Obama e Romney, i più fortunati del mondo

Poi i suoi portavoce hanno diminuito le aspetattive adducendo la grande abilità  oratoriale del presidente. Ammortizza le aspettive anche la squadra di Obama: Romney farà  un buon dibattito. Per ora il 51% degli americani pensa che Obama vincerà  il confronto verbale. Solo il 33% ha fede in Romney. Tra quelli che credono nella possiiblità  di un ribaltone a vantaggio repubblicano anche il governatore del New Jersey Chris Christie, una star del partito, già  ritenuto in pool position per il 2016.
Soggetto che finora non ha pesato sulla campagna, con l’emergere di dettagli sulla mancanza di sicurezza al consolato di Bengasi, la Libia potrebbe diventare un argomento spinoso per il presidente. Ma in politica estera Romney è stato finora un disastro.
Torna al lavoro la Corte Suprema dopo l’intervallo estivo e la sentenza a sorpresa con cui il capo del maggior tribunale americano, John Roberts, ha salvato la riforma sanitaria di Obama. In calendario alcune sentenze potenzialmente miliari: sull’affirmative action, i matrimony gay e la giurisdizione del governo federale sull’accesso al voto. Il prossimo presidente degli Stati Uniti nominerà  almeno un nuovo giudice. Nel suo primo mandato Obama ne ha già  nominati due
Da cosa si capisce che una certa sicurezza della vittoria di Obama sta cominciando a farsi strada? Dal fatto che I liberal (sul serio e per satira) alzano un po’ il tiro su di lui. È critica sulla sua politica estera (droni e Afghanistan, in particolare) la conduttrice del Tg MSNBC Rachel Maddow. Secondo Jon Stewart del Daily Show «Obama è l’uomo piu’ fortunato del mondo», perché ha come avversario Mitt Romney. E Romney «il secondo uomo più fortunato del mondo», perché i suoi avversari alla nomination erano ancora più impresentabili di lui. Molto pungente nei confronti di Obama anche lo sketch del Saturday Night Live di giovedì scorso.


Related Articles

L’asse incrinato con Parigi mette a rischio anche Berlino

La locomotiva tedesca ha bisogno di un’Unione forte Dai tempi di de Gaulle e Adenauer, la costruzione europea progredisce o si blocca in base al livello d’intesa fra Francia e Germania.

Egitto. Tutti sindacalizzati e senza una meta

«Le opposizioni non hanno costruito il sostegno dal basso dei lavoratori» Il decreto 97 del 25 novembre 2012 è passato inosservato nelle proteste politiche seguenti alla dichiarazione costituzionale del 22 novembre che garantiva al presidente Morsi quasi poteri dittatoriali. Il decreto 97 ha emendato la legge che regola le unioni sindacali e ha rimosso tutti i dirigenti nominati dallo stato nella Federazione egiziana dei sindacati (Etuf) al di sopra dei 60 anni.

Egitto: il boato assordante di Tharir Square, “Il faraone si è dimesso!”

Il boato di Tharir Square è assordante. L’annuncio, di quelli da far tremare. “Mubarak si è dimesso!”. Dopo il discorso alla nazione di ieri sera non ci credeva nessuno. I militari, in fretta e furia, spostano i blindati dagli accessi alla piazza. La gente, tanta, che già  riempie la piazza simbolo della “Rivoluzione del 25 aprile”, arriva di corsa. Le strade sono invase dalle bandiere nazionali.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment