La «gauche» intollerante e la crisi ideologica francese

La crisi attuale dell’Unione euro­pea non è solo eco­no­mica e finan­zia­ria; è anche, forse anzi­tutto, una crisi politico-ideologica, come ha riba­dito Sla­voj Zizek. Una delle espres­sioni più mani­fe­ste e allar­manti di tale crisi è la pre­senza in Europa di set­tori cre­scenti di opi­nione pub­blica che espri­mono orien­ta­menti intol­le­ranti verso gli altri, di par­titi di stampo popu­li­sta acco­mu­nati da pro­grammi e reto­ri­che anti-immigrati e anti-rom, non­ché di frange aper­ta­mente raz­zi­ste, neo­na­zi­ste, spesso anche omo­fo­bi­che.
Quasi ovun­que la cre­scita dell’area dell’intolleranza è favo­rita dagli effetti sociali della crisi eco­no­mica e dalla frat­tura, sem­pre più pro­fonda, che divide le classi super-agiate dalla mol­ti­tu­dine che com­prende i poveri, i sala­riati, i social­mente declas­sati e coloro che vivono nella paura, fon­data, del declas­sa­mento. Hanno il loro peso anche la crisi della rap­pre­sen­tanza e, in buona misura, ciò che abbiamo defi­nito raz­zi­smo demo­cra­tico, pra­ti­cato da par­titi di cen­tro e finan­che di sini­stra, che cer­cano di ricon­qui­stare popo­la­rità e con­senso elet­to­rale attra­verso la com­pe­ti­zione con la destra.Esem­plare è il caso della Fran­cia attuale, che vede una società sem­pre più seg­men­tata, segnata da dif­fi­coltà cre­scenti di con­vi­venza tra diversi, afflitta da una grave crisi anche iden­ti­ta­ria. Qui la spet­ta­co­lare avan­zata elet­to­rale del Front Natio­nal gui­dato da Marine Le Pen ha inne­scato un pro­cesso di rin­corsa a destra dei par­titi di cen­tro e per­fino di sini­stra sui temi dell’identità nazio­nale, dell’immigrazione, della pre­senza dei rom, del ruolo dell’islam. Le Pen ha avuto la fur­bi­zia d’imbellettare il suo discorso con reto­ri­che quali la difesa della lai­cità e dei valori repub­bli­cani, ren­dendo così più dige­ri­bile il suo pro­gramma, che resta comun­que sostan­zial­mente razzista.
È nel ten­ta­tivo vano di con­tra­stare l’ascesa del Front Natio­nal, sot­traendo ai lepe­ni­sti lo scet­tro sicu­ri­ta­rio, che Nico­las Sar­kozy, fin dall’esordio come pre­si­dente della Repub­blica, indu­ri­sce la poli­tica dell’immigrazione e pro­muove un dibat­tito sull’identità nazio­nale, la cui idea di fondo, impli­cita, è depu­rare la nazione dalle sco­rie degli estranei.La medio­cre pre­si­denza di Sar­kozy all’insegna di legge-e-ordine, ma solo per gli altri (lui è al cen­tro di nume­rosi scan­dali politico-economici), ha lasciato un segno pro­fondo nell’opinione pub­blica e nella classe poli­tica: si pensi alla tor­sione dell’Ump, il suo par­tito, in senso intol­le­rante, in qual­che caso aper­ta­mente raz­zi­sta, e alla poli­tica che poi espri­merà il Par­tito socia­li­sta su que­stioni riguar­danti l’immigrazione e soprat­tutto la “que­stione rom”.
Se si con­si­dera che la popo­la­zione rom pre­sente oggi in Fran­cia non supera le ven­ti­mila per­sone, di cui la metà bam­bini, si può cogliere quanto tale “que­stione” sia gon­fiata ad arte, rin­ver­dendo la dif­fusa osti­lità anti­zi­gana, tratto costi­tu­tivo della sto­ria fran­cese, così come la ten­denza a fare dei rom il capro espiatorio.In par­ti­co­lare, dalla pre­si­denza di Sar­kozy fino a quella di Hol­lande, con­tro i rom sono aumen­tati gli enun­ciati e gli atti raz­zi­sti o comun­que irri­spet­tosi di diritti umani basi­lari: sgom­beri vio­lenti degli inse­dia­menti irre­go­lari, tal­volta sol­le­ci­tati anche da sin­daci di sini­stra o di estrema sini­stra; espul­sioni in massa di per­sone ine­spel­li­bili in quanto cit­ta­dini dell’Unione euro­pea; per­fino attac­chi con acido cor­ro­sivo da parte di “per­sone esa­spe­rate”, nel cuore di Parigi.Men­tre par­teg­giava per la can­cel­la­zione della parola «razza» dalla Costi­tu­zione, il mini­stro dell’Interno, il socia­li­sta Manuel Valls, ria­bi­li­tava il buon vec­chio raz­zi­smo soste­nendo, il 24 set­tem­bre 2013, l’inassimilabilità dei rom; in con­ti­nuità, in fondo, con ciò che un paio di mesi prima aveva osato dichia­rare Gil­les Bour­dou­leix, deputato-sindaco dell’Udi, altro par­tito detto di cen­tro: «Hitler non ne ha uccisi abbastanza».«Si can­cella il nome per far riap­pa­rire l’innominabile», ha osser­vato il filo­sofo Michel Feher in un’intervista per Les Inrocks. Il raz­zi­smo pudico, da ben­pen­santi, dif­fe­ren­zia­li­sta, come lo ave­vamo defi­nito, ormai lascia spesso il posto a quello che si esprime, anche sgua­ia­ta­mente, con attac­chi e insulti raz­zi­sti clas­sici: per esem­pio, quelli con­tro la mini­stra Chri­stiane Tau­bira, scher­nita per­fino da un gruppo di bam­bini agi­tanti banane, aiz­zati da geni­tori ostili al “matri­mo­nio per tutti”.
Intanto, come denun­cia il rap­porto più recente ela­bo­rato dalla Cncdh (Com­mis­sion Natio­nale Con­sul­ta­tive des Droits de l’Homme), l’anno 2012 ha visto, accanto alla pro­gres­sione dell’islamofobia di sem­pre, «un ritorno inquie­tante» dell’antisemitismo e, per il terzo anno con­se­cu­tivo, l’aumento di atti raz­zi­sti con­tro per­sone pre­sunte di reli­gione musul­mana, iden­ti­fi­cate esclu­si­va­mente nei maghrebini,sul fondo di una dif­fu­sione allar­mante della xeno­fo­bia e dell’intolleranza, e della libe­ra­zione pub­blica del discorso razzista.


Tags assigned to this article:
Francialepenismorazzismo democratico

Related Articles

Elezioni europee. Il Regno Unito andrà al voto, incertezza sul parlamento

È caos sui seggi: il numero degli europarlamentari, per il momento, torna a 751, e i vincitori dei 27 seggi che erano stati spartiti dovranno aspettare la Brexit per occupare il posto

Il male dell’Italia: la regressione culturale

Non sputo sul piatto che mi dà  da mangiare. Non voglio far finta di nulla, tantomeno nascondere quello che sento dentro di me: dolore, tristezza, disperazione e molta fiducia.

Il titolo non è provocatorio. Non sputo sul piatto che mi dà  da mangiare. Non voglio far finta di nulla, tantomeno nascondere quello che sento dentro di me: dolore, tristezza, disperazione e molta fiducia.

Tunisia. Il parlamento vota la fiducia al governo tecnico di Mechichi

Nasce il nuovo esecutivo di Tunisi, senza ministri membri di partito. Fondamentale l’appoggio di Ennahda

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment