Il deficit di Madrid oltre il previsto: nel 2012 volerà  al 7,4%

Con l’apparente assenso europeo, però, queste ulteriori spese non entreranno nel conteggio dell’Eurogruppo per il rapporto deficit/Pil della Spagna. I miliardi di aggravio (spalmati su due anni) andranno direttamente nel debito senza ufficialmente passare dal deficit. Un luminoso esempio di eurocontabilità  creativa. Ieri, mentre migliaia di persone tornavano a manifestare contro l’austerità  (foto) nel centro della capitale e davanti al Parlamento (in tarda serata teatro di nuovi scontri con la polizia) il ministro del Tesoro, Cristobal Montoro ha spiegato che il deficit 2011 dell’8,9%, considerando gli aiuti dati alle banche, sale in realtà  al 9,4%. Lo stesso quest’anno: il rapporto deficit/Pil dovrebbe essere del 6,3% come concordato con i guardiani della moneta unica europea, ma per effetto delle uscite a sostegno delle banche diventerà  del 7,4%. Niente panico, però, il maggiore deficit c’è, ma non c’è. «Si tratta di esborsi una tantum — ha sostenuto Montoro — che non vanno conteggiati come un’infrazione Ue per deficit eccessivo». Secondo lo «stress test» effettuato dalla società  di revisione Oliver Wyman le sofferenze bancarie spagnole ammontano a 59,3 miliardi. Almeno 15 miliardi dovrebbero rientrare nelle casse statali in quanto prestiti alle banche salvate. Altri potrebbero tornare con un’oculata gestione del Banco Malo che si farà  carico degli immobili invenduti e li rimetterà  sul mercato al momento opportuno. Quel che conta, comunque è il silenzioso assenso della Ue.


Related Articles

Confindustria: imprese strozzate dal credit crunch

“Pesano anche i pagamenti ritardati dello Stato, in Italia si attendono 180 giorni” Il tasso di crescita annuo dei prestiti è aumentato solo dell’1% contro il 5,8% di ottobre 

Pensioni d’oro per la Consulta prelievo legittimo

La Corte orientata verso una decisione che chiude alle richieste di rimborso

Edison, crollano utile e margini del gas le svalutazioni pesano per 400 milioni

Prodi: “Tremonti ha ragione. La Francia difende i monopoli per poi fare acquisti all’estero”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment