Crimea. Il governo di Majdan: «Pronti a combattere»

La gior­nata in Crimea si è svolta con l’attenzione rivolta all’incontro dei capi di Stato euro­pei e alla que­relle rela­tiva alle san­zioni. L’Unione euro­pea, Putin, Obama e l’Onu, hanno gio­cato le pro­prie carte, dando l’idea di quanto sia fram­men­tato il fronte occi­den­tale. Dal punto di vista di quanto sta acca­dendo in Cri­mea, a sor­presa, è arri­vato l’annuncio del con­si­glio per la sicu­rezza nazio­nale e la difesa di Kiev, secondo il quale, «le forze armate ucraine hanno ele­vato lo stato di allerta e sono pronte a combattere».
In realtà la situa­zione appare piut­to­sto sotto con­trollo da parte dei russi, che hanno anche libe­rato i coman­danti della marina mili­tare ucraina fer­mata nei giorni scorsi. A que­sto pro­po­sito, non ci sono invece novità per quanto riguarda i due morti suc­ces­sivi a spari nei pressi della base di Seba­sto­poli. È un dei tratti più inte­res­santi di que­sta stramba «guerra» di Cri­mea, gio­cata molto anche a livello media­tico, tanto da Kiev, quanto da Mosca. Le auto­rità della peni­sola hanno avviato un’indagine e già la con­ferma delle due vit­time costi­tui­sce un minimo bar­lume di verità su vicende sem­pre più miste­riose. Non si sa ancora, infatti, né da dove siano arri­vati gli spari, né chi ne sia respon­sa­bile. L’episodio fa il paio con le tante domande e gli inter­ro­ga­tivi aperti circa la bat­ta­glia di Maj­dan, quella che ha deter­mi­nato la cac­ciata di Yanukovich.Fonti euro­pee hanno con­fer­mato al mani­fe­sto l’invito della Ue nei con­fronti di Kiev ad aprire un’indagine sui morti di Maj­dan, ma all’annuncio di ieri, secondo il quale a spa­rare il 20 feb­braio a Kiev sareb­bero stati non meglio iden­ti­fi­cati «stra­nieri», la Ue non ha dato alcun segnale di vita. Forse c’era troppa atten­zione nel cer­care a risol­vere la que­stione delle san­zioni, cui invece Putin ha rispo­sto in modo peren­to­rio, spe­cie nei con­fronti degli Usa, ben più duri nell’approccio rispetto ai lea­der euro­pei. Mosca ha infatti deciso di col­pire 9 fun­zio­nari ame­ri­cani, ban­dendo nei loro con­fronti la con­ces­sione dei visti.
La Casa Bianca — di rimando — non ha man­cato di espri­mersi, ieri: con un decreto fir­mato dal pre­si­dente Obama, gli Stati uniti hanno esteso le loro san­zioni eco­no­mi­che ad ulte­riori 20 alti espo­nenti dell’amministrazione russa, non­ché la Ros­siya Bank, un impor­tante isti­tuto ban­ca­rio russo con sede a San Pietroburgo.Tra i col­piti figura un per­so­nag­gio con­si­de­rato molto vicino a Putin, che ha «inve­sti­menti e inte­ressi» nella com­pa­gnia attiva nel set­tore dell’energia Gun­vor di pro­prietà di Gen­nadi Tim­chenko, fra le venti per­so­na­lità col­pite dalle misure restrit­tive varate oggi dagli Stati Uniti. «Le atti­vità di Tim­chenko nel set­tore dell’energia sono diret­ta­mente legate a Putin», ha sot­to­li­neato il dipar­ti­mento del tesoro Usa, ricor­dando che la com­pa­gnia è una delle più grandi società indi­pen­denti al mondo attive nel com­mer­cio di gas e petrolio.La società ha imme­dia­ta­mente pre­ci­sato che «Putin non ha mai avuto e non ha alcuna pro­prietà o bene­fi­cio in Gun­vor».
Ieri è inter­ve­nuto anche il segre­ta­rio gene­rale dell’Onu Ban Ki-moon, pronto a incon­trare gli espo­nenti del governo ucraino e russo. «È impor­tante che sia garan­tita la difesa dei diritti di tutti i cit­ta­dini dell’Ucraina, soprat­tutto delle mino­ranze. Il miglior modo di eli­mi­nare l’inquietudine per i diritti umani sarebbe che tutte le parti accet­tas­sero il dispie­ga­mento di gruppi di osser­va­tori Onu che in loco potreb­bero valu­tare la situa­zione e comu­ni­carci quello che suc­cede», ha detto Ban Ki-Moon, che ha pre­ci­sato: «È neces­sa­rio met­tere a punto un dia­logo aperto e costrut­tivo tra Mosca e Kiev».
Il segre­ta­rio gene­rale dell’Onu ha già incon­trato, ieri, Putin nella capi­tale russa. Un incon­tro defi­nito «molto costrut­tivo e produttivo».


Tags assigned to this article:
CrimeaCrisi ucrainaMajdansanzioni

Related Articles

Il Venezuela sulla scia di Chà¡vez Nuovo leader, economia vecchia

L’eredità  del Colonnello tra petrolio e agricoltura al collasso

Assad crea un comitato giuridico per l’abolizione delle leggi speciali

Assad crea un comitato giuridico per l'abolizione delle leggi speciali Bashar al Assad

L’abrogazione dello stato d’emergenza è una delle richieste dei manifestanti da settimane protagonisti di una mobilitazione senza precedenti contro il regime. L’organismo studierà  l’abrogazione sotto “la direzione” del presidente

ADDIO GABO

Scompare Gabriel García Márquez, il grande scrittore latino-americano che ci regalò la magia di «Cent’anni di solitudine»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment