I TORTI E I DIRITTI DELLA MENTE

Fu­rio Di Pao­la, ri­cer­ca­to­re nel­l’U­ni­ver­si­tà di Na­po­li, si è oc­cu­pa­to di ri­cer­ca e for­ma­zio­ne nel cam­po del­la sa­lu­te men­ta­le. Ha scrit­to L’i­sti­tu­zio­ne del ma­le men­ta­le. Cri­ti­ca dei fon­da­men­ti scien­ti­fi­ci del­la psi­chia­tria bio­lo­gi­ca (ma­ni­fe­sto­li­bri, Ro­ma 2000).Vor­rem­mo fa­re il pun­to sul pro­ble­ma “psi­chia­tria”. Da do­ve co­min­cia­mo?

Dob­bia­mo co­min­cia­re, cre­do, col par­la­re di una fit­ta neb­bia, di­ver­si stra­ti non so­lo di pre­giu­di­zi ma di cat­ti­va in­for­ma­zio­ne, che im­pe­di­sco­no di ve­de­re il pro­ble­ma nei suoi con­tor­ni nu­di e cru­di. Il “pro­ble­ma” sa­reb­be la fol­lia e la sua pre­sun­ta cu­ra – cioè le due co­se in­sie­me: fol­lia e psi­chia­tria, “ma­lat­tia” e ri­me­dio. Non è per nien­te fa­ci­le che un cit­ta­di­no, an­che in­for­ma­to su al­tre que­stio­ni ci­vi­li, si tro­vi in con­di­zio­ne di at­tra­ver­sa­re gli stra­ti di neb­bia che av­vol­go­no il “pro­ble­ma”.
I luo­ghi do­ve la fol­lia è “trat­ta­ta” ov­ve­ro è ge­sti­ta – par­lo di luo­ghi non so­lo in sen­so fi­si­co, ma an­che men­ta­le, cul­tu­ra­le – i luo­ghi do­ve si pro­du­co­no i me­to­di, le tec­ni­che, le pa­ro­le stes­se con cui le no­stre so­cie­tà af­fron­ta­no il pro­ble­ma, so­no po­sti ap­par­ta­ti e stra­ni, eso­te­ri­ci. Voi ave­te un’i­dea di co­sa si fa den­tro un re­par­to ospe­da­lie­ro “spe­cia­liz­za­to” per il pro­ble­ma (vie­ne det­to Spcd, “Ser­vi­zio Psi­chia­tri­co di Dia­gno­si e Cu­ra”), o den­tro una “re­si­den­za pro­tet­ta”, op­pu­re in un sid­det­to re­par­to di “ria­bi­li­ta­zio­ne” di una cli­ni­ca pri­va­ta?
Qual­che idea va­ga…
Ec­co, ma a ri­guar­do vor­rei fa­re un esem­pio mol­to istrut­ti­vo. Una sto­ria “or­di­na­ria”, ma den­sa di in­se­gna­men­ti per­ché qui c’è un cit­ta­di­no che un gior­no vie­ne a con­tat­to con l’ “ar­ca­no” dei ser­vi­zi psi­chia­tri­ci, e de­ci­de di rac­con­ta­re pun­tual­men­te che co­sa ha vi­sto e sen­ti­to. Per for­tu­na il set­ti­ma­na­le Dia­rio ha l’in­tel­li­gen­za di pub­bli­ca­re la lun­ga e pre­ci­sa te­sti­mo­nian­za (Lu­ca Fon­ta­na, Mat­ti da ri­le­ga­re, in “Dia­rio” del 24 no­vem­bre 1998). Fon­ta­na rac­con­ta di un suo ca­ro ami­co, che a un cer­to pun­to vi­ve uno di que­gli scom­pen­si emo­ti­vi che por­ta­no a un “epi­so­dio de­li­ran­te”, e vie­ne ri­co­ve­ra­to al Sp­dc del­l’o­spe­da­le di Par­ma. Do­po due gior­ni lo va a tro­va­re e lo tro­va stra­vol­to, in pre­da a con­tra­zio­ni in­vo­lon­ta­rie de­gli oc­chi e del­la fac­cia, sba­va, non rie­sce a reg­ge­re la te­sta (so­no al­cu­ni de­gli “ef­fet­ti col­la­te­ra­li” dei neu­ro­let­ti­ci, i far­ma­ci più usa­ti nei ser­vi­zi psi­chia­tri­ci, det­ti an­che “an­ti­psi­co­ti­ci”): tan­to che de­vo­no por­tar­lo via per far­gli un mio­ri­las­san­te per ri­me­dia­re al­l’ec­ces­so di psi­co­far­ma­ci. Fon­ta­na fa no­ta­re al­lo psi­chia­tra, con cui ave­va par­la­to in pre­ce­den­za tro­van­do­lo “cor­te­se e scru­po­lo­so”, che il suo ami­co è iper­sen­si­bi­le a ogni so­stan­za psi­coat­ti­va, pu­re a un bic­chie­re di vi­no, e che “for­se si era un po’ ec­ce­du­to col do­sag­gio de­gli psi­co­far­ma­ci”. Lo psi­chia­tra ac­cet­ta l’os­ser­va­zio­ne e di­spo­ne per l’im­me­dia­ta ri­du­zio­ne dei do­sag­gi. Co­mun­que l’a­mi­co la se­ra stes­sa sta me­glio e il gior­no do­po vie­ne di­mes­so (dal rac­con­to si ca­pi­sce che ave­va avu­to una cri­si di quel­le lie­vi e che rien­tra­no ra­pi­da­men­te). 
Ma ciò che scon­vol­ge il no­stro te­sti­mo­ne è che l’a­mi­co ha ec­chi­mo­si su cor­po, pol­si e ca­vi­glie, e rac­con­ta che lo han­no te­nu­to le­ga­to al let­to per un gior­no in­te­ro “co­me un ani­ma­le”, do­po aver­lo as­sa­li­to in “cir­ca una mez­za doz­zi­na”, e con lo psi­chia­tra (quel­lo cor­te­se e scru­po­lo­so) che gli te­ne­va fer­ma la te­sta e di­ce­va: “se par­li, ti sle­go!”. Ap­pren­de an­che che ades­so i lac­ci per le­ga­re si chia­ma­no, con ter­mi­ne gen­ti­le, “le fa­scet­te” (co­me di­re, com­men­ta, “le ma­net­ti­ne”). Il Fon­ta­na na­tu­ral­men­te s’in­di­gna e chie­de spie­ga­zio­ni in gi­ro a va­ri psi­chia­tri che co­no­sce, in Emi­lia e in Lom­bar­dia, ot­te­nen­do una ri­spo­sta una­ni­me (ot­to su ot­to, pre­ci­sa, e tut­ti se­di­cen­ti “di si­ni­stra”): la pra­ti­ca del le­ga­re le per­so­ne è de­fi­ni­ta “co­sa del tut­to nor­ma­le, ne­ces­sa­ria rou­ti­ne as­so­lu­ta­men­te giu­sti­fi­ca­ta e giu­sti­fi­ca­bi­le”.
A que­sto pun­to va nel pal­lo­ne pu­re lui, non sa più co­sa pen­sa­re ma pro­prio per­ché non è af­fat­to uno sprov­ve­du­to, an­zi. Rac­con­ta in­fat­ti di aver fat­to, cir­ca tren­t’an­ni pri­ma, il vo­lon­ta­rio con Ba­sa­glia, di aver par­te­ci­pa­to al­le lot­te che tra­sfor­ma­ro­no tut­ta la con­ce­zio­ne dei “trat­ta­men­ti” psi­chia­tri­ci, e pro­prio nel­le espe­rien­ze-pi­lo­ta che poi por­ta­ro­no al­la chiu­su­ra dei ma­ni­co­mi (Go­ri­zia, la stes­sa Par­ma, Trie­ste). Ma ora sco­pre che non è cam­bia­to nul­la, si chie­de se que­sta “re­gres­sio­ne a tren­t’an­ni fa” va­le an­che nel re­sto d’I­ta­lia, non sa più co­sa pen­sa­re, si di­spe­ra. S’in­col­pa per­si­no di non aver se­gui­to di più, in tut­ti que­sti an­ni, la vi­cen­da psi­chia­tri­ca. Ma per for­tu­na non si dà per vin­to, scri­ve una pri­ma let­te­ra di pro­te­sta e in­fi­ne te­le­fo­na a Ro­tel­li (lea­der sto­ri­co del­l’e­spe­rien­za di Trie­ste do­po la mor­te di Ba­sa­glia) e gli chie­de: “Ma da voi li le­ga­te?”. Ri­spo­sta: “Ma vuoi scher­za­re?!”. Rac­con­ta che a quel pun­to si scio­glie in la­cri­me. E poi, do­po i di­ver­si rag­gua­gli che ri­ce­ve cir­ca il “di­sa­stro or­ga­niz­za­ti­vo” dei ser­vi­zi emi­lia­ni (e di al­tre re­gio­ni) e su co­me si or­ga­niz­za­no le co­se a Trie­ste, ri­tro­va fi­nal­men­te al­me­no un sen­so, an­che se ne­ga­ti­vo, a quan­to è ac­ca­du­to al suo ami­co e a lui. Chie­de in­fi­ne a Ro­tel­li, che as­sen­te, se può met­te­re tut­to per iscrit­to: e na­sce que­sto te­sto di de­nun­cia, che si chiu­de con un ap­pel­lo al mi­ni­stro di al­lo­ra Ro­sy Bin­di. (Ho cer­ca­to di rias­su­me­re fe­del­men­te il te­sto, ma la sua im­por­tan­za sta an­che nel­la ric­chez­za dei det­ta­gli, di cui que­sta sin­te­si non ren­de con­to).
Ec­co que­sta sto­ria or­di­na­ria, che po­treb­be ca­pi­ta­re a chiun­que di noi, di­ce mol­te co­se. Non so­lo l’ot­tu­sa bru­ta­li­tà di cer­ti com­por­ta­men­ti che av­ven­go­no nei co­sid­det­ti ser­vi­zi di “sa­lu­te” men­ta­le, ma an­che al­tre due co­se che c’in­te­res­sa­no su­bi­to. Pri­mo, lo scon­cer­to, il non ca­pir­ci più nien­te, del­l’a­mi­co che tren­t’an­ni fa ave­va co­no­sciu­to il mo­vi­men­to ba­sa­glia­no, e che poi non ne ha sa­pu­to più nien­te fi­no a ri­sco­pri­re, un bel gior­no, che “nul­la è cam­bia­to”. Se­con­do: la ri­spo­sta di Ro­tel­li, che al­la do­man­da “se a Trie­ste si le­ga” ri­bat­te: “ma vuoi scher­za­re?”. Per uno che ri­spon­de co­sì è ov­vio, scon­ta­to, che quei me­to­di deb­ba­no es­se­re fi­ni­ti per sem­pre, co­me lo è per chiun­que co­no­sca dal­l’in­ter­no le po­che iso­le, spar­se per il mon­do, in cui per for­tu­na esi­ste una cul­tu­ra al­me­no de­cen­te in que­sto cam­po. Met­te­te in­sie­me que­ste due co­se, e vi ren­de­te con­to di co­sa in­ten­de­vo di­re par­lan­do di fit­ta neb­bia che av­vol­ge la que­stio­ne, e del­la di­stan­za dav­ve­ro abis­sa­le che c’è tra la per­ce­zio­ne del pro­ble­ma vi­sto dal­l’e­ster­no, e quel­la che si può ave­re dal­l’in­ter­no. 
Tu di­ci che nel­la mag­gio­ran­za dei ca­si è av­ve­nu­ta una spe­cie di re­stau­ra­zio­ne, e che c’è uno scol­la­men­to con cer­te mi­no­ran­ze cri­ti­che, che ma­ga­ri so­no sta­te “avan­guar­die” nel­le lot­te per cam­bia­re le co­se?
L’e­sem­pio di cui so­pra di­ce an­che que­sto. E del re­sto que­sta si­tua­zio­ne va­le un po’ ovun­que nel mon­do, pur nel­la no­te­vo­le va­rie­tà del­le sto­rie e cul­tu­re lo­ca­li. L’an­no scor­so in In­ghil­ter­ra, ad esem­pio, ho sen­ti­to uno psi­chia­tra, che ave­va la­vo­ra­to an­che ne­gli Usa e in Au­stra­lia, che rias­su­me­va co­sì la si­tua­zio­ne: “Og­gi in sa­lu­te men­ta­le il me­dioe­vo e il ter­zo mil­len­nio con­vi­vo­no fian­co a fian­co, a vol­te in una gran­de cit­tà ba­sta spo­star­si da un quar­tie­re al­l’al­tro…”. E si sta­va di­scu­ten­do del co­sid­det­to di­rit­to di tut­ti i cit­ta­di­ni al­le pa­ri op­por­tu­ni­tà di cu­ra, il che in sa­lu­te men­ta­le re­sta una fa­vo­la no­no­stan­te l’in­gen­te pro­du­zio­ne di trat­ta­ti sul­la “va­lu­ta­zio­ne” del­la qua­li­tà dei ser­vi­zi, e co­se si­mi­li. 
Ma le co­se stan­no co­sì, ed è dif­fi­ci­le tro­va­re al­tri cam­pi in cui la di­stan­za tra pa­ro­le e fat­ti sia mag­gio­re. E ap­pun­to al cit­ta­di­no che non co­no­sce gli ar­ca­ni di quel mon­do, può ca­pi­ta­re che gli si ri­ve­li­no tut­t’a un trat­to, dal­la se­ra al­la mat­ti­na: ma le pro­ba­bi­li­tà che ha di ca­de­re in una real­tà squal­li­da se non bar­ba­ri­ca, o “ri­mo­der­na­ta” nel­la fac­cia­ta ma squal­li­da nei fat­ti, so­no mol­to mag­gio­ri di quel­le d’in­con­tra­re una real­tà de­cen­te. 
Ma co­me si è ar­ri­va­ti a que­sta si­tua­zio­ne? 
Non è fa­ci­le ri­spon­de­re in bre­ve, gli ele­men­ti in gio­co so­no mol­ti, la “sa­lu­te men­ta­le” è un mi­cro­co­smo che ri­flet­te, con­cen­tra­te e acu­tiz­za­te, tut­te quan­te le con­trad­di­zio­ni del ma­cro­co­smo so­cia­le. Ma in­tan­to una co­sa va det­ta su­bi­to. La que­stio­ne del­la “per­ce­zio­ne so­cia­le” del­la fol­lia o ma­lat­tia men­ta­le, di co­me si co­strui­sce e ali­men­ta e dif­fon­de ta­le per­ce­zio­ne, fi­no al­le cre­den­ze che ap­pun­to può aver­ne il co­mu­ne cit­ta­di­no, è una fac­cen­da che va ben al di là del­la “di­vul­ga­zio­ne” di un pre­sun­to sa­pe­re spe­cia­li­sti­co. Pri­ma di que­sto c’è la que­stio­ne mol­to con­cre­ta e ba­si­la­re, per­si­no fi­si­ca, che è l’e­si­sten­za di ve­ri e pro­pri mon­di se­pa­ra­ti, frut­to di bar­rie­re se­co­la­ri. Bar­rie­re che a trat­ti, in cer­te par­ti­co­la­ri con­giun­tu­re sto­ri­che, so­no ca­du­te – e di ciò può re­star trac­cia nel­le “iso­le” – ma per poi ri­for­mar­si su lar­ga sca­la, tan­ta è l’i­ner­zia di un si­ste­ma di pre­giu­di­zi che ha ra­di­ci re­mo­te, e pro­fon­de. 
Per­ciò si trat­ta di ca­pi­re, in pri­mo luo­go, chi la­vo­ra per al­za­re mu­ri e chi per ab­bat­ter­li. La lun­ga fa­ti­ca che por­tò Ba­sa­glia in una quin­di­ci­na d’an­ni (dal­l’ar­ri­vo a Go­ri­zia nel ‘61 al­la chiu­su­ra del pri­mo ma­ni­co­mio, a Trie­ste nel ‘77) a ri­vo­lu­zio­na­re le ba­si dell’ “as­si­sten­za psi­chia­tri­ca” in Ita­lia, una se­que­la di di­stru­zio­ni e ri­co­stru­zio­ni quo­ti­dia­ne, luc­chet­ti e can­cel­li da ab­bat­te­re e spa­zi nuo­vi da in­ven­ta­re (fi­si­ci e men­ta­li in­sie­me, ri­pe­to), en­tro un cam­po di con­flit­ti e aper­tu­re di esi­sten­ze sem­pre rin­no­va­ti, fu uno straor­di­na­rio pro­ces­so di “for­ma­zio­ne” a tut­to cam­po, di riap­pren­di­men­to col­let­ti­vo. (Per tut­ti, evi­den­te­men­te: ex-re­clu­si men­ta­li che ri­co­min­cia­va­no a vi­ve­re, ed ex-cu­sto­di men­ta­li che do­ve­va­no smon­ta­re i pro­pri ruo­li e le pre­ce­den­ti “cer­tez­ze”). Ma le ener­gie e le mo­ti­va­zio­ni si mol­ti­pli­ca­ro­no an­che per­ché, co­me Ba­sa­glia di­ce­va, lui si era cir­con­da­to “di gio­va­ni non an­co­ra cor­rot­ti dal­la psi­chia­tria”: in po­chi nel­l’e­spe­rien­za pre­cor­ri­tri­ce di Go­ri­zia con Pi­rel­la, e poi in un cre­scen­do (do­po il ‘68, an­no in cui esce il ma­ni­fe­sto del mo­vi­men­to, L’i­sti­tu­zio­ne ne­ga­ta) a Trie­ste, do­ve è pas­sa­ta dav­ve­ro una ge­ne­ra­zio­ne di vo­lon­ta­ri, stu­den­ti, dot­to­ran­di in me­di­ci­na o psi­co­lo­gia, e an­co­ra gio­va­ni ti­ro­ci­nan­ti da va­rie par­ti del mon­do, Bra­si­le, Ar­gen­ti­na, Nor­deu­ro­pa.
Tra le fra­si ce­le­bri di Ba­sa­glia, ce n’è una esem­pla­re, che fu cri­ti­ca­ta per­ché scon­ve­nien­te sul pia­no dot­tri­na­rio. La fra­se era “ve­ni­te a ve­de­re!”, ri­vol­ta a chi non cre­de­va pos­si­bi­le la sop­pres­sio­ne del Ma­ni­co­mio, cioè del­l’i­sti­tu­to per ec­cel­len­za del­la se­gre­ga­zio­ne e del­la se­pa­ra­zio­ne (tra “nor­ma­li” e “fol­li”). Quel­la fra­se si­gni­fi­ca­va in real­tà mol­te co­se: non so­lo il fat­to che non c’e­ra tem­po e mo­do di scri­ve­re trat­ta­ti men­tre si cam­bia­va­no le ruo­te del tre­no in cor­sa; ma la sfi­da, la pro-vo­ca­zio­ne, a con­fron­tar­si in vi­vo con gli at­ti con­cre­ti, ma­te­ria­li, con la mo­bi­li­ta­zio­ne in tut­ti i sen­si (di per­so­ne, com­por­ta­men­ti, men­ta­li­tà, ri­sor­se vi­ven­ti …) che è sta­ta al­la ba­se del­la sop­pres­sio­ne del Ma­ni­co­mio. Per dir­la in bre­ve, Ba­sa­glia non si è mai il­lu­so che sen­za que­sto “con­ta­gio”, sen­za una si­mi­le mo­bi­li­ta­zio­ne, le co­se avreb­be­ro po­tu­to fun­zio­na­re. E quan­do, al­l’in­do­ma­ni del­la “vit­to­ria” po­li­ti­ca rap­pre­sen­ta­ta dal­la leg­ge (la “180” del mag­gio 1978, che in se­gui­to avreb­be pre­so il suo no­me: pri­ma e uni­ca leg­ge di sta­to al mon­do che “vie­ta” i ma­ni­co­mi), met­te­va in guar­dia da ogni trion­fa­li­smo, in­ten­de­va pro­prio que­sto: non il­lu­der­si che il “con­te­ni­to­re” giu­ri­di­co-for­ma­le (pur im­por­tan­te sul pia­no ci­vi­le e sim­bo­li­co) avreb­be po­tu­to sur­ro­ga­re l’im­pe­gno sul cam­po a tra­sfor­ma­re la “mi­cro­fi­si­ca del po­te­re”, an­zi dei po­te­ri in gio­co, una vol­ta che la par­ti­ta si sa­reb­be spo­sta­ta “sul ter­ri­to­rio”. Bi­so­gna ri­leg­ger­si i te­sti dell’ “ul­ti­mo Ba­sa­glia” – bra­ni re­gi­stra­ti, dia­lo­ghi, in­ter­vi­ste, trac­ce di ri­cer­ca, co­me in un feb­bri­le riat­tra­ver­sa­men­to di quan­to fat­to; in quel bre­ve in­ter­val­lo, po­co più di un an­no, tra il do­po-leg­ge e la ma­lat­tia che lo avreb­be por­ta­to via, nel 1980 – per ren­der­si con­to del­la lun­gi­mi­ran­za con cui va­glia­va le po­ten­zia­li­tà e i ri­schi del­la nuo­va si­tua­zio­ne. E tra i ri­schi di al­lo­ra, ci so­no i fat­ti di og­gi, ciò di cui stia­mo di­cen­do: la que­stio­ne del­l’i­ner­zia so­cio­cul­tu­ra­le che gio­ca con­tro, che ri­crea le bar­rie­re, e ri­ge­ne­ra il pre­giu­di­zio in­fran­to. 
Vuoi di­re che do­po è ve­nu­ta me­no quel­la cul­tu­ra dif­fu­sa, al di là del­le “iso­le” di cui par­la­vi?
In par­te sì, e quel che ho det­to è una con­tra­zio­ne, un cram­po men­ta­le. Ma cor­ri­spon­de al­lo shock che è ca­pi­ta­to al­la per­so­na del­l’e­sem­pio fat­to pri­ma, che cre­de­va di ser­ba­re una cul­tu­ra e se l’è vi­sta scon­fes­sa­ta in un istan­te. Per stem­pe­ra­re que­sto “cram­po”, bi­so­gne­reb­be svi­sce­ra­re co­sa è suc­ces­so in que­sti ven­ti an­ni, co­me è cam­bia­to tut­to il cli­ma cul­tu­ra­le, e gli as­set­ti isti­tu­zio­na­li, che av­vol­go­no la que­stio­ne spe­ci­fi­ca che og­gi si chia­ma “sa­lu­te men­ta­le”. C’è sta­ta, per co­min­cia­re, la gran­de ce­su­ra de­gli an­ni Ot­tan­ta, ma­cro­pro­ces­si che han­no in­ci­so a fon­do nel “ri­cam­bio ge­ne­ra­zio­na­le” (a co­min­cia­re dal­l’of­fer­ta for­ma­ti­va, in par­ti­co­la­re uni­ver­si­ta­ria, per psi­chia­tri e ope­ra­to­ri). E non si può scor­da­re che that­che­ri­smo, yup­pi­smo e poi “glo­ba­liz­za­zio­ne” so­no en­tra­ti an­che in psi­chia­tria, ba­sta an­da­re a un con­ve­gno uf­fi­cia­le di psi­chia­tri per ren­der­se­ne con­to: pri­ma do­ve­te di­stri­car­vi nel­la ka­sbah di ban­ca­rel­le (gli “stand”) del­le va­rie ca­se far­ma­ceu­ti­che che sbar­ra­no l’ac­ces­so, e riu­sci­re a sal­var­vi dai “pro­mo­ters” o val­let­te sor­ri­den­ti che vi riem­pio­no di bro­chu­res for­ma­to lus­so, che van­ta­no cia­scu­na la “nuo­va cu­ra” per schi­zo­fre­nia o de­pres­sio­ne, con da­ti e gra­fi­ci che mo­stra­no la su­pe­rio­ri­tà del far­ma­co di ca­sa ri­spet­to a quel­lo del­la ban­ca­rel­la ac­can­to; poi do­ve­te pas­sa­re per i co­sid­det­ti “sim­po­si sa­tel­li­te”, no­me cu­rio­so per i nu­me­ro­si se­mi­na­ri in cui cer­ti ri­cer­ca­to­ri spon­so­riz­za­ti pre­sen­ta­no i da­ti a so­ste­gno del nuo­vo far­ma­co di tur­no (sem­bra­no quei mee­ting di ca­sa­lin­ghe ame­ri­ca­ne, con l’ad­det­to del mar­ke­ting che fa la di­mo­stra­zio­ne del nuo­vo aspi­ra­pol­ve­re); e in­fi­ne se non vi con­fon­de­te rag­giun­ge­te una sa­la do­ve si tie­ne una di­scus­sio­ne scien­ti­fi­ca “ve­ra” su da­ti o mo­del­li non di­ret­ta­men­te spon­so­riz­za­ti. 
Sul­la “scien­ti­fi­ci­tà” di ta­li da­ti o mo­del­li di­re­mo poi, ma in­tan­to c’è l’al­tro dram­ma ben no­to, la “pa­ra­bo­la” del­la cul­tu­ra sid­det­ta di si­ni­stra che va a ri­mor­chio del­le “no­vi­tà” tec­no-mo­del­li­sti­che d’ol­treo­cea­no: ciò che Ba­sa­glia con pun­tua­le pre­veg­gen­za chia­ma­va le “ideo­lo­gie di ri­cam­bio” di cui l’i­sti­tu­zio­ne psi­chia­tri­ca si sa­reb­be ser­vi­ta, per tam­po­na­re o ri­chiu­de­re a suo mo­do le con­trad­di­zio­ni rea­li che il mo­vi­men­to apri­va. Su que­sto pun­to c’è per for­tu­na qual­cu­no che tie­ne il fi­lo del­la me­mo­ria: leg­ge­te il re­cen­te Il pro­ble­ma psi­chia­tri­co (Pi­sto­ia, 1999) di Ago­sti­no Pi­rel­la, l’a­mi­co e com­pa­gno di sem­pre di Ba­sa­glia, che in que­sto li­bro riat­ti­va il ri­cor­do del­lo straor­di­na­rio con­cor­so di fat­to­ri e for­ze po­li­ti­co-so­cia­li in cui il suc­ces­so del mo­vi­men­to fu im­mer­so, fi­no agli an­ni Set­tan­ta in­clu­si. Ma an­che la fa­se con­trad­dit­to­ria, e con­fu­sa, che ven­ne do­po, fi­no ai fe­no­me­ni di neo-isti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne di og­gi, con la re­to­ri­ca di una psi­chia­tria più “igie­ni­ca” – con straor­di­na­ria pro­li­fe­ra­zio­ne di “nuo­va” mo­del­li­sti­ca ef­fi­cien­ti­sti­co-azien­da­le, dia­gno­sti­ca, far­ma­co­lo­gi­ca, “ria­bi­li­ta­ti­va” e quan­t’al­tro – men­tre al­l’om­bra di tut­to que­sto si ri­tro­va­no ap­pun­to le “fa­scet­te”, cioè nien­t’al­tro che le nuo­ve ma­ni­co­mia­li­tà, ora al plu­ra­le per­ché dif­fu­se sul ter­ri­to­rio, in gu­sci di­ver­si, an­zi­ché ac­cen­tra­te in un so­lo ba­stio­ne.
Ma ri­pe­to, qui non pos­sia­mo ri­per­cor­re­re i pas­sag­gi, gli in­trec­ci, e le no­te­vo­li “sto­rie in­ter­ne”, lo­ca­li, che han­no por­ta­to al­la si­tua­zio­ne odier­na. E’ me­glio con­cen­trar­ci sul qui e ora; e at­te­ner­si al­la par­te “sco­mo­da” del­l’in­se­gna­men­to di Ba­sa­glia, quel­la mol­to at­ten­ta, co­me di­ce­vo, al­le so­lu­zio­ni di ri­cam­bio che il tra­sfor­mi­smo mo­der­ni­sti­co del­l’i­sti­tu­zio­ne-psi­chia­tri­ca avreb­be sfo­de­ra­to, per­ché è que­sto che ci ri­guar­da og­gi.
Que­sto è l’ar­go­men­to del tuo li­bro: qua­li so­no og­gi gli aspet­ti che hai chia­ma­to di “neo-isti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne”?
Beh, nel li­bro si per­de un sac­co di tem­po a di­scu­te­re il mo­do in cui og­gi la ma­lat­tia men­ta­le è “trat­ta­ta”, nel sen­so più am­pio del ter­mi­ne: co­me è no­mi­na­ta, clas­si­fi­ca­ta, “spie­ga­ta” e poi “trat­ta­ta” an­che in sen­so stret­to, cioè go­ver­na­ta nel­la pra­ti­ca, con un ar­ma­men­ta­rio che si di­chia­ra me­di­co-scien­ti­fi­co, an­zi­tut­to psi­co­far­ma­co­lo­gi­co. Ma qui vor­rei par­la­re al­me­no di quel­la che è la pie­tra an­go­la­re del­l’e­di­fi­cio tec­ni­co del­la psi­chia­tria, qual­co­sa che sen­ti­te ri­ba­di­re mil­le vol­te, quan­do de­vo­no le­git­ti­ma­re la “scien­ti­fi­ci­tà” dei trat­ta­men­ti: la co­sid­det­ta “spe­ri­men­ta­zio­ne cli­ni­ca con­trol­la­ta”, cioè la pro­ce­du­ra che do­vreb­be as­si­cu­ra­re la mas­si­ma obiet­ti­vi­tà e tra­spa­ren­za nel va­lu­ta­re un nuo­vo far­ma­co. Sa­pe­te co­me fun­zio­na di re­go­la: si di­vi­do­no in mo­do ri­go­ro­sa­men­te ca­sua­le i pa­zien­ti in­clu­si nel­la spe­ri­men­ta­zio­ne in 2 o 3 grup­pi che ri­ce­vo­no pil­lo­le di­ver­se: un grup­po il nuo­vo far­ma­co da ve­ri­fi­ca­re, un grup­po un vec­chio far­ma­co già in uso se c’è, e un even­tua­le ter­zo grup­po il pla­ce­bo cioè un fin­to far­ma­co. Poi si ve­do­no i ri­sul­ta­ti do­po un cer­to tem­po e si giu­di­ca se il nuo­vo far­ma­co dà ri­sul­ta­ti mi­glio­ri del vec­chio e del pla­ce­bo; men­tre du­ran­te tut­ta la spe­ri­men­ta­zio­ne sia i pa­zien­ti che i me­di­ci de­vo­no re­sta­re al­l’o­scu­ro cir­ca le as­se­gna­zio­ni dei pa­zien­ti ai va­ri grup­pi (per­ciò la spe­ri­men­ta­zio­ne si chia­ma “in dop­pio cie­co”). E ci so­no al­tri re­qui­si­ti da ri­spet­ta­re in cui non ci ad­den­tria­mo, a co­min­cia­re dal fat­to che que­sta spe­ri­men­ta­zio­ne sui pa­zien­ti se­le­zio­na­ti è so­lo una fa­se (la “fa­se tre”) di un lun­go pro­ces­so di ri­cer­ca che può co­pri­re an­che un de­cen­nio: pri­ma la spe­ri­men­ta­zio­ne “pre-cli­ni­ca” del­la mo­le­co­la far­ma­co­lo­gi­ca (in vi­tro e poi in vi­vo su ani­ma­li di la­bo­ra­to­rio); poi le fa­si uno e due (su vo­lon­ta­ri sa­ni e su grup­pi ri­stret­ti di pa­zien­ti), quin­di que­sta ter­za fa­se di cui stia­mo par­lan­do (che è cri­ti­ca per­ché dai suoi ri­sul­ta­ti di­pen­de l’ap­pro­va­zio­ne del­l’au­to­ri­tà pub­bli­ca al­la com­mer­cia­liz­za­zio­ne del far­ma­co, se su­pe­ra la pro­va); e in­fi­ne la “fa­se quat­tro”, che è det­ta “po­st-mar­ke­ting” e che do­vreb­be ri­guar­da­re ul­te­rio­ri ve­ri­fi­che do­po che il far­ma­co ha avu­to ac­ces­so al­la pra­ti­ca me­di­ca. Que­sto è lo stan­dard ge­ne­ra­le su cui si ba­sa tut­ta la “me­di­ci­na scien­ti­fi­ca”, e quan­do vie­ne det­to al con­su­ma­to­re che i far­ma­ci gli ar­ri­va­no do­po una si­mi­le ri­go­ro­sa tra­fi­la, è chia­ro che la sua per­ce­zio­ne è quan­to mai ras­si­cu­ran­te. Il che va­le an­che per gli psi­co­far­ma­ci, poi­ché si sot­tin­ten­de che per que­sti val­ga la stes­sa co­sa che va­le per gli al­tri far­ma­ci (non “psi­co-”). Qual­che me­se fa, per esem­pio, mi è ca­pi­ta­to di sen­ti­re, in una tra­smis­sio­ne tv di “di­vul­ga­zio­ne scien­ti­fi­ca”, il pro­fes­sor Ga­rat­ti­ni (di­ret­to­re del­l’I­sti­tu­to Ne­gri di Mi­la­no, co­me sa­pe­te uno tra i più ascol­ta­ti far­ma­co­lo­gi ita­lia­ni), che si dif­fon­de­va in un’a­po­lo­gia del sud­det­to me­to­do scien­ti­fi­co, con una pun­tua­li­tà e una sol­le­ci­tu­di­ne che fa­ce­va­no sen­ti­re lo spet­ta­to­re in una bot­te di fer­ro: non so­lo ri­guar­do al ri­go­re del­la spe­ri­men­ta­zio­ne, ma an­che ri­guar­do al sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà de­gli spe­ri­men­ta­to­ri, che se­con­do quel­la de­scri­zio­ne sem­bra­va­no esi­ste­re per nes­sun’al­tra ra­gio­ne che ser­vi­re gli in­te­res­si dei con­su­ma­to­ri. 
Pe­rò mi era an­che ca­pi­ta­to, cu­rio­sa­men­te pro­prio in quei gior­ni, di leg­ge­re un do­cu­men­to che da­va una de­scri­zio­ne del­le co­se esat­ta­men­te op­po­sta, di­mo­stra­va cioè con im­pres­sio­nan­te rac­col­ta di evi­den­ze che l’at­tua­le or­ga­niz­za­zio­ne del­la spe­ri­men­ta­zio­ne me­di­ca, lun­gi dal ser­vi­re gli in­te­res­si del con­su­ma­to­re o del­la “obiet­ti­vi­tà scien­ti­fi­ca”, ri­sul­ta as­ser­vi­ta in mo­do ca­pil­la­re a un al­tro ge­ne­re di in­te­res­si, tan­to di par­te e tan­to strin­gen­ti quan­to pos­so­no es­se­re quel­li dei gran­di fi­nan­zia­to­ri del­le ri­cer­che odier­ne, cioè del­l’in­du­stria far­ma­ceu­ti­ca. E non sto par­lan­do di un do­cu­men­to del po­po­lo di Seat­tle o di Nao­mi Klein. 
La do­cu­men­ta­zio­ne di cui par­lo, che si apre con un’e­di­to­ria­le dal ti­to­lo “E’ in ven­di­ta (for sa­le) la me­di­ci­na ac­ca­de­mi­ca?”, com­pa­re in un nu­me­ro del mag­gio 2000 del New En­gland Jour­nal of Me­di­ci­ne, cioè di una del­le più pre­sti­gio­se (se non la più pre­sti­gio­sa) tra le ri­vi­ste me­di­che del mon­do. Qui la se­de è de­ci­si­va, per­ché as­si­stia­mo a un gri­do d’al­lar­me ac­co­ra­to (e a trat­ti an­che di­spe­ra­to) che fa ap­pel­lo a quel po­co che re­sta – se­con­do gli au­to­ri – del­la di­gni­tà scien­ti­fi­ca del ri­cer­ca­to­re me­di­co “al­l’an­ti­ca” (cioè non “in ven­di­ta”, for sa­le ap­pun­to), a fron­te di un fe­no­me­no che ha og­gi un’e­sten­sio­ne sen­za pre­ce­den­ti: si trat­ta del­la so­stan­zia­le scom­par­sa, in Usa, del­la di­vi­sio­ne dei po­te­ri tra con­trol­la­ti e con­trol­lo­ri, cioè tra le ca­se far­ma­ceu­ti­che che pro­pon­go­no il far­ma­co e i me­di­ci-scien­zia­ti che fan­no la spe­ri­men­ta­zio­ne cli­ni­ca (per­ché il po­te­re pub­bli­co ap­pro­vi o di­sap­pro­vi); si ten­ga pre­sen­te che que­sto po­te­re pub­bli­co ne­gli Usa (rap­pre­sen­ta­to dal­la Fda, Food and Drug Ad­mi­ni­stra­tion) ha go­du­to sto­ri­ca­men­te di un’am­pia fa­ma d’im­par­zia­li­tà e fi­du­cia del pub­bli­co, e i pro­to­col­li spe­ri­men­ta­li che ha sta­bi­li­to per­ché un far­ma­co ot­ten­ga l’ap­pro­va­zio­ne si pre­sen­ta­no, al­me­no sul­la car­ta, ac­cu­ra­ti e ri­go­ro­si. Se­non­ché i sog­get­ti rea­li che “ap­pli­ca­no” in con­cre­to il pro­to­col­lo spe­ri­men­ta­le de­fi­ni­to in astrat­to si so­no pro­fon­da­men­te “evo­lu­ti” nel­la gran­de mu­ta­zio­ne av­via­ta­si con gli an­ni ‘80 e com­piu­ta­si con i ‘90: in gra­di e con mo­da­li­tà di­ver­se, sia i ri­cer­ca­to­ri del­la re­te di agen­zie pri­va­te che og­gi or­ga­niz­za­no i trial (è fio­ri­ta que­sta re­te di cen­tri pri­va­ti che ap­pal­ta­no le co­sto­se spe­ri­men­ta­zio­ni, e l’in­du­stria ha am­pia­men­te in­ve­sti­to in ta­li agen­zie), sia gli ac­ca­de­mi­ci del­le “me­di­cal schools”, so­no di­ven­ta­ti “di­pen­den­ti” del­le o dal­le gran­di azien­de far­ma­ceu­ti­che. O in sen­so stret­to, per­ché sti­pen­dia­ti dal­le sud­det­te agen­zie, o in sen­so più “ar­ti­co­la­to”, nel ca­so de­gli ac­ca­de­mi­ci con le­ga­mi plu­ri­mi con l’in­du­stria (con­trat­ti di con­su­len­za, rap­por­ti di be­ne­vo­len­za per l’ot­te­ni­men­to di fi­nan­zia­men­ti al­la pro­pria “school”, etc.). Quan­to ai tec­ni­ci del­la Fda, il cli­ma po­li­ti­co neo­li­be­ri­sta e l’ “al­leg­ge­ri­men­to” dei vin­co­li nor­ma­ti­vi vi­sti co­me in­tral­cio al­le stra­te­gie del­le azien­de (che poi so­no i gran­di spon­sor dei go­ver­ni, e in mo­do più “pe­san­te” di quel­li re­pub­bli­ca­ni) ha fa­vo­ri­to il suc­ces­so del­le ca­se far­ma­ceu­ti­che nel di­spie­ga­re le co­sid­det­te stra­te­gie di “lob­by­ing”, ov­ve­ro di pres­sio­ne or­ga­niz­za­ta, in­fluen­za­men­to, con­qui­sta di be­ne­vo­len­za etc.. 
Tut­to ciò è ana­liz­za­to con straor­di­na­ria ric­chez­za di det­ta­gli in que­sti do­cu­men­ti del NE­JM, che de­nun­cia­no poi le con­se­guen­ze de­so­lan­ti di que­sta per­di­ta di in­di­pen­den­za dei ri­cer­ca­to­ri me­di­co-scien­ti­fi­ci: fi­no agli esi­ti grot­te­schi qua­li, tra gli al­tri, lo stress dei ri­cer­ca­to­ri che non pos­so­no più scri­ve­re i lo­ro rap­por­ti co­me vo­glio­no, ma se li ve­do­no ri­man­da­ti in­die­tro dai re­vi­so­ri del­le azien­de com­mit­ten­ti con l’in­di­ca­zio­ne del­le par­ti da ri­scri­ve­re; op­pu­re il fat­to che la stes­sa ri­vi­sta NE­JM (che usa la re­go­la co­mu­ne per cui in ogni ar­ti­co­lo di ri­cer­ca l’au­to­re de­ve fa­re la “di­chia­ra­zio­ne di in­te­res­si” per tut­ti i le­ga­mi fi­nan­zia­ri che ha con i pro­dut­to­ri dei far­ma­ci di­scus­si nel te­sto), nel ca­so di un ar­ti­co­lo su­gli an­ti­de­pres­si­vi non ha tro­va­to spa­zio a suf­fi­cien­za, per­ché era trop­po lun­go l’e­len­co di ta­li le­ga­mi di­chia­ra­ti da­gli au­to­ri: li ha do­vu­ti so­lo “rias­su­me­re” nel te­sto, rin­vian­do al si­to web per l’e­len­co det­ta­glia­to. 
Per­ciò la que­stio­ne chia­ve che que­ste ana­li­si met­to­no in lu­ce, non ri­guar­da tan­to i vec­chi e “clas­si­ci” ca­si di ba­na­le cor­ru­zio­ne o scam­bi di fa­vo­ri sot­to­ban­co, quan­to il cor­rom­pi­men­to men­ta­le-at­ti­tu­di­na­le espli­ci­to e si­ste­ma­ti­co de­gli ad­det­ti al­la va­li­da­zio­ne “scien­ti­fi­ca” dei pro­dot­ti far­ma­ceu­ti­ci: con l’ob­biet­ti­vo, rag­giun­to con suc­ces­so dal­le azien­de, di ot­te­ne­re un si­ste­ma­ti­co “good­will”, ter­mi­ne-chia­ve che vuol di­re “be­ne­vo­len­za/in­cli­na­zio­ne fa­vo­re­vo­le” da par­te di tut­ti i sog­get­ti che con­cor­ro­no al pro­ces­so di spe­ri­men­ta­zio­ne/va­li­da­zio­ne. 
E qua­li so­no, in con­cre­to, le con­se­guen­ze di que­sta si­tua­zio­ne?
Un esem­pio con­cre­to di que­sta si­tua­zio­ne è da­to dal­la vi­cen­da che ha por­ta­to al­l’ap­pro­va­zio­ne del Pro­zac, cioè di quel­lo che è con­si­de­ra­to l’af­fa­re far­ma­co­lo­gi­co del se­co­lo (scor­so) per la Eli Lil­ly, il no­to co­los­so far­ma­ceu­ti­co che è sta­to pu­re pre­mia­to per que­sto stra­bi­lian­te suc­ces­so di mar­ke­ting (og­gi lo scri­ve an­che, co­me ti­to­lo di me­ri­to, nei suoi an­nun­ci pub­bli­ci­ta­ri): 40 mi­lio­ni di per­so­ne sot­to Pro­zac, se­con­do una sti­ma pru­den­te. Eb­be­ne og­gi sap­pia­mo, gra­zie a una scru­po­lo­sa ri­cer­ca di Pe­ter Breg­gin sui da­ti del­la spe­ri­men­ta­zio­ne che ha por­ta­to al­l’ap­pro­va­zio­ne del Pro­zac da par­te del­la Fda, che il far­ma­co non avreb­be do­vu­to su­pe­ra­re i te­st di con­va­li­da per la com­mer­cia­liz­za­zio­ne. 
Breg­gin ha ri­co­strui­to l’in­te­ro, com­ples­so pro­ces­so di spe­ri­men­ta­zio­ne: di­ver­si pro­to­col­li spe­ri­men­ta­li rea­liz­za­ti con esi­ti in­cer­ti, di cui so­lo tre so­no sta­ti di­chia­ra­ti suf­fi­cien­ti per l’ap­pro­va­zio­ne; ma an­che in que­sti tre, l’a­na­li­si ac­cu­ra­ta del pro­ces­so di “ri­pu­li­tu­ra” dei da­ti mo­stra che, in so­stan­za, sen­za que­ste no­te­vo­li “ma­no­vre” sui da­ti, il Pro­zac non avreb­be di­mo­stra­to una si­gni­fi­ca­ti­va “mi­glio­re ef­fi­ca­cia”, tan­to nel­le pro­ve con un “vec­chio” far­ma­co di ri­fe­ri­men­to (un an­ti­de­pres­si­vo tri­ci­cli­co) quan­to in quel­le in cui si era fat­to un uso, pe­ral­tro di­scu­ti­bi­le, del pla­ce­bo. Ma quan­do si trat­ta di pic­co­le dif­fe­ren­ze sta­ti­sti­che suc­ce­de un po’ co­me ne­gli “exit poll”, per in­ten­der­ci: a se­con­da del­le “in­cli­na­zio­ni” di chi ela­bo­ra i da­ti, pic­co­le dif­fe­ren­ze su aspet­ti lo­ca­li de­gli stu­di si pos­so­no cu­mu­la­re e co­sì pro­dur­re un ri­sul­ta­to glo­ba­le più orien­ta­to a van­tag­gio di una cer­ta te­si, piut­to­sto che di un’al­tra (ed è qui che l’ef­fet­to del “good­will” di­ven­ta de­ci­si­vo). Ma que­sto pro­ces­so di rie­la­bo­ra­zio­ne dei da­ti co­sti­tui­sce il “som­mer­so” del­l’in­te­ra pro­ce­du­ra, di cui non re­sta trac­cia nel­la pre­sen­ta­zio­ne fi­na­le dei ri­sul­ta­ti in bel­la co­pia, e nel­la pub­bli­ca­zio­ne che ne de­ri­va: in­fat­ti le mi­nu­te che do­cu­men­ta­no il la­bo­rio­so pro­ces­so ne­go­zia­le tra spe­ri­men­ta­to­ri e con­trol­lo­ri del­la Fda (rap­por­ti prov­vi­so­ri che ven­go­no ri­spe­di­ti in­die­tro, emen­da­ti e poi ri­pre­sen­ta­ti, e co­sì via) non ven­go­no pub­bli­ca­te, ma re­sta­no ne­gli ar­chi­vi del­la Fda. Esi­ste pe­rò una leg­ge (il Free­dom of In­for­ma­tion Act) che con­sen­te di vi­sio­na­re gli at­ti non pub­bli­ca­ti a chi ne fac­cia ri­chie­sta; e de­ve trat­tar­si di qual­cu­no con in­fi­ni­ta pa­zien­za e te­star­dag­gi­ne, co­me ap­pun­to Pe­ter Breg­gin, che in­sie­me a sua mo­glie Gin­ger Ross, si è sob­bar­ca­to la fa­ti­ca di stu­dia­re que­sta mas­sa im­pres­sio­nan­te di ma­te­ria­li. Il ri­sul­ta­to del­la ri­cer­ca è que­sto li­bro chia­ri­fi­ca­to­re, Tal­king back to Pro­zac (St. Mar­tin’s Press, 1994), che co­sti­tui­sce in­dub­bia­men­te l’a­na­li­si più ac­cu­ra­ta del ca­so-Pro­zac (e del­la fa­mi­glia cui il far­ma­co ap­par­tie­ne, i “nuo­vi” an­ti­de­pres­si­vi det­ti Ssri, che in bre­ve si­gni­fi­ca ba­sa­ti su un mec­ca­ni­smo che li­be­ra se­let­ti­va­men­te il neu­ro­tra­smet­ti­ro­re se­ro­to­ni­na, au­men­tan­do­ne i li­vel­li in cir­co­la­zio­ne nel cer­vel­lo). 
Il li­bro va let­to, per ren­der­si con­to di co­me sia pos­si­bi­le – di­ce­vo – che una ca­te­na di di­stor­sio­ni lo­ca­li ne­gli stu­di pro­du­ca poi un ri­sul­ta­to glo­ba­le che in ap­pa­ren­za “con­va­li­da” il far­ma­co. Le di­stor­sio­ni ri­guar­da­no, nel ca­so, un po’ tut­ti i cri­te­ri di me­to­do o mi­su­ra – co­me la nu­me­ro­si­tà dei ca­si (il nu­me­ro di per­so­ne che han­no di fat­to com­ple­ta­to i trial è mol­to in­fe­rio­re, per dir­ne una, di quel­lo di­chia­ra­to uf­fi­cial­men­te), i cri­te­ri d’in­clu­sio­ne, le sca­le di va­lu­ta­zio­ne de­gli esi­ti, l’ag­gre­ga­zio­ne fi­na­le dei da­ti lo­ca­li e al­tro an­co­ra. Ma sen­za en­tra­re qui nei det­ta­gli, la que­stio­ne di fon­do è che tut­ti que­sti cri­te­ri com­por­ta­no no­te­vo­li mar­gi­ni d’ar­bi­trio, per­ché il con­trol­lo sul­le “va­ria­bi­li spe­ri­men­ta­li” è sem­pre in­com­ple­to, e que­sta è la dif­fe­ren­za cri­ti­ca tra la spe­ri­men­ta­zio­ne su sog­get­ti uma­ni e quel­la su ani­ma­li di la­bo­ra­to­rio (cioè tra la fa­se “cli­ni­ca” e quel­la “pre-cli­ni­ca” del­la ri­cer­ca). Una dif­fe­ren­za che di­ven­ta un abis­so nel ca­so spe­ci­fi­co del­la spe­ri­men­ta­zio­ne de­gli psi­co­far­ma­ci, per ov­vie ra­gio­ni che ri­guar­da­no i fat­to­ri sog­get­ti­vi e di con­te­sto – che qui so­no co­mun­que la so­stan­za, non l’ac­ci­den­te (per cui il var­co da cui pas­sa l’ar­bi­trio “orien­ta­to” del ri­cer­ca­to­re, che nel ca­so dei far­ma­ci “non-psi­co” si può ri­dur­re a cer­te con­di­zio­ni, qui di­ven­ta una por­ta spa­lan­ca­ta).
Que­sto è un pro­ble­ma di me­to­do che di­scu­ti nel tuo li­bro …
Sì, e là non fac­cio al­tro che ri­pren­de­re cer­te ana­li­si cri­ti­che di me­to­do­lo­gi del­la spe­ri­men­ta­zio­ne me­di­ca mol­to ri­go­ro­si, co­me Bi­gna­mi o Vi­neis. Ma qui vo­glia­mo met­te­re a fuo­co le con­se­guen­ze pra­ti­che del­la dif­fi­col­tà teo­ri­ca; con­se­guen­ze che so­no, an­co­ra una vol­ta, pa­ra­dos­sa­li. 
Ciò che in­fat­ti stia­mo os­ser­van­do è che la pro­ce­du­ra che rap­pre­sen­ta sul­la car­ta la mas­si­ma ga­ran­zia di scien­ti­fi­ci­tà/obiet­ti­vi­tà può ro­ve­sciar­si, nel­la pra­ti­ca, nel suo con­tra­rio, cioè nel­la le­git­ti­ma­zio­ne del­l’ar­bi­trio ge­ne­ra­liz­za­to. Ora, no­ta­te che nel­le in­fi­ni­te di­scus­sio­ni sul­la me­to­do­lo­gia del­la ri­cer­ca c’è una pa­ro­la mol­to usa­ta, che ser­ve ap­pun­to per de­si­gna­re que­sto “ri­schio” di in­tru­sio­ne del “pre­giu­di­zio-di­stor­cen­te” nel­l’in­da­gi­ne (in ogni suo aspet­to, dal di­se­gno spe­ri­men­ta­le al­la ela­bo­ra­zio­ne sta­ti­sti­ca etc.), que­sta pa­ro­la è “bias”. Si di­ce che un’in­da­gi­ne è “bia­sed” se ap­pun­to è di­stor­ta da un pre-giu­di­zio d’o­rien­ta­men­to, che “in­cli­na” i ri­sul­ta­ti a fa­vo­re di un cer­to esi­to. Ma che co­s’al­tro è il “good­will” di cui ab­bia­mo det­to, cioè la be­ne­vo­len­za-orien­ta­ta de­gli spe­ri­men­ta­to­ri a fa­vo­re dei pro­dut­to­ri – que­sto obiet­ti­vo te­na­ce­men­te per­se­gui­to e rag­giun­to dal­le azien­de – se non un bias si­ste­ma­ti­co che or­mai è en­tra­to a far par­te del co­stu­me pro­fon­do del­la spe­ri­men­ta­zio­ne psi­co­far­ma­co­lo­gi­ca? 
E co­sa si­gni­fi­ca tut­to que­sto, ri­spet­to al­la “qua­li­tà” de­gli psi­co­far­ma­ci che ar­ri­va­no sul mer­ca­to?
Si­gni­fi­ca mol­te co­se, ma se de­vo li­mi­tar­mi al­la più gra­ve, di­co sen­z’al­tro: l’im­ma­gi­ne di­stor­ta del “pro­fi­lo be­ne­fi­ci/ri­schi” de­gli psi­co­far­ma­ci in com­mer­cio. Cioè del bi­lan­cio tra quan­to-be­ne e quan­to-ma­le può fa­re uno psi­co­far­ma­co al­la per­so­na che lo as­su­me (che do­vreb­be poi es­se­re il cri­te­rio ba­se per giu­di­ca­re qual­sia­si phar­ma­kon, che co­me sa­pe­te è ter­mi­ne am­bi­va­len­te, da sem­pre, “me­di­ca­men­to” e “ve­le­no” in­sie­me). In­fat­ti il pro­ble­ma dram­ma­ti­co de­gli psi­co­far­ma­ci è il la­to oscu­ro non quel­lo chia­ro: quan­to ma­le pos­sa­no fa­re a me­dio-lun­go ter­mi­ne, piut­to­sto che quan­to be­ne pos­sa­no fa­re a bre­ve ter­mi­ne. 
Ma il co­stu­me che ha pre­val­so sto­ri­ca­men­te, e che poi ha “vin­to” in mo­do per­va­si­vo gra­zie agli as­set­ti tec­ni­co-com­mer­cia­li de­scrit­ti so­pra, è la sot­to­va­lu­ta­zio­ne si­ste­ma­ti­ca del­la que­stio­ne ne­ga­ti­va (gli “ef­fet­ti av­ver­si”), men­tre in pri­mo pia­no c’è la que­stio­ne po­si­ti­va, cioè l’ “ef­fi­ca­cia” (che que­sta sia van­ta­ta da­gli en­tu­sia­sti o di­scus­sa dai pru­den­ti qui im­por­ta me­no, per­ché co­mun­que è pas­sa­ta l’im­ma­gi­ne che gli ef­fet­ti av­ver­si sia­no un pro­ble­ma re­si­dua­le, ma­ga­ri im­ba­raz­zan­te, ma non quel­lo cen­tra­le). Og­gi sol­tan­to qual­che mo­sca bian­ca si pre­oc­cu­pa di met­te­re il di­to sul­la pia­ga, ed è ap­pun­to il ca­so di Breg­gin: nel li­bro sul Pro­zac, sol­le­va la gra­vis­si­ma que­stio­ne di co­me il cer­vel­lo – nel­la sua in­trin­se­ca pla­sti­ci­tà – si rior­ga­niz­zi per com­pen­sa­re l’au­men­to for­za­to di se­ro­to­ni­na pro­vo­ca­to dai far­ma­ci di quel ti­po, il che a me­dio/lun­go ter­mi­ne può pro­dur­re epi­so­di “ma­nia­ca­li” im­prov­vi­si, an­che di­strut­ti­vi, con ca­si di sui­ci­dio od omi­ci­dio di cui si ha no­ti­zia, ma sen­za che sia­no sta­ti con­dot­ti gli stu­di a lun­go ter­mi­ne che po­treb­be­ro far lu­ce a ri­guar­do (Breg­gin il­lu­stra le ra­gio­ni esem­pla­ri di que­sto “vuo­to” di ri­cer­ca, sia tec­ni­che che do­vu­te a scel­te “po­li­ti­che”, di spe­sa, non­ché “d’im­ma­gi­ne”). E in un suo li­bro pre­ce­den­te, To­xic Psy­chia­try (St. Mar­tin Press, 1991), ave­va de­nun­cia­to pun­to per pun­to la gra­vi­tà dei dan­ni neu­ro­lo­gi­ci che tut­te le clas­si di psi­co­far­ma­ci pos­so­no pro­dur­re so­prat­tut­to, co­me di­ce­vo, a me­dio-lun­go ter­mi­ne: in par­ti­co­la­re nel ca­so dei neu­ro­let­ti­ci, che scom­pen­sa­no il si­ste­ma mo­to­rio ge­ne­ran­do ef­fet­ti “par­kin­so­nia­ni” (co­me i tre­mo­ri, o le po­stu­re e i mo­vi­men­ti in­con­trol­la­ti de­gli oc­chi e del­la boc­ca, che ve­de­te pur­trop­po in mo­do co­sì fre­quen­te nei pa­zien­ti psi­chia­tri­ci “lun­go­de­gen­ti”). E al­tri di­stur­bi neu­ro­lo­gi­ci gra­vi, an­che co­gni­ti­vi (fi­no al­le “de­men­ze”) do­vu­ti ai dan­ni ac­cu­mu­la­ti al­le strut­tu­re ce­re­bra­li.
Che que­sto sia il prez­zo da pa­ga­re per il “van­tag­gio” a bre­ve di con­trol­la­re i “de­li­ri”, è qual­co­sa che sto­ri­ca­men­te è sta­to de­ci­so (e ci­ni­ca­men­te giu­sti­fi­ca­to) ap­pun­to dal pun­to di vi­sta di chi “con­trol­la”, non cer­to da quel­lo del­la per­so­na che vi­ve l’e­spe­rien­za. Per­ciò Breg­gin ha giu­sta­men­te de­fi­ni­to i neu­ro­let­ti­ci la “ca­mi­cia di for­za chi­mi­ca”. E il no­stro Gior­gio Bi­gna­mi, in un bi­lan­cio dei neu­ro­let­ti­ci a qua­ran­t’an­ni dal­la lo­ro in­tro­du­zio­ne, con un’a­na­li­si esem­pla­re de­gli aspet­ti sia spe­ri­men­ta­li che cli­ni­ci, ha con­fer­ma­to le con­clu­sio­ni di Breg­gin per cui la vi­cen­da di que­sta pre­te­sa “cu­ra del­la schi­zo­fre­nia” va in­te­sa, piut­to­sto, co­me una “ca­ta­stro­fe ia­tro­ge­na” che si è con­su­ma­ta in si­len­zio (Gli psi­co­far­ma­ci qua­ran­t’an­ni do­po: len­ta ago­nia di una gran­de il­lu­sio­ne, in “Fo­gli di in­for­ma­zio­ne”, 157, 1992). E ci sa­reb­be­ro al­tre pre­ci­sa­zio­ni da fa­re, ma fer­mia­mo­ci qui con la que­stio­ne far­ma­ci, sen­nò ci pren­de tut­to il tem­po. 
Per dar­vi un’i­dea del­la si­tua­zio­ne “cul­tu­ra­le” in cui ci tro­via­mo, quan­do pro­pon­go ai gio­va­ni ope­ra­to­ri, per gli in­con­tri di for­ma­zio­ne, i te­sti di Breg­gin e di Bi­gna­mi, ca­do­no dal­le nu­vo­le: non ne sa­pe­va­no nul­la, mai sen­ti­ti; sem­pli­ce­men­te igno­ra­va­no l’e­si­sten­za del­le po­che vo­ci cri­ti­che (e ri­pe­to, si trat­ta del me­glio og­gi di­spo­ni­bi­le, sul pia­no sia scien­ti­fi­co che deon­to­lo­gi­co) sui trat­ta­men­ti psi­chia­tri­ci più dif­fu­si, quel­li che si tro­va­no a usa­re quo­ti­dia­na­men­te. Spe­ro sia un po’ più chia­ro, ades­so, per­ché par­la­vo di una fit­ta neb­bia che av­vol­ge la que­stio­ne “sa­lu­te men­ta­le”.
Sì, e a qua­li con­se­guen­ze ti ha por­ta­to la tua ri­cer­ca?
In­tan­to gli esem­pi pre­ce­den­ti – ma si po­treb­be con­ti­nua­re con l’e­len­co del­le apo­rie e i pa­ra­dos­si in­con­tra­ti – con­ver­go­no su un pun­to, su una con­sta­ta­zio­ne mol­to ele­men­ta­re: la co­sid­det­ta “cu­ra” psi­chia­tri­ca è una co­sa del tut­to “pre-scien­ti­fi­ca”, è un in­sie­me di pra­ti­che che non ha nien­te a che ve­de­re con l’i­dea­le del “me­to­do scien­ti­fi­co” di cui la no­stra ci­vil­tà va co­sì fie­ra (e di cui l’e­sta­blish­ment psi­chia­tri­co si fa scu­do, ali­men­tan­do la fal­sa im­ma­gi­ne – che ap­pun­to nel li­bro vie­ne con­fu­ta­ta – di ba­sar­si sul­le neu­ro­scien­ze “co­me la neu­ro­lo­gia”). Poi pos­sia­mo di­scu­te­re fin che si vuo­le su qua­li sia­no le pra­ti­che mi­glio­ri o peg­gio­ri, ma per fa­vo­re la­scia­mo sta­re “la scien­za”… 
E’ per que­sto che nel li­bro tu con­clu­di con una spe­cie di “ri­tor­no a Ba­sa­glia”, e al­l’a­spet­to “po­li­ti­co” del­la que­stio­ne?
Sì, ma an­che qui dob­bia­mo in­ten­der­ci, per­ché pro­prio sul no­me di Ba­sa­glia si con­su­ma­no og­gi una quan­ti­tà di equi­vo­ci. Uno dei tan­ti è l’ac­cu­sa a Ba­sa­glia – l’a­vre­te sen­ti­ta mil­le vol­te – ap­pun­to di “but­tar­la in po­li­ti­ca”, di es­se­re “ideo­lo­gi­co”. Ma que­sta è un’ac­cu­sa quan­to mai su­per­fi­cia­le. Se c’è sta­to uno che ha fat­to “cri­ti­ca del­l’i­deo­lo­gia” que­sto è sta­to Ba­sa­glia. In mo­do in­stan­ca­bi­le, per­si­no os­ses­si­vo, ha sma­sche­ra­to pun­to per pun­to le pseu­do-teo­rie di tut­ta la dot­tri­na psi­chia­tri­ca del tem­po, i “sa­pe­ri di co­per­tu­ra” (ideo­lo­gie ap­pun­to) che ma­sche­ra­no una pras­si che an­ni­chi­li­sce le per­so­ne che di­ce di cu­ra­re, non le “ve­de” nem­me­no, fi­gu­rar­si ascol­tar­le. E con­ti­nua­va, lun­go tut­to il per­cor­so di tra­sfor­ma­zio­ne pra­ti­ca cui ac­cen­na­vo pri­ma, a met­te­re in guar­dia i com­pa­gni di lot­ta e la­vo­ro dal ri­schio di “fa­re ideo­lo­gia”, cioè di au­toap­pa­gar­si in qual­che “nuo­va” teo­riz­za­zio­ne edi­fi­can­te, quan­do era so­lo dal­la real­tà ne­ga­ta che bi­so­gna­va riap­pren­de­re: la real­tà dei con­cre­ti rap­por­ti, bi­so­gni, po­te­ri, sog­get­ti, dif­fi­col­tà men­ta­li sin­go­la­ri etc., tut­to il non-vi­sto e schiac­cia­to sot­to la bo­ria del­le dot­tri­ne “psi­co­pa­to­lo­gi­che” sfor­na­te dal­la psi­chia­tria. 
Per­ciò Ba­sa­glia ha do­vu­to az­ze­ra­re il di­scor­so psi­chia­tri­co, non ha più usa­to le pa­ro­le del­la psi­chia­tria, ne ha mo­stra­to la vuo­tez­za (il “vuo­to eti­chet­ta­men­to” del­le dia­gno­si psi­chia­tri­che, di­ce­va), la vuo­tez­za no­ci­va e mi­sti­fi­can­te. L’i­deo­lo­gia la fan­no lo­ro, non Ba­sa­glia.
Ma que­sto è esat­ta­men­te ciò che mi è ca­pi­ta­to di ri­tro­va­re, e da una pro­spet­ti­va ben di­ver­sa: non so­lo per il quar­to di se­co­lo tra­scor­so, con l’in­gen­te pro­du­zio­ne di “nuo­va” dot­tri­na e mo­del­li­sti­ca “scien­ti­fi­ca”, ma an­che da una pro­spet­ti­va mi­ni­ma­le, inin­fluen­te, vi­sto che si trat­ta­va di una me­ra ana­li­si “epi­ste­mo­lo­gi­ca”: di una que­stio­ne di ri­cer­ca, di stu­dio, non di bat­ta­glia in pri­ma li­nea. Ma è sta­to pro­prio il sus­se­guir­si di “sor­pre­se” cir­ca le car­te truc­ca­te del­la ma­te­ria che an­da­vo stu­dian­do, ciò che mi ha ine­vi­ta­bil­men­te ri­con­dot­to a Ba­sa­glia, co­me una sor­ta di “ri­tor­no al fu­tu­ro”. In so­stan­za io mi so­no re­so con­to, stu­dian­do la “let­te­ra­tu­ra scien­ti­fi­ca” con cui si le­git­ti­ma­no gli odier­ni “trat­ta­men­ti me­di­ci” del di­sa­gio men­ta­le, che non c’è una so­la pez­za d’ap­pog­gio che ten­ga, che i pun­tel­li che reg­go­no l’e­di­fi­cio del­la “scien­ti­fi­ci­tà” psi­chia­tri­ca non stan­no in pie­di: non quel­lo no­so­gra­fi­co-dia­gno­sti­co, non quel­lo “ezio­lo­gi­co” o “pa­to­ge­ne­ti­co” (per le ra­gio­ni espo­ste nel li­bro, su cui qui non in­si­sto – an­che per­ché que­sta è la par­te più fa­ci­le del la­vo­ro, tut­to som­ma­to, e or­mai non man­ca­no le am­mis­sio­ni, an­che dal­l’in­ter­no, che le ca­te­go­rie dia­gno­sti­che so­no in­con­si­sten­ti sul pia­no con­cet­tua­le, e che quel­le ezio­lo­gi­che lo so­no sul pia­no em­pi­ri­co); e nem­me­no il pun­tel­lo che ri­guar­da la va­li­da­zio­ne dei trat­ta­men­ti, ov­ve­ro la “spe­ri­men­ta­zio­ne cli­ni­ca con­trol­la­ta” di cui ab­bia­mo det­to.
In de­fi­ni­ti­va, la psi­chia­tria mi si è mo­stra­ta co­me una “scien­za me­di­ca” che non può fa­re dia­gno­si fon­da­te, che non co­no­sce le cau­se del­le ma­lat­tie che trat­ta, e che le trat­ta con far­ma­ci (per non dir peg­gio) i cui si­ste­mi di va­lu­ta­zio­ne so­no in­cer­ti a dir po­co, o in­trin­se­ca­men­te di­stor­ti a dir me­glio. In­som­ma una scien­za me­di­ca “co­me se”, una me­di­ci­na per mo­do di di­re (il che non to­glie che il po­te­re me­di­co lo eser­ci­ti tut­to, an­zi in mo­do più “as­so­lu­to” di quan­to sia con­sen­ti­to ai col­le­ghi me­di­ci “non-psi­co”). E que­sto è ap­pun­to il pa­ra­dos­so mag­gio­re, che è un po’ il rias­sun­to di tut­ti quel­li vi­sti pri­ma. Co­me mi ha det­to una vol­ta un’a­mi­ca psi­chia­tra (cri­ti­ca e ar­rab­bia­ta, che non no­mi­no): gli psi­chia­tri so­no, nel mi­glio­re dei ca­si, as­si­sten­ti so­cia­li tra­ve­sti­ti da me­di­ci.
Cer­to il giu­di­zio è pe­san­te, al­me­no ri­spet­to al­la per­ce­zio­ne co­mu­ne che si ha…
Sì ma è un giu­di­zio di fat­to, che de­scri­ve sen­za ipo­cri­sie una si­tua­zio­ne da­ta. E poi non è tut­to. La mia ami­ca di­ce “as­si­sten­ti so­cia­li tra­ve­sti­ti da me­di­ci nel mi­glio­re dei ca­si”. Ma ci so­no an­che gli al­tri ca­si: la “buo­na as­si­sten­za” (quan­do c’è) è so­lo una del­le “fun­zio­ni so­cia­li” che la no­stra or­ga­niz­za­zio­ne so­cia­le de­man­da al si­ste­ma-psi­chia­tria. Poi ci so­no le al­tre “fun­zio­ni di go­ver­no” del­l’a­no­ma­lia o ano­mia men­ta­le: c’è l’im­por­tan­tis­si­ma fun­zio­ne giu­di­zia­ria (il si­ste­ma del­le pe­ri­zie le­ga­li e tut­to un flo­ri­do ap­pa­ra­to dot­tri­na­rio che l’ac­com­pa­gna, la co­sid­det­ta “psi­chia­tria fo­ren­se”); ci so­no le li­mi­ta­zio­ni al­la li­ber­tà per­so­na­le e i trat­ta­men­ti “in­vo­lon­ta­ri” (cioè for­za­ti); ci so­no le de­ci­sio­ni fi­nan­zia­rie e re­si­den­zia­li che ri­guar­da­no la vi­ta pri­va­ta e l’au­to­no­mia del­le per­so­ne; ci so­no i com­pi­ti co­sid­det­ti “pe­da­go­gi­ci” ver­so i pa­zien­ti e i fa­mi­lia­ri. Avre­mo per­ciò le più “clas­si­che” fun­zio­ni del po­li­ziot­to o del ma­gi­stra­to, del­l’am­mi­ni­stra­to­re sa­ni­ta­rio o an­che del pre­te in quan­to “orien­ta­to­re di co­scien­ze”, tut­te de­man­da­te al me­di­co, ov­ve­ro al­la ma­sche­ra­ta me­di­ca di cui stia­mo par­lan­do (con­ce­de­re­te che non si può di­re al­tri­men­ti, a que­sto pun­to). Nien­te ma­le per una so­cie­tà che si vuo­le de­mo­cra­ti­ca e fon­da­ta al­me­no sul­la di­stin­zio­ne tra i po­te­ri. Ec­co, que­sta ex­tra-ter­ri­to­ria­li­tà del si­ste­ma psi­chia­tri­co ri­spet­to al­la sfe­ra or­di­na­ria dei “di­rit­ti ci­vi­li”, que­ste iso­le di dit­ta­tu­ra al­l’in­ter­no di un ter­ri­to­rio che si vuo­le de­mo­cra­ti­co, è pre­ci­sa­men­te ciò che Ba­sa­glia si pro­po­se di far sal­ta­re. E lo fe­ce con una “sem­pli­ce” pa­ro­la d’or­di­ne, la “rot­tu­ra del man­da­to so­cia­le” che le­git­ti­ma l’i­sti­tu­zio­ne psi­chia­tri­ca: la mes­sa in cri­si, cioè, del­la de­le­ga so­cia­le di tut­te que­ste fun­zio­ni di con­trol­lo a una par­ti­co­la­re ca­sta di tec­ni­ci – in ca­mi­ce bian­co ma con fun­zio­ni tut­t’al­tro che “te­ra­peu­ti­che”. 
Per­ciò nel pro­get­to di Ba­sa­glia, e so­prat­tut­to nel­la pras­si quo­ti­dia­na che lo fe­ce vi­ve­re, il com­pi­to dei “tec­ni­ci de­le­ga­ti” era quel­lo di ne­gar­si (“l’i­sti­tu­zio­ne ne­ga­ta”, ap­pun­to), cioè di ri­met­te­re in que­stio­ne tut­ti i ruo­li isti­tui­ti – in tut­ta la ge­rar­chia me­di­co-cu­sto­dia­li­sta, dal pri­ma­rio al­l’in­fer­mie­re etc. -, in bre­ve di ri­met­te­re quel man­da­to, ap­pun­to. Ma ri­met­ter­lo a chi, e per fa­re co­sa?
Que­sta è la do­man­da cru­cia­le che sot­ten­de tut­te le al­tre, e che in­for­ma tut­ta la sto­ria suc­ces­si­va. La ri­spo­sta im­me­dia­ta era: ri­met­te­re quel man­da­to ma a una fon­te di le­git­ti­mi­tà di­ver­sa, tut­ta da ri­co­strui­re e ad­di­rit­tu­ra da rein­ven­ta­re, giac­ché non era pre­vi­sto da nes­su­na par­te che “i fol­li” po­tes­se­ro di­ven­ta­re, non più og­get­ti di ogni sor­ta di ma­ni­po­la­zio­ne (pseu­do-me­di­ca o di pu­ra vio­len­za ele­men­ta­re, pri­mor­dia­le – e si ri­cor­di l’e­sem­pio di ma­ni­co­mia­li­tà dif­fu­sa da cui sia­mo par­ti­ti), ma sog­get­ti di di­rit­ti, per­so­ne con po­te­ri con­trat­tua­li, in bre­ve “cit­ta­di­ni”…
Cioè la cit­ta­di­nan­za, an­co­ra una vol­ta, è il pro­ble­ma…
Cer­to, ma voi m’in­se­gna­te quan­to sia dif­fi­ci­le – og­gi è di­ven­ta­to evi­den­te – af­fer­ma­re una pra­ti­ca di cit­ta­di­nan­za non for­ma­le o de­cla­ma­to­ria, quan­do si trat­ti di dar vi­ta a una “cit­tà in­clu­si­va”, co­me si di­ce, do­ve con­vi­va­no e si ri­co­no­sca­no le di­ver­si­tà con­cre­te che fan­no-cor­po con le per­so­ne. Di­ver­si­tà ne­ga­te fi­no a che, do­po lot­te di de­cen­ni, con­flit­ti asper­ri­mi, in­te­ri si­ste­mi di pre­giu­di­zio “nor­mo­cen­tri­co” so­no sta­ti in­cri­na­ti, e mai del tut­to scon­fit­ti, tut­to­ra. Men­tre la psi­chia­tria è sem­pre sta­ta par­te in­te­gran­te, an­zi in pri­ma fi­la, nel pro­get­to so­cia­le di “esclu­sio­ne”: i ca­si so­no in­fi­ni­ti, quan­te so­no le “ma­lat­tie men­ta­li” vol­ta a vol­ta pro­cla­ma­te, e an­che “re­vo­ca­te” si no­ti (non c’è pro­va più elo­quen­te del ca­rat­te­re so­cio-ar­bi­tra­rio del­le eti­chet­te psi­chia­tri­che, a vol­te pre­giu­di­zi mo­ra­li­sti­ci pro­fon­di, a vol­te fe­no­me­ni so­cia­li tran­si­to­ri, che ri­ce­vo­no il cri­sma me­di­co e poi ma­ga­ri lo per­do­no, col va­ria­re dei co­stu­mi). Si pen­si so­lo al­l’o­mo­ses­sua­li­tà fi­no a un pa­io di de­cen­ni fa (in Ci­na fi­no al me­se scor­so!), al­la “ir­ri­ta­bi­li­tà fem­mi­ni­le” fi­no a una de­ci­na d’an­ni fa (Pdd, ov­ve­ro “di­stur­bo di­sfo­ri­co pre­me­strua­le”), ai bam­bi­ni in­di­sci­pli­na­ti/di­sat­ten­ti a scuo­la tut­to­ra (Adhd: “di­stur­bo da de­fi­cit di at­ten­zio­ne e ipe­rat­ti­vi­tà”). E via di se­gui­to con l’i­ne­sau­ri­bi­le in­ven­ti­va del­la ca­ta­lo­ga­zio­ne psi­chia­tri­ca. Og­gi so­no cir­ca 300 le eti­chet­te del Dsm-IV (il ma­nua­le dia­gno­sti­co psi­chia­tri­co più usa­to), e su que­sto mo­nu­men­to al­l’os­ses­sio­ne per le ca­sel­le me­di­che c’è un stu­dio re­cen­te, mol­to ac­cu­ra­to, che ana­liz­za tut­te le in­con­si­sten­ze di que­sta “pa­to­lo­giz­za­zio­ne del­la vi­ta quo­ti­dia­na”, con l’op­por­tu­no ti­to­lo “Ren­der­ci paz­zi” (Ma­king us cra­zy di Kut­chins, Kirk e Ro­we, Con­sta­ble, Lon­don 1999). Per que­sta ra­gio­ne, il col­mo del­l’i­po­cri­sia si ha quan­do gli psi­chia­tri di og­gi af­fer­ma­no di vo­ler lot­ta­re “con­tro lo stig­ma” (cioè il pre­giu­di­zio so­cia­le in­va­li­dan­te), fa­cen­do cre­de­re che il “vec­chio” stig­ma cul­tu­ra­le si su­pe­ra con il “nuo­vo” stig­ma me­di­co: “non è un mo­stro, po­ve­ri­no è so­lo un ma­la­to…”! Il che si­gni­fi­ca: “Da­te­ce­lo a noi me­di­ci che lo ‘cu­ria­mo’!”. Que­sto è esat­ta­men­te il mes­sag­gio di quel­la scia­gu­ra­ta pa­gi­na pub­bli­ci­ta­ria su Re­pub­bli­ca del 7 apri­le, quel­la col pie­de rot­to e lo slo­gan che le ma­lat­tie men­ta­li so­no “co­me tut­te le al­tre …”, spon­so­riz­za­ta dal­l’Oms e dal­le ca­se far­ma­ceu­ti­che. Ma è la so­li­ta sto­ria: i ten­ta­ti­vi di pro­mo­zio­ne del­l’e­ge­mo­nia me­di­ca (sul­la sof­fe­ren­za men­ta­le) si ri­pe­to­no quan­to più la me­di­ca­liz­za­zio­ne è smen­ti­ta nei con­te­nu­ti, e nel­la pra­ti­ca. E’ pe­no­so ri­pe­ter­si, pu­re per chi de­ve cri­ti­ca­re la co­sa; la­scia­mo per­de­re… 
Tor­nia­mo al pun­to, la sfi­da che Ba­sa­glia ha po­sto, con la “sem­pli­ce” for­mu­la (si fa per di­re) del­la rot­tu­ra del man­da­to so­cia­le ai “tec­ni­ci de­le­ga­ti”, è qual­co­sa di enor­me, let­te­ral­men­te: qual­co­sa di mol­to gran­de e di e-nor­me co­me fuo­ri nor­ma, fuo­ri mi­su­ra ri­spet­to ai con­for­mi­smi fi­li­stei, di al­lo­ra e di og­gi. Ri­dur­re Ba­sa­glia al­lo “psi­chia­tra buo­no”, a un pro­gres­si­sta che ha rin­no­va­to cer­te “ar­re­tra­tez­ze” ita­lia­ne per far po­sto ai trat­ta­men­ti “più scien­ti­fi­ci” di og­gi, co­me si fa nel­le odier­ne ce­le­bra­zio­ni uf­fi­cia­li del­la cat­ti­va co­scien­za psi­chia­tri­ca (c’è lo spet­ta­co­lo da Ita­liet­ta dei de­ni­gra­to­ri di ie­ri che og­gi fan­no l’e­lo­gio di Ba­sa­glia), è una va­rian­te del pe­no­so “re­vi­sio­ni­smo” sto­ri­co che aleg­gia an­che in al­tri cam­pi. La po­sta in gio­co era ben al­tra. La sfi­da che fu po­sta al­lo­ra, pur an­co­ra­ta al mi­cro­co­smo del­la “que­stio­ne men­ta­le”, in­ve­sti­va in mo­do ori­gi­na­le le di­ver­se di­men­sio­ni del ma­cro­co­smo so­cia­le, dal­l’au­to­no­mia del­le per­so­ne al­le con­di­zio­ni di la­vo­ro, dal cam­bia­men­to del­la giu­ri­spru­den­za al ri­spet­to del­le di­ver­si­tà in­di­vi­dua­li, dal di­rit­to al dis­sen­so al­la ri­cer­ca di for­me or­ga­niz­za­ti­ve con­di­vi­se. In­di­ca­va le trac­ce di un per­cor­so a osta­co­li che si sa­pe­va ben ar­duo: era ap­pun­to l’in­te­ra “cit­tà” che do­ve­va cam­bia­re, per­ché si co­struis­se­ro le con­di­zio­ni -non so­lo “nor­ma­ti­ve” o for­ma­li, ma sog­get­ti­ve e ma­te­ria­li- per­ché im­pa­ras­se­ro a con­vi­ve­re, co­me di­ce­va­mo, i “di­ver­si men­ta­li”, cioè i cit­ta­di­ni di­ver­sa­men­te “di­stur­ba­ti”, chi più e chi me­no, chi af­flit­to da an­go­scie o ne­vro­si or­di­na­rie e chi da an­go­scie o psi­co­si straor­di­na­rie, sen­za che i pri­mi si ar­ro­gas­se­ro il di­rit­to di san­zio­na­re o ma­ni­po­la­re i se­con­di. Non mi pia­ce l’ag­get­ti­vo “epo­ca­le” per­ché i miei col­le­ghi fi­lo­so­fi lo usa­no trop­po spes­so, ma in que­sto ca­so mi sem­bra per­ti­nen­te. La sfi­da di Ba­sa­glia ri­guar­da­va ef­fet­ti­va­men­te un’ “epo­ca”, an­da­va al­le ra­di­ci, cioè, di un si­ste­ma qua­si bi­cen­te­na­rio di “go­ver­no del­la fol­lia”. Il pro­get­to na­to con il suc­ces­so del­la bor­ghe­sia e la ri­vo­lu­zio­ne fran­ce­se, la sto­ria de­scrit­ta da Fou­cault in­som­ma: il “gran­de in­ter­na­men­to” e l’ igie­niz­za­zio­ne del­la fol­lia, cioè ap­pun­to l’af­fi­da­men­to al­la ca­sta me­di­ca del com­pi­to di cu­sto­di­re, se­gre­ga­re, sot­trar­re al­la vi­sta del­la gen­te per­be­ne lo “scan­da­lo”, il “pe­ri­co­lo” rap­pre­sen­ta­to dal “fol­le”. Pro­get­to di por­ta­ta sto­ri­ca per­va­si­va, che si è ra­di­ca­to nel­le no­te­vo­li va­rian­ti na­zio­na­li ot­to­cen­te­sche – na­po­leo­ni­co in Fran­cia, vit­to­ria­no in In­ghil­ter­ra, lom­bro­sia­no in Ita­lia – che han­no po­sto le ba­si del­la cul­tu­ra psi­co-isti­tu­zio­na­le del se­co­lo suc­ces­si­vo. Non a ca­so Ba­sa­glia dis­se an­che, nel lin­guag­gio “di clas­se” al­lo­ra in uso, che i “tec­ni­ci de­le­ga­ti” do­ve­va­no “tra­di­re” la clas­se bor­ghe­se da cui ri­ce­ve­va­no il man­da­to e i con­nes­si po­te­ri e pri­vi­le­gi.
Ma già al­lo­ra era chia­ro in nu­ce ciò che og­gi è di­ve­nu­to ma­ni­fe­sto, e cioè che que­sta ope­ra di ne­ga­zio­ne dei tec­ni­ci (il “gia­co­bi­ni­smo” si dis­se, o la “ri­vo­lu­zio­ne dal­l’al­to”) è so­lo una me­tà del pro­ble­ma, l’al­tra es­sen­do l’af­fer­ma­zio­ne del­le per­so­ne, che da og­get­to-di-psi­chia­triz­za­zio­ne, pos­so­no/de­vo­no di­ven­ta­re sog­get­ti con­trat­tua­li ef­fet­ti­vi; lo ab­bia­mo ap­pe­na det­to, a pro­po­si­to di “cit­ta­di­nan­za”. In­som­ma il “man­da­to so­cia­le” si rom­pe con un mo­vi­men­to a for­bi­ce, dal­l’al­to e dal bas­so di­cia­mo, e ciò era chia­ro fin dai tem­pi di Gof­f­man, da cui Ba­sa­glia ri­pre­se la bat­tu­ta sul­le “car­rie­re”: ci so­no due car­rie­re spe­cu­la­ri, quel­la del me­di­co men­ta­le e quel­la del pa­zien­te men­ta­le, l’u­na rin­for­za e con­fer­ma l’al­tra e que­sto è “l’i­sti­tu­zio­ne”; se si vuo­le com­bat­ter­la, se il pro­gram­ma è la “de-isti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne” (una pa­ro­la che in se­gui­to si è mol­to usa­ta, ma sna­tu­ran­do­la), so­no en­tram­be le “car­rie­re” che do­vran­no tra­mon­ta­re. Cer­to un pro­gram­ma non fa­ci­le né bre­ve, ma di cui fu­ro­no chia­ri­ti i pas­sag­gi ine­lu­di­bi­li, e fu­ro­no ese­gui­ti i pri­mi pas­si. Ma quel­lo che poi è ac­ca­du­to, per dir­la in bre­ve, è che in Ita­lia ci sia­mo “spe­cia­liz­za­ti” nel cam­bia­men­to det­ta­to dal­l’al­to, men­tre in­tan­to nel mon­do “pro­te­stan­te” av­ve­ni­va il con­tra­rio: in Usa, in Gran Bre­ta­gna, nel­l’Eu­ro­pa cen­tro-nord, le prin­ci­pa­li lot­te di cit­ta­di­nan­za, i con­flit­ti di po­te­re sul cam­po “pal­mo a pal­mo”, ave­va­no co­me pro­ta­go­ni­ste at­ti­ve le per­so­ne stes­se che su­bi­va­no, o ave­va­no su­bi­to, i “trat­ta­men­ti” psi­chia­tri­ci. Si so­no svi­lup­pa­ti, cioè, i mo­vi­men­ti che si au­to­de­fi­ni­sco­no dei “so­prav­vis­su­ti psi­chia­tri­ci” (psy­chia­tric sur­vi­vors), ter­mi­ne quan­to mai per­ti­nen­te e pre­fe­ri­to da­gli in­te­res­sa­ti, piut­to­sto che il più neu­tro di “uten­ti” o “ex-uten­ti”: una va­rie­tà di grup­pi, or­ga­niz­za­zio­ni (e og­gi col­le­ga­men­ti in re­te) che ana­lo­ga­men­te ad al­tri mo­vi­men­ti di cit­ta­di­nan­za han­no ap­pre­so a det­ta­re tem­pi, mo­di e obiet­ti­vi del con­flit­to ci­vi­le. E par­lo di “det­ta­re” non a ca­so, per­ché la co­sa di mag­gior in­te­res­se og­gi è che esi­ste una va­rie­tà di pro­po­ste ope­ra­ti­ve che i cit­ta­di­ni/uten­ti or­ga­niz­za­ti in­di­ca­no agli stes­si ope­ra­to­ri di­spo­sti a cam­bia­re ot­ti­ca, a to­glier­si la ma­sche­ra tra­di­zio­na­le del “pro­fes­sio­ni­sta psi­chia­tri­co”. Il li­bro di Ron Co­le­man che ho ap­pe­na fi­ni­to di tra­dur­re (esce a giu­gno: Gua­ri­re dal ma­le men­ta­le, ma­ni­fe­sto­li­bri, Ro­ma 2001) è un lim­pi­do esem­pio di que­sta si­tua­zio­ne: qui c’è un “so­prav­vis­su­to psi­chia­tri­co”, mem­bro au­to­re­vo­le del mo­vi­men­to in­gle­se, che spie­ga pun­to per pun­to agli ope­ra­to­ri psi­chia­tri­ci, non so­lo co­sa è sba­glia­to e no­ci­vo nel lo­ro mo­do di “trat­ta­re” le per­so­ne che han­no di­stur­bi men­ta­li, ma an­che co­sa de­vo­no e pos­so­no fa­re se vo­glio­no sul se­rio es­se­re d’a­iu­to; ma co­me “al­lea­ti” – sot­to­li­nea – non co­me pre­sun­ti “spe­cia­li­sti” di un sa­pe­re quan­to mai pre­sun­to (co­me ri­sul­ta da quan­to ab­bia­mo det­to fin qui, e co­me il li­bro di Ron il­lu­stra con do­vi­zia di esem­pi e ar­go­men­ti).
Per que­sto nel tuo li­bro scri­vi che og­gi i “mi­glio­ri in­ter­lo­cu­to­ri” di Ba­sa­glia sa­reb­be­ro i “so­prav­vis­su­ti psi­chia­tri­ci”, o i mo­vi­men­ti de­gli uten­ti?
Sì, e per più di una ra­gio­ne. In­tan­to una ra­gio­ne di fat­to: co­me di­ce­vo, esi­sto­no og­gi espe­rien­ze con­so­li­da­te, sto­rie non bre­vi, di au­to-or­ga­niz­za­zio­ne di cit­ta­di­ni ex-“pa­zien­ti psi­chia­tri­ci”, e di con­qui­ste in pri­ma per­so­na, sul cam­po, di spa­zi e po­te­ri con­trat­tua­li ef­fet­ti­vi, non elar­gi­ti da qual­che “psi­chia­tra buo­no”. Per aver­ne un’i­dea, rac­co­man­do di leg­ge­re il li­bro-ma­ni­fe­sto di Ju­di Cham­ber­lin Da noi stes­si (Pri­me­ra­no, Ro­ma 1994), di­ve­nu­to un clas­si­co del mo­vi­men­to, scrit­to da una pio­nie­ra del­le or­ga­niz­za­zio­ni au­to­ge­sti­te dei sur­vi­vors. Vi tro­va­te non so­lo la tra­fi­la di ves­sa­zio­ni su­bi­te, i com­ple­ti frain­ten­di­men­ti dei suoi pro­ble­mi rea­li, la dia­gno­si di “schi­zo­fre­nia” e tut­to il re­sto (in­som­ma la “car­rie­ra” di pa­zien­te psi­chia­tri­ca), ma an­che l’a­na­li­si che va al­le ra­di­ci di tut­te le di­stor­sio­ni e i so­pru­si del si­ste­ma, e poi gli ini­zi del mo­vi­men­to in Usa, le pri­me con­qui­ste e l’am­pliar­si de­gli obiet­ti­vi di lot­ta, con­tro i “trat­ta­men­ti for­za­ti” e l’i­sti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne, e per le al­ter­na­ti­ve pos­si­bi­li e pra­ti­ca­bi­li, con le per­so­ne che ri­co­min­cia­no a vi­ve­re, e an­che a im­pe­gnar­si nei con­flit­ti ci­vi­li, gra­zie al­le re­ti di mu­tuo-aiu­to che si van­no co­struen­do. Ve­de­te in­som­ma, te­sti­mo­nia­te ana­liz­za­te e ri­ba­di­te, le stes­se co­se che ana­liz­zò e ri­ba­dì Ba­sa­glia, ma ap­pun­to dal­la pro­spet­ti­va spe­cu­la­re: là quel­la del tec­ni­co che si “ne­ga” co­me op­pres­so­re, qui quel­la del­la per­so­na op­pres­sa che si af­fer­ma e at­ti­va co­me por­ta­tri­ce di di­rit­ti e di pro­get­to. In­som­ma l’al­tra fac­cia del­lo spec­chio, di una stes­sa si­tua­zio­ne a due fac­ce che è ap­pun­to il rap­por­to spe­cu­la­re tra psi­chia­triz­zan­te e psi­chia­triz­za­to, le due “car­rie­re” – di­ce­va­mo – che so­no da su­pe­ra­re in­sie­me.
Ed è que­sto l’a­spet­to de­ci­si­vo di una que­stio­ne mol­to pra­ti­ca, ma che di­ven­ta an­che “teo­ri­ca”, una ve­ra di­scri­mi­nan­te con­cet­tua­le. Sia Ba­sa­glia che Cham­ber­lin (e con lei gli al­tri au­to­ri “so­prav­vis­su­ti”, non po­chi, che han­no scrit­to co­se im­por­tan­ti) han­no la­vo­ra­to su un con­cet­to chia­ve, che è quel­lo del cir­co­lo vi­zio­so di in­va­li­da­zio­ni, che si au­to­rin­for­za­no, che sta al­la ba­se del “rap­por­to me­di­co-pa­zien­te” in psi­chia­tria. Nel­la so­stan­za l’i­dea è que­sta: che tut­to con­giu­ri, nel­la “re­la­zio­ne cli­ni­co-isti­tu­zio­na­le”, per­ché al­la sva­lu­ta­zio­ne si­ste­ma­ti­ca del pun­to di vi­sta del “pa­zien­te” (qual­sia­si suo mo­to di af­fer­ma­zio­ne sa­rà in­va­li­da­to a prio­ri co­me “pa­to­lo­gi­co”, qual­sia­si dis­sen­so ri­con­dot­to al­la ma­lat­tia co­me “sin­to­mo”, etc.) cor­ri­spon­da l’au­to­sva­lu­ta­zio­ne si­ste­ma­ti­ca del­la per­so­na, che è spin­ta sem­pre più a di­ven­ta­re ciò che l’i­sti­tu­zio­ne le chie­de di es­se­re, a re­pli­ca­re cer­ti com­por­ta­men­ti at­te­si (“tu di­ven­ti la tua eti­chet­ta”, scri­ve Co­le­man, e que­sto con­cet­to si ri­tro­va im­man­ca­bil­men­te in tut­te le al­tre te­sti­mo­nian­ze dei sur­vi­vors). Ma se si ca­pi­sce che que­sto è il noc­cio­lo del­la “re­la­zio­ne” cli­ni­co-isti­tu­zio­na­le (re­la­zio­ne di po­te­ri isti­tui­ti che si tra­du­co­no in po­te­ri “men­ta­li”), si ca­pi­sce an­che che è que­sto il nu­cleo da di­sfa­re, se si vuo­le in­ne­sca­re in­ve­ce un cir­co­lo vir­tuo­so: aper­tu­ra di una “dia­let­ti­ca” rea­le (co­sì Ba­sa­glia), ac­cet­ta­zio­ne del “ri­schio” (per il “tec­ni­co de­le­ga­to”, per la sua “iden­ti­tà pro­fes­sio­na­le”) del­la scon­fes­sio­ne del pro­prio pun­to di vi­sta, ri­mes­sa in gio­co di un con­fron­to tra per­so­ne con­cre­te non tra ruo­li aprio­ri, e per­ciò spa­zi cre­scen­ti di va­li­da­zio­ne, e au­to­va­li­da­zio­ne, del­la sog­get­ti­vi­tà at­ti­va del­la per­so­na in dif­fi­col­tà men­ta­le. Og­gi que­sto ro­ve­scia­men­to di pro­spet­ti­ve è di­ve­nu­to sen­so co­mu­ne nel mo­vi­men­to dei sur­vi­vors (con i lo­ro “al­lea­ti” quan­do ne tro­va­no), ed è per que­sto che è emer­sa l’ul­ti­ma tra le pa­ro­le d’or­di­ne del mo­vi­men­to, che è la “re­co­ve­ry”, cioè la “gua­ri­gio­ne”. La ri­ven­di­ca­zio­ne pun­ti­glio­sa e ar­go­men­ta­ta del­la pos­si­bi­li­tà di “gua­ri­re” dal di­stur­bo men­ta­le gra­ve, è in­dub­bia­men­te l’ul­ti­mo tra­guar­do dei mo­vi­men­ti di al­ter­na­ti­va in sa­lu­te men­ta­le, pe­ral­tro con una no­te­vo­le va­rie­tà di pro­po­ste con­cre­te non­ché dif­fe­ren­ze o dis­sen­si in­ter­ni, co­me per ogni mo­vi­men­to di op­po­si­zio­ne. Ma il nu­cleo re­sta quel­lo, la riap­pro­pria­zio­ne del­le sog­get­ti­vi­tà, con tut­ti i pro­pri pun­ti di for­za e di de­bo­lez­za, fra­gi­li­tà e ri­sor­se, co­me chia­ve di vol­ta del­la pos­si­bi­li­tà di at­tra­ver­sa­re l’e­spe­rien­za “psi­co­ti­ca”: fa­cen­do­la pro­pria e co­sì pro­van­do a ve­nir­ne a ca­po, gra­zie ai con­te­sti di va­li­da­zio­ne che in­sie­me ad al­tri, nel­la ri­cer­ca e nel­la pra­ti­ca di “nuo­vi trac­cia­ti di so­cia­li­tà”, pos­so­no e de­vo­no es­se­re co­strui­ti in­tor­no al­l’e­spe­rien­za.
Ed è que­sto l’ar­go­men­to del li­bro “Gua­ri­re dal ma­le men­ta­le”, di cui di­ce­vi?
Sì, e spe­ro che le idee di Ron sul­la gua­ri­gio­ne con­vin­ca­no an­che i let­to­ri ita­lia­ni del­la cen­tra­li­tà di que­sto te­ma, un te­ma “mar­zia­no” per la psi­chia­tria uf­fi­cia­le (il ti­to­lo ori­gi­na­le del li­bro è iro­ni­co: “Gua­ri­gio­ne, un con­cet­to alie­no”). Il te­ma è alie­no/estra­neo al­la psi­chia­tria – sia ai fon­da­men­ta­li­sti “bio­lo­gi­ci” sia al­le ver­sio­ni pa­ter­na­li­sti­co-nar­ci­si­ste, più fre­quen­ti da noi – per­ché l’as­set­to neo-isti­tu­zio­na­le di cui ab­bia­mo det­to “im­bal­la” le per­so­ne, le con­ge­la in una si­tua­zio­ne sta­ti­ca che Co­le­man rias­su­me con la no­zio­ne di “man­te­ni­men­to” (main­te­nan­ce). L’i­dea di gua­ri­gio­ne (re­co­ve­ry co­me pro­ces­so, ap­pun­to, di riap­pro­pria­zio­ne del­le ri­sor­se men­ta­li, mo­bi­li­ta­zio­ne di sog­get­ti­vi­tà, con­qui­ste di spa­zi e po­te­ri con­trat­tua­li etc.) si op­po­ne dun­que a que­sta di “man­te­ni­men­to”, co­me con­ge­la­men­to e ri­pro­du­zio­ne di una con­di­zio­ne di ma­lat­tia, con la per­so­na ri­dot­ta a ri­cet­ta­co­lo pas­si­vo di “in­ter­ven­ti”, far­ma­co­lo­gi­ci o “ria­bi­li­ta­ti­vi” che sia­no. Co­le­man pro­po­ne un’a­na­li­si chia­ra e con­vin­cen­te di que­sta op­po­si­zio­ne, o li­nea di con­fi­ne tra pro­get­ti al­ter­na­ti­vi, che ha di­ver­si aspet­ti e con­se­guen­ze par­ti­co­la­ri, che qui non sto a ri­pe­te­re: li tro­va­te am­pia­men­te ar­go­men­ta­ti nel li­bro. Piut­to­sto pos­so dir­vi qual­co­sa sul con­te­sto sto­ri­co-pra­ti­co da cui na­sce que­sta ana­li­si. L’e­spe­rien­za di Ron, sia la sua per­so­na­le di ri­con­qui­sta di pie­na au­to­no­mia do­po il crol­lo e il vi­co­lo cie­co del­la psi­chia­triz­za­zio­ne (una dia­gno­si di schi­zo­fre­nia a 25 an­ni, con 6 an­ni di ospe­da­le psi­chia­tri­co, tra l’al­tro), sia il suc­ces­si­vo im­pe­gno co­me or­ga­niz­za­to­re di grup­pi, for­ma­to­re di ope­ra­to­ri e teo­ri­co del mo­vi­men­to, svi­lup­pa l’i­dea-chia­ve del “so­ste­gno tra pa­ri” (peer sup­port). L’i­dea che il so­ste­gno più “com­pe­ten­te” per chi vi­ve un’e­spe­rien­za psi­co­ti­ca pos­sa ve­ni­re dal “pa­ri”, ov­ve­ro da chi ha at­tra­ver­sa­to ana­lo­ga espe­rien­za e ha ap­pre­so a fron­teg­giar­la, può sem­bra­re l’uo­vo di Co­lom­bo (ed è quan­to Co­le­man af­fer­ma, tra l’al­tro); ma il dif­fi­ci­le è pra­ti­car­la nel cam­po spe­ci­fi­co del­la “psi­co­si”, per­ché è qui che si ad­den­sa­no tut­te le de­le­git­ti­ma­zio­ni di cui ab­bia­mo det­to, ed è qui che il po­te­re ma­ni­po­la­ti­vo de­gli “esper­ti” (cioè dei non-pa­ri) è estre­mo. E que­sta è una dif­fe­ren­za cri­ti­ca ri­spet­to al­le al­tre espe­rien­ze sto­ri­che det­te di au­to- o mu­tuo-aiu­to, ben più dif­fu­se co­me sa­pe­te in al­tri cam­pi (al­co­li­sti, tos­si­co­di­pen­den­ze etc.). Di qui l’o­ri­gi­na­li­tà del mo­vi­men­to in cui Co­le­man è im­pe­gna­to, che na­sce in Olan­da al­la fi­ne de­gli an­ni ‘80, per poi dif­fon­der­si so­prat­tut­to in Gran Bre­ta­gna, il “net­work de­gli udi­to­ri di vo­ci”. Co­me sa­pe­te il “sen­ti­re vo­ci” (ov­ve­ro ave­re al­lu­ci­na­zio­ni udi­ti­ve) – vo­ci spes­so de­ni­gran­ti o per­se­cu­to­rie, e che a vol­te spin­go­no la per­so­na al sui­ci­dio – è con­si­de­ra­to un clas­si­co “sin­to­mo di schi­zo­fre­nia”. Eb­be­ne l’e­spe­rien­za del mo­vi­men­to de­gli udi­to­ri di vo­ci ha pro­dot­to – in una doz­zi­na d’an­ni – un pa­tri­mo­nio no­te­vo­le di co­no­scen­ze in­no­va­ti­ve. Per esem­pio: si è vi­sto che le per­so­ne che sen­to­no vo­ci so­no di più di quel­le che ar­ri­va­no ai ser­vi­zi psi­chia­tri­ci (di­ver­se non ci van­no, ten­go­no per sé l’e­spe­rien­za, pro­prio per­ché te­mo­no l’e­ti­chet­ta­tu­ra psi­chia­tri­ca e le sue con­se­guen­ze); si è ca­pi­to che sdram­ma­tiz­zan­do e so­cia­liz­zan­do l’e­spe­rien­za (ap­pun­to nei grup­pi “tra pa­ri”), e per­ciò sot­traen­do­la al ri­cat­to (“sei paz­zo, de­vi ac­cet­ta­re dia­gno­si, trat­ta­men­ti etc.”) si ha an­zi­tut­to il ri­sul­ta­to di ri­crea­re fi­du­cia e ri­co­no­sci­men­ti ver­so se stes­si e gli al­tri, e usci­ta dal­l’i­so­la­men­to spes­so at­ter­ri­to in cui si tro­va la per­so­na che sen­te vo­ci; si è poi ca­pi­to che, su que­ste ba­si, si pos­so­no “esplo­ra­re” – co­me di­co­no – le pro­prie vo­ci, ca­pir­ne la se­man­ti­ca, con­net­ter­le a un mon­do bio­gra­fi­co da ri­co­strui­re; si so­no sco­per­te sva­ria­te pos­si­bi­li­tà di fron­teg­gia­men­to e au­to­con­trol­lo del­le vo­ci; e al­tro an­co­ra, com­pre­sa la pos­si­bi­li­tà di ri­so­lu­zio­ne di con­flit­ti men­ta­li trau­ma­ti­ci, con at­te­nua­zio­ne o scom­par­sa de­gli aspet­ti più di­stur­ban­ti. Ma ca­pi­te be­ne che que­sto ge­ne­re di co­no­scen­ze è inat­tin­gi­bi­le, è fuo­ri-oriz­zon­te per lo psi­chia­tra stan­dard, che dal­l’al­to del suo pre­sun­to “sa­pe­re” (tan­to pre­ten­zio­so quan­to va­cuo e pseu­do-scien­ti­fi­co) non “ve­de” al­tro che sin­to­mi da stron­ca­re, e pe­ral­tro con “me­to­di” non so­lo roz­zi e in­con­si­sten­ti co­me det­to, ma an­che di par­ti­co­la­re inef­fi­ca­cia nel ca­so spe­ci­fi­co del­le “vo­ci” (sul­le qua­li i neu­ro­let­ti­ci fan­no po­co o nien­te). Co­mun­que que­sta li­nea di espe­rien­za e di ri­cer­ca è so­lo una tra le di­ver­se che si tro­va­no in que­sto “ar­ci­pe­la­go som­mer­so” di pra­ti­che al­ter­na­ti­ve, al­cu­ne con ri­sul­ta­ti du­ra­tu­ri in re­gi­me di “part­ner­ship” (uten­ti/ope­ra­to­ri), ma na­tu­ral­men­te in con­di­zio­ni di con­te­sto più o me­no ar­due, se­con­do la va­rie­tà di con­trad­di­zio­ni, mar­gi­ni con­trat­tua­li etc., dei si­ste­mi lo­ca­li. 
Sem­bra­no idee fon­da­te e con­vin­cen­ti, ma suo­na­no “uto­pi­sti­che” a fron­te de­gli ap­pa­ra­ti di po­te­re che hai de­scrit­to pri­ma …
Non c’è dub­bio, ma non ci si de­ve far svia­re, si de­vo­no te­ne­re gli oc­chi fer­mi a ter­ra, con l’an­ti­ca osti­na­zio­ne con cui Ba­sa­glia af­fer­mò, pro­vo­ca­to­ria­men­te, di pra­ti­ca­re “l’u­to­pia del­la real­tà”. Af­fer­ma­zio­ne quan­to mai per­ti­nen­te, per­ché al­l’i­ni­zio lo pre­se­ro per paz­zo vi­sio­na­rio; fu de­ni­gra­to in tut­ti i mo­di, sal­vo poi ri­co­no­scer­gli, col tem­po, di aver fat­to “mi­ra­co­li” (“l’im­pos­si­bi­le che di­vie­ne pos­si­bi­le”, si dis­se). Ma ap­pun­to spe­cial­men­te in que­sto cam­po, do­ve co­me ab­bia­mo vi­sto mol­to si di­ce e po­co si fa, do­ve si stra­par­la men­tre le po­che espe­rien­ze ve­ra­men­te in­no­va­ti­ve pro­ce­do­no sen­za gran­cas­sa, la real­tà si ri­ve­la in­trin­se­ca­men­te “uto­pi­ca”. Nel sen­so che è la ma­te­ria­li­tà quo­ti­dia­na, le vi­te con­cre­te del­le sin­go­le per­so­ne in dif­fi­col­tà men­ta­le, i lo­ro mon­di di pro­ble­mi e fra­gi­li­tà ma an­che di po­ten­zia­li­tà e ric­chez­ze, ciò che “non ha luo­go” in que­sta or­ga­niz­za­zio­ne so­cio-isti­tu­zio­na­le, ciò che è ne­ga­to e non am­mes­so, let­te­ral­men­te si­len­zia­to co­me si fa coi trat­ta­men­ti chi­mi­ci dei lo­ro “sin­to­mi”. Ma se in­ve­ce ci si at­tie­ne a que­sta real­tà, se da es­sa non ci si stac­ca o di­strae, nel mo­do te­star­do di Ba­sa­glia e del­le pra­ti­che di og­gi di cui stia­mo di­cen­do (tan­to più mo­ti­va­te in quan­to con­dot­te in pri­ma per­so­na), se non ci si la­scia svia­re dal ru­mo­re e da­gli ido­la del mo­men­to, i ri­sul­ta­ti ven­go­no, e si trat­ta di pas­si mol­to con­cre­ti, tut­t’al­tro che “mi­ra­co­li” (che poi ap­pa­ia­no ta­li, di­pen­de dal­la for­za con­tra­ria, dal­l’i­ner­zia del pre­giu­di­zio con­ser­va­ti­vo). 
Del re­sto chi è abi­tua­to da tem­po al­la fa­ti­ca di nuo­ta­re con­tro cor­ren­te im­pa­ra a co­no­sce­re il fiu­me me­glio di chiun­que al­tro: le sue cor­ren­ti, le sec­che, le gior­na­te che non avan­zi di un cen­ti­me­tro e quel­le do­ve si apre un var­co, un vor­ti­ce pro­pi­zio… La si­tua­zio­ne è que­sta, c’è po­co da fa­re. Ma pro­prio per­ciò c’è mol­to da fa­re in ve­ri­tà, se si ca­pi­sco­no a fon­do i pun­ti di for­za e di de­bo­lez­za, da una par­te e dal­l’al­tra. La me­ta­fo­ra di Lil­li­put, usa­ta da qual­che or­ga­niz­za­zio­ne di re­si­sten­za al­lo stra­po­te­re dei pa­dro­ni del va­po­re (i ma­cro-po­te­ri so­vra­na­zio­na­li con la lo­ro cor­te di ideo­lo­gi), è una co­sa in­tel­li­gen­te ed ef­fi­ca­ce, che va­le in cer­ta mi­su­ra pu­re qui. Lo sa­pe­te: non è det­to che si per­da sem­pre con­tro i pa­dro­ni del va­po­re, che in que­sto ca­so si chia­ma­no Big Phar­ma – co­me Le Car­ré ha de­fi­ni­to il com­ples­so far­ma­co-in­du­stria­le che im­po­ne al “glo­bo” i suoi stan­dard di sa­lu­te/ma­lat­tia, cioè le sue stra­te­gie di mar­ke­ting “sa­ni­ta­rio” che dif­fon­do­no in­sa­nia per il mon­do: va­le a di­re, mor­te an­nun­cia­ta nel­l’e­mi­sfe­ro sud, per i mi­lio­ni di per­so­ne usa e get­ta, che era­no ser­vi­te per le spe­ri­men­ta­zio­ni de­gli stes­si far­ma­ci che poi so­no lo­ro in­ter­det­ti dal­le “ra­gio­ni” del pro­fit­to; e in­tan­to nel­l’e­mi­sfe­ro nord, per le stes­se ra­gio­ni di que­sto sfre­na­to pro­fit­ta­re del­la pel­le al­trui, lo spac­cio di mas­sa di dro­ghe le­ga­liz­za­te, pri­ma l’af­fa­re del se­co­lo (Pro­zac e si­mi­li) e ora l’an­fe­ta­mi­niz­za­zio­ne a tap­pe­to in Usa dei bam­bi­ni “di­sat­ten­ti/ipe­rat­ti­vi” (il bu­si­ness del Ri­ta­lin e si­mi­li: fe­no­me­no mi­ci­dia­le su cui, pur­trop­po, non ab­bia­mo tem­po di fer­mar­ci). Ma sta­vo di­cen­do: que­sto mec­ca­ni­smo ap­pa­ren­te­men­te in­vin­ci­bi­le ha le sue cre­pe, i “cit­ta­di­ni del glo­bo” non pos­so­no es­se­re te­nu­ti in­de­fi­ni­ta­men­te in una con­di­zio­ne di mi­no­ri­tà, sor­go­no nuo­ve e fer­me con­sa­pe­vo­lez­ze, gli an­ti­cor­pi si for­ma­no… In fon­do chi avreb­be scom­mes­so, so­lo po­chi me­si fa, sul­la vit­to­ria di Man­de­la del 18 apri­le? Una bat­ta­glia non la guer­ra, cer­to. Ma un buon pre­ce­den­te, un pun­to fer­mo per i suc­ces­si­vi con­flit­ti che ci at­ten­do­no. E ri­pe­to, chi avreb­be scom­mes­so sul­la ca­pa­ci­tà dei lil­li­pu­zia­ni ami­ci di Man­de­la di im­bri­glia­re il co­los­so “in­vin­ci­bi­le” di Big Phar­ma?


Related Articles

Cooperative, aumentano gli occupati: +5,5% negli anni della crisi

 

Le 20.500 imprese aderenti a Confcooperative rispondono così al “terremoto economico”: lavoratori passati da 507.000 a 535.000. È donna il 59% degli occupati, straniero il 22%. A tempo indeterminato l’82% dei contratti

Al via la Giornata europea della giustizia civile

   Foto: Falseaccuse

Oggi, 25 ottobre, ricorre la “Giornata europea della giustizia civile” che la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa hanno istituito a partire dal 2003 con l’obiettivo di render la “giustizia civile” alla portata dei cittadini europei. Il diritto civile è parte della vita quotidiana dei cittadini europei: lavorare, sposarsi, avere figli o acquistare beni e servizi. Ma i cittadini della giovane Unione Europea sono consapevoli dei loro diritti e di come funziona la giustizia civile?

Fondo non autosufficienza raddoppiato? Il giorno dopo tornano i dubbi

A 24 ore dalla manifestazione dei malati di Sla il Comitato 16 novembre conferma: “I 200 milioni ci sono stati garantiti”. Ma le istituzioni promettono solo “l’impegno” e resta sullo sfondo il grande interrogativo sui dati dei disabili gravissimi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment