La strategia Nato finisce nel cassetto per affrontare la nuova sfida della Cina

L’annuncio del nuovo capo del Pentagono Chuck Hagel è il primo passo di quella politica di contenimento della spesa militare e di ribilanciamento della disposizione delle forze americane nel mondo che era stata annunciata da tempo dalla Casa Bianca: rafforzamento dell’apparato militare in Estremo Oriente a tutela dei crescenti interessi americani nel Pacifico. E creazione di uno scudo a protezione degli alleati, a partire da Giappone e Corea del Sud, che si sentono minacciati, oltre che dal regime di Pyongyang, dall’espansionismo e dalla crescente forza militare ed economica della Cina. Colpiscono, però, le modalità  di questo ribilanciamento: rinviando il piano dei nuovi euromissili, la Casa Bianca fa venire meno uno degli elementi più significativi di quella strategia della «difesa intelligente» (e coordinata con gli alleati) che solo dieci mesi fa a Chicago era stata al centro del vertice della Nato. Obama non aveva indietreggiato davanti all’irritazione di Mosca: aveva solo assicurato che i missili da installare in Polonia (comunque dopo diversi anni) avrebbero avuto come ruolo principale quello di difendere l’Europa da un possibile attacco missilistico dell’Iran. I russi mostrarono di non credere a quelle rassicurazioni e mandarono a Chicago una rappresentanza di livello molto basso. Ora, rinviando il progetto polacco (che viene confermato ma differito di alcuni anni), Obama, determinato com’è a ridimensionare la spesa militare, manda un segnale di collaborazione a Putin. Contemporaneamente cerca di rassicurare gi europei: Hagel ripete che rimane un «impegno d’acciaio» a difendere l’Europa da possibili attacchi. Agli alleati Nato perplessi può spiegare che oggi la priorità  è quella di affrontare la minaccia nordcoreana che si è improvvisamente aggravata, mentre quelli che vengono da Teheran per ora sono pericoli solo potenziali.
Decisione comprensibile quella degli Usa, tanto dal punto di vista militare quanto da quello geopolitico. Che, però, sembra essere stata presa in modo unilaterale.


Related Articles

Aleppo e Mosul, due facce dello stesso conflitto. E la Turchia fa da “ponte” bellico

Medio Oriente. In Iraq governo e peshmerga avanzano più lentamente, l’Isis usa i kamikaze come difesa e i turchi mandano i caccia. In Siria la Russia propone da sola una tregua ma le opposizioni rifiutano di slegarsi da al-Nusra

Se la Palestina è membro Onu. O quasi

   Il Presidente palestinese Abu Mazen – Foto: ovirodoipiranga.blogspot.com

Su Gaza non piovono più bombe, su Israele non cadono più razzi. Per il momento. Poi, se tutto resta come adesso (o come gli ultimi 10 anni), ricomincerà  la spirale di violenza. In attesa di un conflitto magari su larga scala. E la speranza muore. Si attendono nuovi eventi. Che non sono certamente l’annunciato ritiro dalla vita politica di Ehud Barak, oppure la riesumazione dei resti di Arafat per capire se è stato avvelenato con il polonio e neppure l’ennesime riunioni delle varie agenzie internazionali da decenni al capezzale dei due contendenti.

Iraq, oltre 34mila iracheni uccisi nel 2006

il Rapporto della missione ONU (Osservatorio Iraq, Un ponte per…) Baghdad, 16 gennaio 2007 – Oltre 34mila iracheni sono rimasti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment