L’equosolidale cresce e sfida la crisi

C’è un comparto in Italia che sfida la crisi, e cresce oltre ogni aspettativa: è il fairtrade, il commercio equo certificato, che conquista sempre più gli italiani nonostante la congiuntura avversa. I dati lo dimostrano: nel 2011 si sono toccati i 57,5 milioni di valore dei prodotti certificati venduti, contro i 43,5 del 2009; il 54% del valore dei prodotti Fairtrade venduti in Italia nel 2011 è anche biologico, con una crescita netta del 16% rispetto al 2010. E la crescita è confermata anche nel primo semestre 2012, con un ­+13% di vendite. Attualmente sono più di 5000 i punti vendita in cui è possibile trovare questi prodotti.

Forti di questi successi, quelli di Faitrade Italia si apprestano anche quest’anno a lanciare Spesa Giusta, la campagna nazionale giunta alla sua nona edizione, prevista dal 13 al 28 ottobre in moltissimi supermercati del nostro paese. Tema di quest’anno è il concetto di “valore” come elemento fondante delle scelte di consumo, visto che i consumatori globali  premiano sempre di più i prodotti certificati Fairtrade, ai quali riconoscono un valore significativo: quello di promuovere relazioni commerciali improntate al rispetto e all’equità .

Sconti, promozioni e iniziative speciali saranno attivati nei supermercati e ipermercati Auchan, Bennet, Cadoro, Coop, Crai, Despar, Naturasì, Cuorebio, Lidl. La campagna ha ricevuto il sostegno di Alce Nero – Mielizia, Coind, Coop, Despar, Icam mentre tra i promotori annovera i soci del Consorzio Fairtrade (da Legambiente a Movimento Consumatori, da Arci ad Acli e Banca Etica) e le Librerie Feltrinelli che lanceranno una nuova linea di borse in cotone certificato Fairtrade.

Per altre info e aggiornamenti sulla campagna vai al sito di Fairtrade Italia


Related Articles

Case su un’ex discarica tossica, scatta il sequestro

Fermato nella periferia Est di Milano un progetto da 1300 appartamenti del gruppo Acqua Pia Marcia. Contestato l’avvelenamento di acque e l’omessa bonifica

MILANO – Un quartiere residenziale da 1.300 appartamenti, con asili e residenze per disabili costruito su una montagna di immondizia. Una discarica che starebbe tuttora inquinando la falda acquifera con «metalli tossici, idrocarburi, pesticidi, diossine e solventi».

Muore per amianto il re del cemento shock a Casale, la città  della strage

Buzzi aveva creato una fondazione contro il mesotelioma. La polvere che uccide, quella che per decenni a Casale Monferrato è stata l’aria che tutti respiravano dentro e fuori dall’Eternit, ha piantato un’altra croce nello sterminato cimitero dei morti d’amianto.

I rifiuti di Napoli nelle altre province Caserta e Avellino: “Non li vogliamo”

Ordinanza del governatore Caldoro. “Regione arrogante, via ai ricorsi”. De Magistris: “Li porto all’estero, costa meno”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment