LO SPETTACOLO DELLA SINISTRA

. Lo scontro tra Vendola e Ingroia, tra Sel e la Lista capeggiata dal magistrato, il continuo rinfacciarsi l’un l’altro il «tradimento» della comune causa, ne è la clamorosa, deprimente testimonianza.
Una diaspora che ieri ha toccato il livello più basso con la reciproca accusa di scomparire il giorno dopo il voto. Da una parte si dice che l’alleanza di Sel con il Pd si sfascerà  quando sarà  chiaro che il partito di Bersani andrà  al governo con Monti. Dall’altra si prevede che le forze riunite sotto l’insegna di Ingroia torneranno a dividersi nei mille pezzi che la compongono.
Non si tratta di lanciare appelli all’unità  di facciata, né resuscitare ramoscelli d’ulivo o arcobaleni radiosi. Le divisioni ci sono, sono importanti, coinvolgono giudizi sullo stato delle forze in campo e vanno guardate senza veli. La scelta di coalizzarsi con il Pd per affrontare la sfida del governo del paese, o quella di dare forza elettorale a un movimento-partito per condizionare dall’esterno il Pd sono non solo due opzioni legittime, ma anche il frutto di una sconfitta storica della sinistra. Quel che non persuade e anzi semina un disorientamento crescente, è assistere a uno scontro sterile, persino fittizio, utile solo a prosciugare consensi a entrambi gli schieramenti.
Se lasciamo da parte le modalità  (pure importanti) con cui si è giunti a queste tattiche di «coalizione», e guardiamo ai contenuti, non si potrà  negare la prossimità  dei due campi e le ragioni di un’affinità  politico-culturale che li unisce. Sull’antiliberismo e sulla pace, sul neoambientalismo e sul modello di sviluppo c’è una stretta parentela tra Vendola e la lista Ingroia, più di quanta non se ne riesca a vedere tra Vendola e Bersani, o, per converso, tra Ferrero e Di Pietro. Così come su «la rotta d’Europa» si scontrano, invece, in questa parte della sinistra, due orientamenti, e forse due culture politiche diverse.
E’ troppo chiedere di mantenere alto il livello del confronto? E’ possibile evitare di ferirsi con le armi spuntate del «tradimento» da scagliare contro i rispettivi eserciti? L’elettorato di sinistra non si convince con le sceneggiate televisive, troppe e brucianti le delusioni accumulate negli ultimi anni per sopportare ancora le schermaglie mediatiche. Utili solo a seminare la voglia di restarsene a casa.


Related Articles

Mario Monti non si dimentica della campagna elettorale e su Twitter ribadisce: “Saliamo in politica”

Ha scelto la sera di Natale per rilanciare la sua agenda politica, con un “cinguettio” mandato in rete poco prima della mezzanotte. Mario Monti, sbarcato su Twitter lo scorso 16 dicembre, conferma, ai suoi quasi 13mila follower, la sua volontà  di scendere in politica.

Legge elettorale, D’Alema divide il Pd “Meglio il doppio turno alla francese”

Il Pdl: non è un tema in discussione. Ma i finiani: parliamone.  Franceschini: forme diverse dal tedesco Bindi: andiamo avanti con il maggioritario

VECCHIA STORIA

«Come nei lavori sotterranei per la metropolitana di Roma, la marcia di avvicinamento al Quirinale avviene a foro cieco. Ciascuno con la sua “talpa” si apre pazientemente una galleria che spera sia stagna, e poiché i minatori presidenziali sono molti, i cunicoli sotto il colle romano si incrociano e si intricano sempre di più, facendo pensare al labirinto che nel sottosuolo di Parigi percorse Jean Valjean, protagonista dei Miserabili di Victor Hugo».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment