Una pistola per Kant

A farne le spese è un malcapitato, ucciso per strada, che non la pensava come loro. Morire per una discussione politica, nata forse dall’eccitazione del tifoso, è certamente un avvenimento poco comune, oltre che grave per segnalare un clima di crescente disagio sociale e di intorbidamento della vita di un Paese.
Tuttavia nessun confronto è possibile con l’episodio capitato lunedì notte a Rostov sul Don, nella Russia europea. Qui due giovani di 26 e 28 anni, entrambi appassionati lettori di Immanuel Kant, sono in coda a un chiosco di alcolici. Parlano delle opere del grande filosofo dell’illuminismo tedesco, pare dapprima pacatamente; poi però incappano nella dialettica trascendentale e qui si accalorano, al punto che uno dei due tira fuori una rivoltella scacciacani e spara in testa all’altro, mandandolo all’ospedale, sia pure per una ferita non grave. Qui siamo al Guinness dei primati: quando mai una discussione sul mite e saggio Kant, mente tra le più universali e moralmente ammirevoli, ha suggerito di passare da un ragionamento alle vie di fatto?
Nella dialettica trascendentale, seconda parte della Critica della ragione pura (1781), Kant esamina le pretese della ragione umana di fronte ai grandi problemi tradizionali della metafisica. In sintesi e un po’ liberamente: esiste Dio? Il mondo è una congerie di fatti casuali oppure ha un senso e uno scopo finale? L’anima dell’uomo è libera e immortale, oppure è totalmente condizionata? In generale Kant vuole mostrare che a queste domande non possiamo dare una risposta definitiva e «scientifica»; d’altra parte, continuare a porsele equivale a segnalare un’esigenza insopprimibile, per la quale la Critica della ragione pratica mostrerà, nella dottrina morale, una soluzione appunto pratica, ovvero etica. Si tratta certo di questioni appassionanti, ma che si arrivi a spararsi addosso per sostenere in proposito un punto di vista sembra davvero, e come minimo, un’assurdità. Forse il chiosco dei liquori, l’ora notturna, il carattere russo, notoriamente focoso, chissà…
Vorrei però aggiungere che, se si ricorda il passato, venire alle mani per i filosofi non è del tutto una novità. Segnalo due episodi. Il primo ha come teatro la Sorbona, l’università di Parigi, negli anni 70 del 1200. Qui la condanna delle opere di Aristotele emessa dal vescovo Stefano Tempier scatena la controversia tra maestri secolari e maestri ecclesiastici, sostenitori i primi delle cosiddette arti minori e i secondi delle arti maggiori, cioè della teologia, alla quale tutti gli altri saperi si sarebbero dovuti sottomettere. Ne nascono episodi continui di proteste e violenti disordini, tra gli studenti e gli stessi maestri, che talora non si trattengono dal suonarsele sode.
Il secondo episodio riguarda ancora Aristotele; ora però la contesa non nasce dalla esigenza di inserire la filosofia aristotelica nel novero dei saperi cristiani; al contrario, si tratta di opporre ad Aristotele la nuova filosofia della natura di Bernardino Telesio. Nascono varie dispute in giro per l’Italia e nel 1573 a Venezia, studenti delle due scuole (quella telesiana e quella aristotelica di Padova), dopo intensissime discussioni, vengono, pare, alle mani.
Due episodi che suscitano forse qualche nostalgia nei vecchi professori di filosofia: tempi nei quali la filosofia era sulla cresta dell’onda; le sue battaglie erano l’avanguardia del processo politico e del progresso del sapere. E oggi? Oggi le cose sono tanto mutate che una contesa fisica per difendere una tesi filosofica è solo una stravaganza che fa notizia per la sua ridicola assurdità e per l’inevitabile stupore che suscita. Immagino però che Kant redivivo preferirebbe in fondo così. Usare la violenza per sostenere una tesi filosofica è proprio il contrario di tutto l’insegnamento kantiano. La filosofia non si basa necessariamente sull’amore, come la dottrina cristiana, ma certamente si fonda sull’amicizia condivisa e questa a sua volta sull’amore della verità: non risulta che la verità segnali la sua presenza grazie ai lividi, alle contusioni e agli occhi neri.


Related Articles

Attori e registi: così ci soffocate

In piazza contro la manovra e i tagli alla cultura: “A rischio migliaia di posti”

Ci sono Nanni Moretti, Maselli, De Sica. La Fnsi: “È un attacco al pensiero critico”

Renato Zero: “Sono qui per difendere i giovani, hanno il diritto di vivere come desiderano”

La società  liquida di fine Medioevo

Da prospettive differenti «Lo sterco del diavolo» di Jacques Le Goff, «Rinascimenti italiani» di à‰lizabeth Crouzet-Pavan e «Il predominio dell’Occidente» di Daniel Headrick aiutano a inquadrare i fermenti che nella seconda metà  del XIV secolo videro l’Europa risollevarsi dopo un cinquantennio segnato da peste e carestie Nel 1965 Carlo Maria Cipolla dimostrava brillantemente come fosse merito della tecnologia, delle «vele» e dei «cannoni», non di una superiorità  morale o culturale, se l’Occidente era riuscito a imporre il suo potere sul resto del mondo.

TU CHIAMALE SE VUOI PERCEZIONI, OLTRE LA VISTA E L’OLFATTO I SENSI SONO ALMENO DIECI

Il saggio di un ingegnere, che si basa su chimica, fisica e neurofisiologia, sostiene che non sono solo cinque ma molti di più  

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment