Flop Osa (e Usa), 29 paesi stanno con Maduro

Oggi, Michelle Bache­let assume la pre­si­denza del Cile, eletta per Nueva Mayo­ria (Nm), una coa­li­zione di forze diverse, che va dalla Demo­cra­zia cri­stiana al Par­tito comu­ni­sta. Il dibat­tito sulla situa­zione in Vene­zuela e l’eventuale arrivo del pre­si­dente Nico­las Maduro hanno già mostrato quanto irto sia il cam­mino della nuova pre­si­dente di fronte alle sfide che l’aspettano per man­te­nere le pro­messe elet­to­rali: a par­tire dalle que­stioni inter­na­zio­nali, come la sto­rica ver­tenza con la Boli­via, che chiede l’accesso al mare.La destra cilena sostiene l’opposizione vene­zue­lana, in linea con gli Usa, il Par­tito comu­ni­sta, invece, appog­gia il socia­li­smo boli­va­riano. Maduro ha chie­sto una riu­nione dei mini­stri degli Esteri della Union de Nacio­nes Sura­me­ri­ca­nas (Una­sur), denun­ciando il «colpo di stato stri­sciante» messo in atto dalla destra nel suo paese. In base allo sta­tuto, Una­sur è infatti tenuta a difen­dere i pre­si­denti degli stati che la com­pon­gono da aggres­sioni e colpi di stato. È acca­duto così in altre cir­co­stanze: dopo l’affronto degli Usa e dell’Europa al pre­si­dente della Boli­via, Evo Mora­les, a cui venne negato il sor­volo in pieno Data­gate; e dopo il ten­tato golpe con­tro il capo di stato ecua­do­riano, Rafael Cor­rea.
La pre­si­dente del Bra­sile, Dilma Rous­seff si è ado­pe­rata per­ché la riu­nione venisse fis­sata subito dopo l’assunzione di inca­rico di Bache­let. Il pro­nun­cia­mento di Una­sur seguirà quello dell’Organizzazione degli stati ame­ri­cani (Osa), sol­le­ci­tato con­tro il Vene­zuela dal pre­si­dente in sca­denza del Panama, il neo­li­be­ri­sta Ric­cardo Mar­ti­nelli.
L’Osa – orga­ni­smo con­su­mato dalla sua subal­ter­nità a Washing­ton – si è però tro­vato di fronte al voto con­tra­rio di 29 paesi, che hanno difeso la demo­cra­zia in Vene­zuela con­tro il parere di Usa, Canada e Panama: allon­ta­nando la pos­si­bi­lità di una riu­nione di tutti i mini­stri degli Esteri per deci­dere san­zioni con­tro Cara­cas e l’invio di una mis­sione Osa. Maduro ha rotto le rela­zioni diplo­ma­ti­che e com­mer­ciali con il Panama e ha sospeso il paga­mento del debito (1.000 milioni di dol­lari) con­tratto dagli impor­ta­tori vene­zue­lani nella zona franca pana­mense di Colon. «Il 90% di quel debito è frau­do­lento, per­ché la mer­can­zia non ha mai lasciato il Panama», ha detto il mini­stro degli Esteri vene­zue­lano, Elias Jaua. E dome­nica, durante un incon­tro con i Movi­menti delle comuni, a Mira­flo­res, Maduro ha detto che il debito verrà veri­fi­cato diret­ta­mente con que­gli impren­di­tori che hanno effet­ti­va­mente man­dato i loro pro­dotti, «senza poli­ti­canti cor­rotti come inter­me­diari». Ha poi denun­ciato le dichia­ra­zioni del vice­se­gre­ta­rio Usa Joe Biden, il quale, appena arri­vato in Cile, ha accu­sato il governo boli­va­riano di vio­la­zione dei diritti umani con­tro «mani­fe­stanti paci­fici». Ha ripreso anche la noti­zia, apparsa nell’editoriale di Juan Vicente Ran­gel: tre grandi orga­ni­smi (Gda, Andi­dia­rios e Pal), che rag­grup­pano molti gior­nali dell’America latina si sono accor­dati per pub­bli­care ogni giorno una pagina sul Vene­zuela (ovvero con­tro il governo socia­li­sta) nei loro 82 gior­nali affiliati.I gruppi oltran­zi­sti che, dal 12 feb­braio impe­gnano il governo nella guer­ri­glia delle gua­rim­bas, con­ti­nuano intanto a bloc­care le strade, a bru­ciare auto­bus, dispen­sari e strut­ture pub­bli­che, e a get­tare olio sull’asfalto. Nello stato Miranda, alcuni noti attori che appog­giano il socia­li­smo, sono stati minac­ciati per quat­tro ore in un risto­rante e pic­chiati nono­stante la pre­senza di un bam­bino pic­colo. In alcuni quar­tieri vicini all’opposizione, i gua­rim­be­ros hanno appa­ren­te­mente ceduto all’esasperazione della popo­la­zione e all’arrivo dei mili­tari. Secondo un’inchiesta del quo­ti­diano di oppo­si­zione Ulti­mas noti­cias, oltre la metà dei let­tori «disap­prova radi­cal­mente» le gua­rim­bas. Per ora, gli esa­gi­tati si limi­tano a chiu­dere i por­toni con le catene e a mon­tare la guar­dia per impe­dire le per­qui­si­zioni della poli­zia, e si dedi­cano a qual­che sonora bat­ti­tura not­turna. Dome­nica, a Los Rui­ces si è svolta una mani­fe­sta­zione per chie­dere «la libe­ra­zione dei dete­nuti», ma c’erano poche per­sone. Resi­stono, però, alcuni bastioni come piazza Alta­mira e Cha­cao, e la guer­ri­glia con­ti­nua negli stati Tachira, Boli­var, Merida (dove le gua­rim­bas hanno pro­vo­cato un’altra vit­tima, por­tando a 22 il numero dei morti).Sabato, l’opposizione ha mar­ciato a Cara­cas «con­tro la penu­ria ali­men­tare». Il governo ha orga­niz­zato mer­cati popo­lari in cui si ven­deva di tutto e a basso costo. Le ultime ispe­zioni in base alla legge del prezzo giu­sto, che fissa il tetto del gua­da­gno al 30%, hanno riscon­trato vio­la­zioni in 9 eser­cizi su dieci: con mar­gini di gua­da­gno anche tra il 294% e il 391%.In piazza, si è fatto vedere anche Hen­ri­que Capri­les, lea­der della Mesa de la uni­dad demo­cra­tica (Mud) ed ex can­di­dato pre­si­den­ziale. Ma è stato fischiato e insul­tato dai suoi e ha dovuto andar­sene. Alcuni depu­tati della Mud si sono dimessi per par­te­ci­pare alla Con­fe­renza di pace instau­rata da Maduro. La via vio­lenta ha ulte­rior­mente spac­cato l’opposizione e rischia di pro­durre una lea­der­ship oltran­zi­sta chia­ra­mente anti-istituzionale



Related Articles

Erdogan-Putin, vertice della svolta

Turchia/Russia. La crisi dei rapporti con l’Occidente spinge il leader turco nell’orbita del presidente russo. All’orizzonte un’alleanza che potrebbe includere anche l’Iran

Las formas y los lugares de la subversión fuera de sospecha?

EN LÍNEA DE MAÑANA EL NUEVO NÚMERO DE LA REVISTA DE DERECHOS GLOBALES. Editorial de Sergio Segio

La Mediazione in Siria di Kofi Annan Buone intenzioni, Pochi Risultati

Con cadenza quasi giornaliera il supermediatore Kofi Annan avverte che in Siria le cose vanno di male in peggio, che nuove gravi violazioni del suo piano di tregua prevalgono su «piccoli progressi», che tra il regime di Assad e i rivoltosi si rischia una guerra civile su larga scala. Ma chi ascolta Kofi Annan?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment