Iran Condannato a morte, salvato dalla madre della vittima

Iran Condannato a morte, salvato dalla madre della vittima

Nel Mazan­da­ran, regione set­ten­trio­nale che si affac­cia sul mar Caspio, un ira­niano con­dan­nato a morte è stato rispar­miato quando era già tutto pronto per l’esecuzione pubblica.

L’Iran Human Rights, ong che si batte con­tro la pena di morte, ha rac­con­tato i par­ti­co­lari del per­dono, con­cesso al 24enne, Balal Abdul­lah, in pro­cinto di scon­tare la con­danna per l’omicidio, avve­nuto durante una lite in strada, sette anni fa, di Abdol­lah Hosseinzadeh.

Sarebbe spet­tato ai fami­liari della vit­tima togliere la sedia per pro­ce­dere con l’impiccagione, ma la madre della vit­tima si è accon­ten­tata di schiaf­feg­giare il con­dan­nato comu­ni­cando il suo per­dono. È stato poi il padre di Abdol­lah a togliere il cap­pio dal collo del con­dan­nato. Balal tor­nerà ora in pri­gione. Secondo la legge ira­niana, i fami­liari delle vit­time pos­sono avere l’ultima parola in caso di con­danna a morte.

L’episodio rilan­cia l’attenzione sul caso Rey­ha­neh Jab­bari, 26enne con­dan­nata a morte per l’omicidio, sette anni fa, di un fun­zio­na­rio del mini­stero dell’Intelligence che aveva ten­tato di vio­len­tarla, e a rischio impic­ca­gione. Jab­bari era stata arre­stata nel 2007 per l’assassinio di Mor­teza Abdo­lali Sar­bandi. Dopo l’arresto, la donna era stata rin­chiusa per due mesi in iso­la­mento nel temi­bile car­cere di Evin. Jab­bari aveva con­fes­sato di aver com­messo l’omicidio, soste­nendo di aver agito per autodifesa.



Related Articles

Referendum, gaffe e milioni

Boschi dimentica la Costituzione: chi invita a votare No non rispetta il parlamento. Poi tenta di correggersi. Renzi conferma lo slittamento: si vota a novembre, il 13 o il 20

Il precariato a scuola è illegale e la Consulta grazia Renzi

I docenti precari dopo 36 mesi di servizio vanno assunti, ma non il personale Ata a cui è riconosciuto solo un indennizzo

Alla Corte internazionale di giustizia il dossier sui Rohingya in Myanmar

Sud-est asiatico. Da ieri mattina i magistrati della Corte internazionale di giustizia dell’Aja (Icj), il tribunale dell’Onu, hanno in mano il primo rapporto sulla condizione della minoranza musulmana dei Rohingya

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment