«Nozze gay, un milione di no» Prima la marcia, poi gli scontri

PARIGI — Il finale, appena prima della Marsigliese, è affidato come sempre al karaoke di Non, je ne regrette rien di Edith Piaf, le parole modificate scorrono sui maxischermi e i 150 mila — un milione secondo gli organizzatori — cantano nella spianata des Invalides: «No, niente di niente, no, non cederemo niente: è suo padre e sua madre che un bambino deve conoscere su questa Terra». L’ultima manif pour tous, la manifestazione contro il matrimonio degli omosessuali e soprattutto contro la loro possibilità  di adottare, si conclude. Pacificamente. Più tardi, come ormai è tradizione, entreranno in azione gli estremisti a volto coperto che anche ieri sera hanno sfidato la polizia con pietre, bastoni e bandiere con le croci celtiche.
Prima, in un pomeriggio senza incidenti, la Francia conservatrice, cattolica e di centrodestra (con eccezioni) si era mobilitata ancora una volta contro quella che nel frattempo è diventata la legge Taubira, passata indenne al vaglio del Consiglio costituzionale e già  promulgata dal presidente della Repubblica. Centinaia di migliaia di francesi sono scesi in piazza per oltre sei mesi — ieri c’era pure un asino, con la scritta «ho votato Hollande» — ma dopodomani, a Montpellier, Bruno e Vincent si sposeranno. La prima coppia dello stesso sesso a farlo in Francia, il 14° Paese a rendere legale il matrimonio omosessuale.
E allora, perché ancora una manifestazione? «Anche se la legge è in vigore lotteremo sempre contro questa idiozia, le leggi ingiuste vanno combattute», dice Jean Frachon, trentenne accompagnato dalla moglie e da un figlio in passeggino al quale è attaccata una delle tante bandiere francesi; un amico mostra lo striscione «Discendiamo da Adamo ed Eva, non da Adamo e Yves». Slogan che spiega perché tante gente è scesa in piazza ed è pronta a farlo ancora: in gioco, secondo loro, non c’è tanto la possibilità  di Bruno e Vincent di sposarsi, ma la scomparsa di un mondo. Quello in cui si nasce uomo o donna, e grazie a questo si è destinati a fare figli «secondo natura».
In questa visione — all’antica secondo gli altri, autoevidente per chi manifesta — non c’è posto per la teoria di genere, per una visione culturale e non naturale della filiazione, e quindi per bambini cresciuti magari da due mamme; non c’è spazio per la fecondazione assistita né tantomeno per l’utero in affitto, che saranno i prossimi terreni di scontro.
Ieri in Francia era la festa della mamma, ma gli striscioni la definivano «l’ultima»: come se permettere a un bambino senza genitori di venire adottato da due papà  portasse alla scomparsa universale della madre. «Combatterò sempre, per nostro figlio», si legge sul manifesto di una ragazza: come se qualcuno volesse impedire di essere mamma a lei, e non consentire ad altre di diventarlo.
Lontano dal cuore della manifestazione alcuni estremisti di destra sono saliti su una terrazza vicino al Partito socialista e hanno esposto lo striscione «Hollande dimettiti», e altri con il cranio rasato davanti all’Opéra esponevano foto di scimpanzé con la scritta «Matrimonio anche per lui?». Secondo la polizia «400-500 giovani violenti» hanno innescato gli scontri fino a tarda notte sotto la Torre Eiffel: bottiglie e pietre in direzione di agenti e giornalisti, un fotografo ferito, cariche di poliziotti e gas lacrimogeni, cento arresti. Violenze ai margini, mentre le famiglie che agli Invalides gridavano «tutti nati da un padre e da una madre» rappresentano una delle anime della Francia. Continueranno a farsi sentire.


Related Articles

Stati Uniti, il ritorno di Karl Rove

 autore foto: @mjb, da flickr (immagini di autore foto: @mjb, da flickr)
Torna alla guida di un gruppo ombra incaricato di raccogliere e utilizzare al meglio le risorse investite da privati e non profit politiche per sconfiggere i democratici. Guiderà  una political machine destinata a risollevare le casse dei repubblicani

«Intercettazioni di massa illegali» Giudice Usa dà ragione a Snowden

Secondo il tribunale d’appello di New York il «Patriot Act» non le giustifica

La prima volta di Akihito L’imperatore parla in tv

«Ciascuno di noi condivida questi giorni difficili»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment