ispe – Sanità sulla cor­ru­zione è chiaro e cir­co­stan­ziato: ogni anno in Ita­lia but­tiamo via 23,6 miliardi tra cor­ru­zione, spre­chi e inef­fi­cienze. Sui 114 mld di spesa sani­ta­ria del 2013, sono stati sper­pe­rati 6,4 mld per cor­ru­zione, 3,2 mld per inef­fi­cienza e 14 mld per spre­chi di risorse. Il Sud è in testa con il 41% dei casi, il 30% al Cen­tro, il 23% al Nord e il 6% riu­ni­sce diversi reati com­piuti in luo­ghi dispa­rati. Le tipo­lo­gie del “magna magna” com­pren­dono le nomine, i far­maci, gli acqui­sti. Ma andiamo con ordine.

Le nomine, quindi i costi dell’ingerenza poli­tica; la far­ma­ceu­tica (aumento arti­fi­cioso dei prezzi, com­pa­rag­gio, pre­scri­zioni fasulle, pre­scri­zioni non neces­sa­rie, rim­borsi taroc­cati ecc), le gare per gli acqui­sti (non neces­sa­rie, pro­ce­dure non cor­rette, car­telli, infil­tra­zione cri­mi­nali, carenza di con­trolli, false atte­sta­zioni di for­ni­ture, ecc),le mani­po­la­zioni dei malati(liste d’attesa, dirot­ta­mento verso sanità pri­vata; false dichia­ra­zioni (intra­moe­nia); omis­sione di ver­sa­menti (intra­moe­nia); le fal­si­fi­ca­zioni dei requi­siti (man­cato con­trollo del pri­vato, scarso tur­no­ver, pre­sta­zioni inu­tili, false regi­stra­zioni drg, ecc).

A que­sti costi docu­men­tati ne man­cano all’appello molti altri che l’Ispe non ha saputo docu­men­tare, quelli ad esem­pio ricon­du­ci­bili alla medi­cina difen­siva che da sola rap­pre­senta secondo alcune stime un costo tra i 10 e i 14 mld l’anno, i costi per pri­ma­riati inu­tili, per l’apertura di strut­ture com­plesse super­flue, per acqui­si­zioni di tec­no­lo­gie non qua­li­fi­cate, per la lot­tiz­za­zione ed altro ancora. Se andiamo a vedere poi il piano degli esiti dell’Agenas ven­gono fuori molte stra­nezze che dimo­strano, ben­ch­mark alla mano, come in molti casi i malati siano curati male, in modo dise­guale e inap­pro­priato, come le strut­ture siano oggetto di abusi cli­nici, come il ricorso alle tec­no­lo­gie sia spesso ingiu­sti­fi­cato. Tutto que­sto vuol dire che alla fine dei conti, tenen­doci bassi ma molto bassi, almeno ¼ della spesa sani­ta­ria pub­blica è per una ragione o per l’altra abu­siva. Le solu­zioni che il rap­porto Ispe avanza a dir il vero appa­iono risi­bili per­ché si basano sostan­zial­mente su modi­fi­che dei modelli gestio­nali facendo l’errore ancora una volta di sup­porre, come quando furono isti­tuite le aziende, che la solu­zione sia gestio­nale. Ma la gestione spesso è la prima causa della corruzione.

Allora la solu­zione è neces­sa­ria­mente poli­tica. Abbiamo un sistema mar­cio che dovrebbe essere rifor­mato. Col­pi­sce che quanto si spende com­ples­si­va­mente per il mal­co­stume cor­ri­sponde all’incirca a quanto spende com­ples­si­va­mente il cit­ta­dino per com­pen­sare nel pri­vato ciò che non gli è garan­tito dal pubblico,(almeno 30 mld), il che vuol dire che la cor­ru­zione nel sistema è uno dei più potenti fat­tori della sua pri­va­tiz­za­zione. Non si difende la natura pub­blica della sanità senza estir­pare la corruzione.

La seconda cosa che col­pi­sce è che in que­sti anni di tagli lineari, di spen­ding review, di piani di rien­tro, la spesa sani­ta­ria è stata con­te­nuta, a sca­pito della fun­zio­na­lità dei ser­vizi e dei diritti dei cit­ta­dini ma non a sca­pito della cor­ru­zione che da quel che sem­bra è cre­sciuta anche con i tagli lineari. Que­sto ci dice sem­pli­ce­mente che le regioni e le aziende, quali prin­ci­pali respon­sa­bili della spesa, sono da rifor­mare per palese immo­ra­lità e inaf­fi­da­bi­lità istituzionale.

Oggi si è aperta la discus­sione sul titolo V. Bene pren­diamo atto del pro­filo cor­rotto delle regioni e delle aziende e limi­tiamo i loro poteri tanto gestio­nali che di governo. Trovo discu­ti­bile riac­cre­di­tare isti­tu­zioni scre­di­tate come se fos­sero isti­tu­zioni irre­pren­si­bili. Si accre­scano da parte del governo i poteri di com­mis­sa­ria­mento su di loro, sugli esiti della gestione, si pre­veda la rimo­zione auto­ri­ta­ria dagli inca­ri­chi, ma a par­tire non dai bilanci ma dai diritti, cioè ogni qual­volta le tutele pub­bli­che non sono garan­tite tanto l’assessore che il diret­tore gene­rale vanno a casa.

L’ultima cosa riguarda il rap­porto tra spesa sani­ta­ria e il Def. Se è vero che in sanità esi­stono due spese, una cor­retta e una cor­rotta allora esi­stono due Pil, uno vir­tuoso e un cri­mi­noso, a quale dei due ci si dovrebbe rife­rire per quan­ti­fi­care il fab­bi­so­gno finan­zia­rio della sanità? Tanto per il governo che per le regioni il fab­bi­so­gno che si deci­derà per la sanità è al lordo o al netto della cor­ru­zione? Se è al netto, quali poli­ti­che si ren­dono neces­sa­rie per sal­va­guar­dare i diritti delle per­sone? E’ del tutto evi­dente che per tagliare sulla cor­ru­zione biso­gna rifor­mare il sistema. Allora quale riforma?



Related Articles

La tela pachistana di Lady Taliban La diplomatica Usa indagata dall’Fbi

Amica dei Clinton, odiata dall’India. Ora è sospettata di essere un agente doppio

Muccioli, la crisi del potere

La notizia è una di quelle che qualche tempo fa sarebbe apparsa sulla rubrica della Settimana Enigmistica “Incredibile ma vero”. L’Azienda Sanitaria Locale di Milano 1 ha chiamato Andrea Muccioli a fare l’arbitro sulla qualità  dei servizi delle dipendenze, come consulente esterno alla rispettabile cifra di trecentomila euro l’anno.

Il Jobs Act produce precariato, nuova conferma nello studio della Fondazione Di Vittorio

La Fondazione Di Vittorio evidenzia la realtà rimossa fino al 4 marzo: record di insicurezza lavorativa e sociale. La crescita è trainata dal lavoro a termine e dal part-time

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment