Rana Plaza, il giorno che la mia vita cambiò per sempre

Il 24 aprile dell’anno scorso la mia vita è cam­biata per sempre.
Mi chiamo Shila Begum e ho 24 anni. Vivo in Ban­gla­desh e lavoro nella filiera del tes­sile. Da quasi un anno però non sono più in grado di fare nulla. Sono trau­ma­tiz­zata e il brac­cio mi fa male. Non posso più lavo­rare e non so se riu­scirò mai più a met­tere piede in una fabbrica.
Per oltre due anni ho lavo­rato nel palazzo Rana Plaza, a Dacca. Prima come aiu­tante, tagliando migliaia di fili di orli, tasche e fianchi.
Poi sono stata pro­mossa come addetta alla cuci­tura, con due aiu­tanti di 15 anni cia­scuna. Le gior­nate erano lun­ghe, spesso con turni di dieci ore e un giorno di riposo a settimana.
Il 24 aprile la mia vita è cam­biata per sem­pre. Il giorno prima tutti i lavo­ra­tori e le lavo­ra­trici erano stati fatti eva­cuare per alcune grosse crepe com­parse sui muri del palazzo. Il giorno dopo, nes­suno voleva entrare. Alla fine sono entrata. Se ti minac­ciano di lasciarti un mese senza sti­pen­dio, cosa fai?
Quel giorno dello scorso aprile, appena pochi minuti dopo che avevo ini­ziato a lavo­rare alla mia mac­china da cucire, la cor­rente è andata via e il gene­ra­tore si è messo in fun­zione. Ho sen­tito una scossa e il pavi­mento che spro­fon­dava. Le per­sone hanno ini­ziato a cor­rere in preda al panico e il sof­fitto è crol­lato. Ho cer­cato di pro­teg­germi la testa, ma sono rima­sta inca­strata tra le mace­rie. La mia mano era bloc­cata e ho pen­sato che sarei morta. Le per­sone intorno a me mori­vano, alcuni ave­vano gli occhi fuori dalle orbite e l’intestino che fuo­riu­sciva dalla pancia.
Sono rima­sta intrap­po­lata per tutto il giorno e, come molti altri intorno a me, urlavo chie­dendo aiuto. Alla fine, alle 5 di pome­rig­gio, qual­cuno mi ha tratto in salvo: cer­ca­vano di sol­le­vare le lastre di cemento sopra di noi. Da entrambe le parti delle lastre c’erano per­sone che cer­ca­vano di tirarmi fuori e alla fine ci sono riu­sciti. Ma il peso del cal­ce­struzzo aveva espulso il mio utero e così mi hanno por­tato in ospe­dale. Alle 11 di sera me lo hanno tolto completamente.
Io e mia figlia ci era­vamo dovute spo­stare a Dacca in cerca di lavoro pochi anni prima, quando era morto mio marito. Avevo tra­scorso i sette anni pre­ce­denti a casa per pren­dermi cura di mia figlia, ma con la morte del marito que­sto non era più pos­si­bile. Dovevo farmi carico dei gua­da­gni della fami­glia. Quando arri­vammo a Dacca, pren­demmo una stanza a Savar, zona palu­dosa con fab­bri­che sparse qua e là. Uno di que­sti edi­fici era il Rana Plaza.
Adesso ho biso­gno di cure medi­che e sogno per mia figlia una vita diversa dalla mia: per que­sto mi ser­vono soldi. Le tasse uni­ver­si­ta­rie pos­sono anche essere acces­si­bili, ma tutto il resto costa, come scarpe, libri, uni­formi. Ho una figlia intel­li­gente ma nes­suna pos­si­bi­lità di avere que­sti soldi ora.
La Cam­pa­gna Abiti Puliti insieme ai sin­da­cati inter­na­zio­nali e locali sta con­du­cendo una cam­pa­gna di pres­sione per­ché tutte le imprese mul­ti­na­zio­nali pre­senti al Rana Plaza ver­sino un con­tri­buto nel Fondo per il risar­ci­mento che com­prende tutte le vit­time: oltre mille e cento. Io sono una di que­ste e in que­sti giorni sono qui in Ita­lia a nome di tutte quelle per­sone che stanno sof­frendo per­ché hanno perso tutto e non vedono un futuro.
La mia bat­ta­glia è anche per loro e per il futuro dei nostri figli. Alle aziende inter­na­zio­nali per le quali cuci­vamo i vestiti non chie­diamo bene­fi­cenza ma solo ciò che ci spetta. Noi abbiamo dato tutto ai nostri datori e ai mar­chi inter­na­zio­nali. Il nostro lavoro, il nostro sudore, ore e ore di straor­di­nari sot­to­pa­gati, abbiamo dato anche la vita.
Come pos­sono pen­sare di non pagare ciò che ci spetta di diritto?


Tags assigned to this article:
Rana Plaza

Related Articles

Libia, quattro italiani rapiti dai jihadisti

Libia. Si tratta di 4 impiegati della Bonatti di Parma, fornitore dell’Eni.Secondo fonti militari di Tripoli, i rapitori apparterrebbero al gruppo «Geish al Qabila»

Meno ma tanti. Settima giornata di protesta contro la riforma delle pensioni di Sarkozy

PARIGI. La protesta contro la riforma delle pensioni tiene. Ieri, è stata la settima giornata di manifestazioni e di scioperi. La mobilitazione era in calo rispetto al 19 ottobre, ma i sindacati si aspettavano questo risultato, visto che la Francia è in vacanza per i Santi (dieci giorni nelle scuola) e l’adesione agli scioperi diminuisce anche perché lu buste paga si assottigliano. Ieri, ci sono stati 92 cortei in tutta la Francia, a Parigi erano in 170mila (la metà  rispetto al 19 ottobre). Agitazioni in sei università  (su 83), mentre gli scioperi hanno dimezzato il traffico aereo.

“La Russia unico fornitore sicuro in arrivo il boom delle auto a gas”

Miller (Gazprom):”Nel 2011 prezzi in crescita del 25%”. L’Europa deve ripensare le sue idee sulla sicurezza, per ridurre la dipendenza dalla cattiva Russia si affida a paesi instabili come la Libia. Alla presentazione del progetto a Bruxelles Scaroni prima non voleva venire, poi ha insistito per parlare. Un cambiamento straordinario

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment