Il tavolo dell’euro e quel silenzio dell’Italia sulla scelta

Su questo punto l’esecutivo fino a ieri sera è rimasto in silenzio. Lo ha fatto quando l’Eurogruppo nove giorni fa ha accettato che fossero sforbiciati i conti bancari ciprioti anche sotto i 100 mila euro: una scelta che l’Istitute for International Finance, il club globale delle banche, definisce illegale perché violerebbe il principio di assicurazione sui depositi. Non è ciò a cui siamo stati abituati. Monti e la sua squadra avevano fatto della capacità  di incidere a Bruxelles un (comprensibile) motivo di vanto. Non questa volta, si direbbe, benché alcuni sembrino pensare che il trattamento di Cipro interessi indirettamente anche l’Italia. Dopo l’Eurogruppo su Cipro del 15 marzo Joerg Kraemer, capo economista di Commerzbank (una banca tedesca a controllo pubblico), ha detto che un prelievo sui depositi del 15% sarebbe la soluzione al problema del debito anche in Italia. Cipro è certo un caso unico, ma provoca discussioni ben oltre le sue sponde. Su questo si può essere d’accordo con la linea tedesca o meno, con validi argomenti. Ma non dire niente, almeno in pubblico, è un’altra storia.


Related Articles

“Le banche hanno manipolato il Libor” indagine sull’indice di mutui e prestiti

Allarme a Wall Street e nella City: i responsabili rischiano 14 anni di carcere e maxi risarcimenti.  Indagine internazionale delle polizie di Tokyo, Londra e New York 

Merkel apre l’«ombrello salva euro»

EUROCRACK Il Bundestag approva il rifinanziamento del fondo-paracadute per i paesi più indebitati di Eurolandia
Maggioranza salva. Sì anche degli euroscettici della Cdu per tenere il governo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment