Il grande evento, parte l’asta per i terreni

Expo e poi più. L’espressione dia­let­tale fa il verso a un cele­bre pro­ver­bio mila­nese che recita Milan e poeu pù. Signi­fica che Milano è il mas­simo e non c’è niente di più. Ma si adatta bene al signi­fi­cato alche­mico che ha assunto la Fiera inter­na­zio­nale. Expo è diven­tata una parola magica, sal­vi­fica, in nome della quale ogni sacri­fi­cio pare lecito. Il 2015 un momento cru­ciale. Punto di arrivo e ripar­tenza dopo anni di crisi. Sull’evento punta il tra­bal­lante governo Letta e il capi­ta­li­smo ita­liano di cui Milano resta capi­tale. E intorno a Expo e al post-Expo si gioca la par­tita che deci­derà chi coman­derà la città e il Paese.

È in que­sto qua­dro che vanno letti i pro­getti futu­ri­bili da attuare sui ter­reni dedi­cati alla fiera a Rho-Pero dopo il 2105, ma anche i ripo­si­zio­na­menti poli­tici che quo­ti­dia­na­mente vanno in scena intorno al grande evento a 450 giorni dal via. Enrico Letta da Dubai, dove ha con­cluso un accordo con la pros­sima sede dell’esposizione uni­ver­sale, ha lan­ciato una sti­let­tata alle auto­rità mila­nesi: «Sul post-Expo siamo in ritardo». Maroni gli ha rispo­sto che non è infor­mato e in que­sti giorni i leghi­sti sono scesi in rivolta per­ché la mascotte della mani­fe­sta­zione, dopo un son­dag­gio tra i bam­bini ita­liani, si chia­merà alla napo­le­tana: gua­gliò. Intanto il 36% dei mila­nesi non è infor­mato sul tema dell’esposizione: il cibo. E solo il 67% crede che sarà un successo.

Sui ter­reni di Expo Maroni vor­rebbe rea­liz­zare una cit­ta­della dello sport con tanto di nuovo sta­dio, sul modello euro­peo, con negozi e risto­ranti, in grado di far rifia­tare il bilan­cio sem­pre più povero di Milan e Inter. I neroaz­zurri sono stati i primi a sognare l’affare, ma negli ultimi mesi si è fatto sem­pre più avanti il Milan. Il ros­so­nero Maroni ne è felice. Il sin­daco Pisa­pia forse pre­fe­ri­rebbe che l’area ospi­tasse pro­getti pub­blici e sociali, magari la nuova sede della Rai pronta a tra­slo­care dalla sto­rica sede di corso Sem­pione. Ma i ver­tici della tv pub­blica pre­fe­ri­scono una loca­tion più cen­trale. Per cer­care di stem­pe­rare le ten­sioni si è deciso di dele­gare ogni deci­sione a una gara d’appalto. Set­ti­mana scorsa Luciano Pilotti, pre­si­dente di Arexpo, la società pro­prie­ta­ria dei ter­reni, ha annun­ciato che la gara sarà lan­ciata a giorni con una base d’asta di 300 milioni. Non molto, viste le enormi risorsi pub­bli­che inve­stite. Metà dei ter­reni dovreb­bero diven­tare un parco mul­ti­te­ma­tico, ma il vero busi­ness ruota intorno alle volumetrie.

Expo è stata l’asso nella manica con cui l’ex sin­daco Leti­zia Moratti ha cer­cato di dare un senso alla sre­go­lata spe­cu­la­zione edi­li­zia che ha fatto girare i soldi negli ultimi venti anni post-industriali. Il gioco del mat­tone del grande capi­tale mila­nese ha pun­tato tutto su pro­getti spe­cu­la­tivi che hanno tra­sfor­mato la città in un grande can­tiere. Da una parte gli immo­bi­lia­ri­sti, impren­di­tori corag­giosi e spreg<CW-35>iudicati, dall’altra le grandi ban­che pronte a dare loro cre­dito per miliardi e a usare il cemento come stru­mento finan­zia­rio. A gestire il traf­fico la poli­tica. Al governo la destra leghi­sta e ciel­lina dell’ex gover­na­tore cele­ste For­mi­goni, all’opposizione il cen­tro­si­ni­stra più sco­lo­rito di sem­pre: il Pd di Penati. Com­pa­gnia delle Opere e coo­pe­ra­tive sem­pre meno rosse. Sot­to­trac­cia la mala­vita pronta a fare affari intorno ai can­tieri, sulle boni­fi­che e nel movi­mento terra. Una cuc­ca­gna durata per decenni. Poi la crisi. Il mer­cato immo­bi­liare è crol­lato e sono fal­liti per­so­naggi come Zunino e Ligre­sti. Pisa­pia ha bat­tuto la Moratti e For­mi­goni è caduto tra­volto dagli scan­dali. Ma Milano non è ancora riu­scita a reinventarsi.

A Milano e pro­vin­cia la com­pra­ven­dita di case nel 2012 è scesa del 25% (l’altro giorno si è esul­tato per una misera ripresa dell’0,1%). Expo è diven­tata l’unica ciam­bella di sal­va­tag­gio per tutti. Anche per il sin­daco Pisa­pia che negli ultimi due anni, volente o nolente, ha dovuto pun­tare le poche risorse di un bilan­cio sem­pre più magro sul mega evento. E così intorno a Expo si incon­trano e si scon­trano ex poteri forti sem­pre più indeboliti.


Related Articles

LA GIUSTIZIA è AGRICOLA

un miliardo soffre ancora la fame per sconfiggere le diseguaglianze servono ecologia e biodiversità

Le sfilate con la mascherina nella Cina grigia per lo smog

Battuto ogni record, polveri sottili venti volte sopra il limite

L’Aquila, lo scandalo infinito “Non abbiamo neanche un cimitero dove piangere i nostri morti”

Cinque anni di tangenti, appalti truccati earresti: il terremoto èdiventato un bancomat L’inchiesta   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment