Berlino cerca una cura per la sindrome francese

Non è chiaro se il governo tedesco abbia chiesto con discrezione ai suoi cinque “saggi” di occuparsi del caso francese, come sostiene la stampa d’oltre Reno. Questi illustri economisti hanno ufficialmente smentito la notizia, mentre la cancelleria si è accontentata di un “No comment”. Poco importa: il solo fatto che questa richiesta sia ipotizzabile testimonia l’inquietudine che Berlino nutre per il suo vicino. Un’inquietudine purtroppo giustificata.

La prima reazione, naturalmente, è il nervosismo. Che i tedeschi contemplino la possibilità  di darci delle lezioni per riformare la Francia è allo stesso tempo irritante e impudente. Dieci anni fa il malato d’Europa era la Repubblica federale, regolarmente in ritardo nella crisi della zona euro, assai poco disposta ad ascoltare i consigli di Parigi per porre rimedio alla sua catastrofica situazione demografica, per fare un esempio a caso.

La seconda reazione è cercare di comprendere il contesto di questa possibile iniziativa. Ai cinque esperti che di recente hanno criticato alcune scelte di Angela Merkel, quest’ultima risponde: mettete pure a confronto le nostre politiche, e vedrete che la nostra è la migliore.

Per quanto comprensibili, queste reazioni a caldo non possono tuttavia mascherare ciò che più conta: la Germania è preoccupata per lo stato della nostra economia, per la nostra stagnazione che dura da tre trimestri, per i nostri deficit e soprattutto per la nostra incapacità  di reagire. Come darle torto? Basta un solo spaventoso esempio per rendersene conto: secondo Eurostat, il tasso di disoccupazione si è assestato sul 5,4 per cento da loro e sul 10,8 per cento qui in Francia.

Ma la vera differenza forse è un’altra: la Francia – e Franà§ois Hollande, pare – ritengono ancora che le difficoltà  contingenti siano temporanee e che tutto andrà  per il meglio quando a metà  del 2013 e nel 2014 la tendenza economica si capovolgerà . È da tempo, invece, che i tedeschi hanno ormai capito che quella che noi chiamiamo “crisi” è una macroscopica mutazione storica, e si sono attrezzati ad affrontarla.

In realtà  non abbiamo bisogno di loro per sapere che il rapporto Gallois (sulla competitività  dell’industria francese) e il piano governativo che ne consegue sono soltanto primi passi nella direzione giusta e niente più. Non basta annunciare una svolta: dobbiamo accelerare e intraprenderla quanto prima.

Traduzione di Anna Bissanti


Related Articles

Trattato fiscale Margaret Thatcher ha vinto

Margaret Thatcher a Londra nel 1976    Margaret Thatcher a Londra nel 1976 John Minihan/Evening Standard/Getty Images

Il patto firmato all’inizio del mese reintroduce la spietata dottrina socioeconomica della lady di ferro. Stavolta però non è un governo democratico a imporla, ma lo strapotere della finanza e delle banche

Siria: i cecchini di Assad sono pronti a sparare a chi cerca di varcare il confine

Guvecci (Turchia del Sud) – “Questa mattina (ieri per chi legge – nda) sono arrivate una ventina di persone. Stanno bene e li abbiamo sistemati all’interno del campo con gli altri profughi”. Il dottor Yasin sta fuori dal cancello dell’ex edificio per la lavorazione del tabacco, nel paesino di Yayladagi. L’accesso alla fabbrica riadattata a campo di prima accoglienza è vietato a tutti quelli che non fanno parte del personale della Mezza Luna Rossa.

Di cosa parliamo quando parliamo di pluralismo

La definizione è accattivante, ed è stata molto usata nelle cronache di questi ultimi mesi: movimenti «post-islamisti», per dire che la religione non aveva nessun particolare ruolo nelle proteste di massa viste a Tunisi, al Cairo e in tante altre città  di paesi arabi, e che quelle erano rivolte in nome della libertà  e democrazia, non certo di stati islamici o piattaforme teocratiche.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment