Siria, scontro decisivo: contro Assad il sostegno turco all’opposizione

Siria, scontro decisivo: contro Assad il sostegno turco all’opposizione

La Lega araba ha con­cluso mer­co­ledì il suo ver­tice in Kuwait dedi­cato in buona parte alla guerra civile siriana, appel­lan­dosi da un lato all’intervento del Con­si­glio di Sicu­rezza per fer­mare il con­flitto in Siria e dall’altro invo­cando, per bocca del prin­cipe ere­di­ta­rio sau­dita Sal­man, l’invio di rifor­ni­menti di armi alle mili­zie — siriane e jiha­di­ste stra­niere — «per alte­rare la situa­zione sul campo» che, nell’ultimo anno, ha visto le forze gover­na­tive recu­pe­rare il con­trollo di una parte del ter­reno per­duto tra il 2011 e il 2012. Dopo aver subito scon­fitte deva­stanti a Qusair (nel 2013) e a Yabroud, pochi giorni fa, e la per­dita del con­trollo della fron­tiera con il Libano – da dove arri­va­vano inte­gra­li­sti sun­niti e armi — l’opposizione ha lan­ciato venerdì scorso un’offensiva a Kasab, un valico sulla fron­tiera tra Siria e Libano, che ha colto di sor­presa l’Esercito siriano pro­prio nella pro­vin­cia di Lata­kiya roc­ca­forte degli ala­witi e della fami­glia Assad.

È in corso una bat­ta­glia feroce, di grande impor­tanza per le mili­zie del Fronte al Nusra (ala siriana di al Qaeda) e dell’Esercito libero siriano (il brac­cio armato della Coa­li­zione Nazio­nale dell’opposizione). Tra i caduti ci sono anche tre parenti del pre­si­dente Bashar Assad, tra cui il cugino, Hilal al Assad, capo della Difesa Civile, la forza para­mi­li­tare a soste­gno delle forze armate gover­na­tive. Obiet­tivo dell’offensiva è quello di creare una testa di ponte in una zona stra­te­gica, in grado di dare all’opposizione un pas­sag­gio sicuro per i rifor­ni­menti di armi ed equi­pag­gia­menti, e di com­pen­sare la per­dita del con­trollo della fron­tiera tra Libano e Siria.

Essen­ziale in que­sta fase è il soste­gno di Ankara che ha fatto capire le sue inten­zioni qual­che giorno fa abbat­tendo un Mig siriano. Il pre­mier turco Erdo­gan, anche per ragioni elet­to­rali, ha deciso di inter­ve­nire nel con­flitto, per ora con un forte appog­gio dalle retro­vie, per­chè ha com­preso che Assad non è così debole e iso­lato come cre­deva sino ad un anno fa. E lo ha fatto rom­pendo l’accordo non dichia­rato di non tra­sfor­mare la Tur­chia in una base di lan­cio base per l’opposizione sirian armata.

Assad ha avuto il torto di sot­to­va­lu­tare le mosse di uno dei suoi più acca­niti nemici. Al Nusra e l’Esl stanno facendo pro­gressi e hanno costretto l’Esercito gover­na­tivo ad inviare a Kasab truppe fre­sche e ben adde­strate per respin­gere l’assalto. È que­sto il secondo obiet­tivo dell’offensiva: obbli­gare Dama­sco a con­cen­trare parte delle sue forze nella pro­vin­cia di Latakiya.

Così l’Esercito gover­na­tivo avrà meno uomini da impie­gare nel sud del Paese dove al Nusra, l’Esl e una cin­quan­tina di gruppi isla­mi­sti si sono uniti in una nuova alleanza mili­tare e, gra­zie alle armi e muni­zioni (pagate dai sau­diti) che entrano dalla Gior­da­nia, sono pronti a lan­ciare un attacco verso Dama­sco, che dista meno di 100 chi­lo­me­tri. Hanno già preso il con­trollo di Qunei­tra e di altre loca­lità nelle alture del Golan occu­pate da Israele.

Non è noto se alla bat­ta­glia di Kasab stiano par­te­ci­pando, dalla parte di Dama­sco, anche com­bat­tenti sciiti di Hez­bol­lah e dalla bri­gata Abbas, che hanno gio­cato un ruolo impor­tante nelle bat­ta­glie di Quseir e Yabroud e per il con­trollo del monte Qala­moun. È pre­ve­di­bile un loro impiego se le cose peg­gio­rano: ora ser­vono a sud e alla fron­tiera libanese.

L’opposizione e suoi nume­rosi spon­sor regio­nali e occi­den­tali pun­tano a sfian­care l’Esercito gover­na­tivo che ha retto all’urto delle forze ribelli ma ha per­duto sino ad oggi 30 mila sol­dati (altre migliaia sono rima­sti feriti gra­ve­mente). Per­dite che l’Esercito pensa di col­mare con la leva di 20mila gio­vani (ancora nelle scuole) nei pros­simi tre anni. Un costo sociale enorme per una popo­la­zione sfi­nita da tre anni di com­bat­ti­menti, atten­tati jiha­di­sti, stragi a sfondo reli­gioso, bombardamenti.

Un bagno di san­gue che ha fatto oltre 140mila morti e costretto milioni di siriani ad abban­do­nare le loro case. Senza dimen­ti­care l’economia ferma e l’inflazione alle stelle. Su que­sta fra­gi­lità di Dama­sco gio­cano Usa e l’Arabia sau­dita – a breve un sum­mit tra Obama e re Abdal­lah – per far crol­lare Bashar Assad desti­nato ad essere sem­pre più dipen­dente dall’aiuto eco­no­mico e mili­tare dell’Iran e della Russia.


Tags assigned to this article:
guerra in Siria

Related Articles

Zapatero evita despejar la incertidumbre sobre un adelanto electoral

“Lo que los ciudadanos quieren anticipar es la recuperacià³n econà³mica”, dice en San Petesburgo. “Todo a su tiempo”, ha contestado José Luis Rodrà­guez Zapatero cuando se le ha preguntado por un posible adelanto de las elecciones y por la sustitucià³n del candidato in pectore del PSOE, Alfredo Pérez Rubalcaba, como ministro del Interior.

Red wall. Il feudo rosso del Nord tradisce il Labour per la Brexit

Le elezioni nel Regno unito. Demolito il «red wall»: gli ex operai non hanno votato per Johnson, ma per il divorzio dall’unione Europea. Al Labour resta la consolazione di Londra

Terremoto sul tetto del mondo più di mille morti in Nepal Una valanga fa strage di scalatori

Centinaia ancora intrappolati sotto le macerie a Katmandu Crolla la torre simbolo Dharahara piena di turisti. Villaggi spazzati via

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment