IL NEO-PACIFISMO INGLESE CHE È NATO IN PARLAMENTO

Il Regno Unito è stato per molto tempo il partner più fidato degli Stati Uniti negli interventi militari, ma questa partnership oggi dipende da un’opinione pubblica britannica che non è dell’umore giusto per dar retta a moniti su futuri rischi non documentati, o a valutazioni basate sulle intelligence, o ancora a una forte leadership che pianifica un coinvolgimento in guerre all’estero. L’ombra dell’Iraq — come ha detto alla camera dei Comuni nel corso di un dibattito Jack Straw, segretario degli esteri quando il Regno Unito partecipò all’invasione di quel paese nel 2003 — «ha fatto sì che l’opinione pubblica si ponesse molte più domande ». Naturalmente, esistono validi motivi per porsele. Ci sono i timori concreti che il governo chiamato a sostituire quello di Assad si possa rivelare addirittura peggiore di lui.
Oggi i parlamentari britannici sono molto più obbligati nei confronti dei loro elettori che, da quanto dimostrano i sondaggi, sono contrari a un intervento. La diffusa — ed errata — convinzione che il governo Blair abbia mentito per far sì che il Regno Unito andasse a combattere in Iraq aleggia come la nebbia londinese su qualsiasi dibattito riguardante nuovi interventi armati. Nell’immediato futuro la Gran Bretagna potrebbe astenersi da qualsiasi azione militare: Richard Haass, ex responsabile della pianificazione politica al dipartimento di Stato durante la prima amministrazione di Bush jr, è schietto in proposito. Sul Financial Times ha scritto che il Regno Unito oggi sta prendendo parte «alla smilitarizzazione dell’Europa» e «rischia di sganciarsi sia dall’Ue sia dagli Usa». La Gran Bretagna potrebbe ritrovarsi quindi nella stessa posizione di Germania e Italia: indiscutibilmente in campo occidentale, non disposta o incapace di far seguire alle parole i fatti, sollecita a rifiutarsi di concordare un intervento a meno che il Consiglio di sicurezza non lo autorizzi — cosa che non avviene quasi mai.
Siamo davanti a un enorme cambiamento. Con un socialista all’Eliseo, la Francia è ora il partner più affidabile per Washington. Un governo nel quale prevalgano i conservatori invece non è riuscito a persuadere i parlamentari a dare il consenso per andare in guerra. Il popolo ha parlato. E ha escluso la Gran Bretagna dai grandi giochi.
(Traduzione di Anna Bissanti)


Related Articles

L’Italia acquista sei cacciabombardieri ma il Parlamento non lo sa

La denuncia di Taglia le ali alle armi, il coordinamento di associazioni per il disarmo. A giugno e luglio Camera e Senato si erano espresse affinché tutte le decisioni passassero dal Parlamento. Al momento, però, sono sempre scavalcate

Le atomiche tutte in Italia

L’Alleanza atlantica non smantella le testate Usa in Europa come promesso da Obama e le ridisloca ad Aviano

Il testamento di Shaban


Un contadino palestinese assassinato dall’esercito israeliano, appena dopo essere stato intervistato da una cooperante italiana

Un anziano contadino palestinese al lavoro nei campi. Una giovane cooperante italiana che si reca a intervistarlo.
Mentre anche ieri notte caccia F16 ci hanno tirato addosso i loro confetti di morte (tre bombardamenti a sud di Gaza City e uno a Kahn Younis) ho trascritto la registrazione audio dell’ultima intervista a Shaban, anziano contadino ucciso lunedi’ da un cecchino subito subito dopo aver incontrato una cooperante italiana.
Il testamento di una vita dedicata all’amore per la sua terra, un amore che alla fine se l’è inghiottito dentro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment