Il Papa: riorganizzare la Curia per stare al passo con i tempi

ROMA — «Perché non parlo dell’aborto o delle nozze gay?». Semplice, perché «non è necessario: la posizione della Chiesa su questi temi è già chiara». Con un tratto di penna — e pochissime parole — papa Francesco ha archiviato anni di appelli sui temi etici. Il suo accento è stato posto su altri aspetti: l’inclusione, la misericordia, l’accoglienza, in particolare degli ultimi, dei diseredati. E, clamorosamente, i gay. Un «callejero», uno che cammina per strada, si è autodefinito ricordando che quand’era a Buenos Aires amava camminare in città. Ma Bergoglio è allo stesso tempo un Pontefice che cammina, con determinazione. Verso la riforma della Curia («Già molti documenti sono arrivati e dopo quella di ottobre ci saranno altre due o tre riunioni prima della decisione definitiva») e ritiene che monsignor Nunzio Scarano finito in carcere debba essere «punito» dalla Chiesa. 
La dirompente novità — rispettosa della tradizione e della dottrina — così evidente nelle parole e nei gesti di papa Francesco nei confronti degli omosessuali, viene messa in evidenza dall’Osservatore Romano. «Si può cambiare tutto senza cambiare le regole di base, quelle su cui si è costruita la tradizione cattolica: questa è la sua posizione anche sugli omosessuali», spiega l’Osservatore Romano. «L’esempio di Pietro, che tradisce Gesù e poi viene “fatto” Papa è di una chiarezza lampante — scrive Lucetta Scaraffia — che in un baleno toglie valore a tutte le lettere di denuncia, i sospetti, i veleni che stanno girando nel mondo ecclesiastico dopo l’accenno alla “lobby gay”. E ricorda a tutti che il cristianesimo ha sempre distinto fra condanna del peccato e misericordia verso il peccatore, e che non è un rigido puritanesimo senza cuore».
Ma nella sua prima intervista, alla tv brasiliana Rede Globo, rilanciata ieri dalla Radio Vaticana, Bergoglio affronta a viso aperto anche i nodi «di governo». E i messaggi sono altrettanto chiari. «La Curia deve essere riformata per stare al passo con i tempi, serve più semplicità». Come è stato chiesto dai cardinali di tutto il mondo nelle Congregazioni Generali prima dell’elezione del 13 marzo scorso. «Ci sono — ha spiegato Francesco — cose che erano utili nel secolo passato, altre epoche, altri punti di vista, che adesso non servono più e devono essere riorganizzate». Francesco ha anche rivelato: «Sono già arrivati molti documenti», e ha anticipato che alla riunione di ottobre, ne seguiranno altre due o tre, prima di qualsiasi decisione «definitiva». «La riforma della Curia è cosa molto seria», ha osservato, e le proposte «devono essere maturate».
Ancora una volta, il Papa non si è mostrato tenero con gli scandali delle finanze che hanno coinvolto lo Ior. Dice chiaro e tondo di monsignor Nunzio Scarano: «Bel favore che ha fatto questo signore alla Chiesa! Riconosciamo che si è comportato male, la Chiesa lo deve punire nella forma giusta perché agiva male». Un’altra decisione del papa che si è rivelata mediaticamente vincente: la novità della conferenza stampa solo nel viaggio di ritorno. 
M. Antonietta Calabrò


Related Articles

Richiamo dal Consiglio d’Europa “Troppi soldi senza controlli”

ROMA – Una contestazione in sei punti e la minaccia di sanzioni per l’Italia. Adesso la nebulosa dei finanziamenti ai partiti finisce sotto la lente di ingrandimento delle autorità  europee.

Lo stadio della Roma a Tor di Valle e la posta in gioco

vanno avanti i tentativi del costruttore romano Luca Parnasi e del finanziere americano James Pallotta di portare a casa il bottino della speculazione a Tor di Valle con l’acquiescenza e la complicità delle Giunte Raggi e Zingaretti

Nessuna emergenza costituzionale anche con il «governo dei tecnici»

L’editoriale di Ernesto Galli della Loggia sul Corriere del 12 dicembre evoca il fantasma di uno «stato di eccezione» che investirebbe la Costituzione e il suo funzionamento. Certo, viviamo un momento per tanti aspetti «eccezionale».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment