Cavallo nei tortellini, via dagli scaffali

LO SCANDALO della carne di cavallo venduta come carne di manzo, scoppiato in Gran Bretagna con gli hamburger e poi con le lasagne Findus, si allarga e arriva in Italia. Ieri la Nestlè ha deciso di ritirare dagli scaffali italiani e spagnoli confezioni di ravioli e tortellini di manzo, dopo che i test hanno rilevato tracce di Dna di carne di cavallo pari all’1 per cento. Lo ha rivelato il Financial Timeonline, citando un comunicato della multinazionale.
Secondo il quotidiano britannico, la Nestlè ha ritirato in Italia e Spagna in particolare «due prodotti di pasta congelati, i ravioli e i tortellini della Buitoni», società  che fa capo al colosso alimentare. Dopo aver informato le autorità  dell’esito degli esami, Nestlè ha rassicurato sul fatto che «non ci sono problemi di sicurezza alimentare ». I prodotti ritirati saranno sostituiti con altri «che i test confermeranno essere al 100 per cento di manzo», aggiunge Nestlè in una nota, nella quale precisa che sono state sospese «tutte le consegne di prodotti finiti con manzo della tedesca H. J. Schypke, società  che lavora per uno dei nostri fornitori ».
«Stiamo rafforzando i controlli di qualità  con nuovi test. Assicurare la qualità  e la sicurezza dei nostri prodotti è stata sempre una priorità  per Nestlè. Ci scusiamo con i consumatori e assicuriamo che le azioni prese per far fronte a questo problema si tradurranno in più alti standard e in una rafforzata tracciabilità  », aggiunge Nestlè, precisando che saranno ritirate dalla vendita anche le Lasagnes a la Bolognaise Gourmandes prodotte in Francia. La scorsa settimana — ricorda il Financial Times —
la stessa Nestlè aveva dichiarato che i suoi prodotti non erano stati colpiti dallo scandalo sulla carne bovina che sta dilagando in diversi Paesi europei.
Il caso della carne di cavallo in hamburger e lasagne ha spinto l’Unione Europa a scendere in campo e approvare una raffica di test sulla carne di manzo per verificarne la composizione. L’Italia, primo consumatore di carne di cavallo, è stato l’unico Paese europeo a esprimersi in modo contrario sui test. Opposto l’atteggiamento della Germania che — riporta il Financial Times — seguirà  un piano in dieci punti che va al di là  di quanto stabilito a Bruxelles per verificare l’eventuale presenza di altri additivi non dichiarati. Berlino promette controlli più rigidi sui prodotti a base di carne e punizioni più severe per le compagnie che violano le regole di etichettatura. I rappresentanti per la Sanità  degli Stati dell’Unione si riuniranno nuovamente a Bruxelles oggi: un incontro tecnico per parlare della metodologia da seguire nell’attuazione dei test.
Sempre ieri, in Svizzera la Coop ha ritirato quattro prodotti Hilcona dai propri scaffali, dopo essere stata avvertita che alcuni sotto-prodotti del fornitore tedesco Vossko potevano contenere carne di cavallo non dichiarata.
Intanto, l’industria degli hamburger risente della crisi: nella settimana che si è chiusa il 2 febbraio le vendite di hamburger congelati in Gran Brtagna, dove la crisi è scoppiata, sono crollate del 40 per cento e due terzi degli inglesi, secondo un sondaggio Nielsen, si sono detti contrari ad acquistare carne surgelata in futuro.


Related Articles

«Il vero obiettivo è privatizzare tutto il welfare»

Meno 76% sul Fondo sociale nazionale, meno 50% di spesa per le politiche sociali a livello regionale. Detta in soldoni, il primo è passato da un miliardo e 472 milioni di euro del 2010 ai 349,4 milioni del 2011. La Campania, che ha la spesa media sociale pro capite più bassa d’Italia (con circa 33 euro a fronte dei 344 della Valle d’Aosta e una media di 65 euro del Mezzogiorno), in linea con la filosofia del ministro Tremonti, per il prossimo anno ha previsto un dimezzamento del capitolo di bilancio con solo cinque milioni di euro stanziati, che fa salire a quota 43 milioni il trasferimento dal Fondo sociale nazionale per le 5 province campane.

Più misure alternative al carcere, ma Italia resta sotto la media Ue

Sono 22.423 i soggetti in esecuzione penale esterna al 31 dicembre del 2011. Erano 5.933 nel 2006 e 10.220 nel 2008, un numero di non molto superiore della metà  dei condannati reclusi

Quelle Parole di Bergoglio per dare una scossa alla Chiesa

Offerte, queste, con una tale foga da concedere diritto di cittadinanza — di certo per la prima volta sotto le volte di una sala vaticana — a un termine che qualche dizionario registra ancora facendolo precedere da un cauto volg. , «volgare».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment