IL LIBRO OGGETTO

Che cos’è un libro oggetto? Non è un pesante catalogo, non necessariamente una scatola e nemmeno una deviazione dal formato del volume leggibile. “Sostituisci le specificità  con le ambiguità ”, recita una dei tarocchi concettuali concepite da Brian Eno e Peter Schmidt nelle celeberrime Strategie Oblique, uscito nel 1975 (peraltro un fantastico esemplare del genere, essendo costituito da una scatola da giocatore di poker piena di vere e proprie carte dal contenuto sibillino e oracolare). A volte un libro-oggetto, anche dall’apparenza cartacea più tradizionale, può essere definito dalla propria capacità  di riflettere sul consumo di libri come cose: e niente funziona meglio, in tal senso, dello splendido Books vs. Cigarettes di George Orwell. Sono saggi letterari di formidabile acume e passionalità  intellettuali tutti i testi contenuti in questo libretto pubblicato da Penguin nella collana “great ideas”, dalla copertina squillante cromatica e geometrica. L’idea di paragonare la consunzione di sigarette all’adorazione dei libri, che è follia quotidiana di conoscenza, è una delle tante intuizioni che restano impresse dopo essersi immersi nella chiarezza della prosa agguerrita di Orwell. I titoli dei primi tre testi suonano con l’evidenza di una campanella per l’ossessione: “Libri contro Sigarette”, “Ricordi di libreria”,
“Confessioni di un recensore”. Gli altri sono talmente belli e significativi che andrebbero analizzati in altra sede, ma vorrei concentrarmi sul saggio eponimo – un esempio perfetto del modo di lavorare dell’autore britannico. Quanto spende un proletario inglese in sigarette e alcool ogni anno? Quanto spendo io in sigarette e alcool? Quanto mi sono costati tutti i libri che ho comprato, e che valore hanno tutti quelli che ho prestato, e che mi sono fatto prestare, e perfino sottratto da qualche complice scaffale? La lettura, già  negli anni trenta, era il modo meno costoso di passare il tempo, e il più produttivo spiritualmente.
A distanza di decenni, molte delle osservazioni di Orwell sono tutt’altro che datate: vivide, violente, vivissime anche ora che la rivoluzione digitale minaccia di far sparire la lettura “profonda” dall’agenda delle abitudini. Certo, oggi sono relativamente spariti anche il fumo e l’alcool – almeno rispetto alle generazioni di “mad men” di mezzo Novecento – ma forse è bene dirlo: i “vizi” ora sono tutti improntati al consumo digitale, e costano ancor meno che iscriversi a una biblioteca. Ma che nessuno si butti giù – provi invece a sostituire la specificità  della nostalgia con l’ambiguità  intelligente, aperta al presente: chi inventerà  Groupon per i Buddenbrook
avrà  reso un servigio impagabile all’umanità .


Related Articles

Parigi salva le lettere su Terrore e felicità 

La Francia sborsa un milione di euro per evitare che i documenti finiscano in una collezione privata all’estero Minute, note sparse, brutte copie erano andate all’asta: storici e specialisti avevano lanciato una sottoscrizione. La maggior parte degli scritti del giacobino vennero distrutti dopo la sua morte. Il diritto d’opzione consente ai francesi il controllo del loro patrimonio artistico e culturale 

La filosofia? Aiuta a decidere

 Servono visioni generali su cui fondare le scelte Dagli amori al lavoro, sino alle questioni bioetiche M olte persone vivono senza farsi troppe domande, ma è una strada sempre meno praticabile (a patto di non trascorrere l’esistenza con la testa dentro un sacco o autoreclusi in un reality). Ideologie, valori, riferimenti che fino alla metà  del secolo scorso orientavano le nostre azioni all’interno di un assetto condiviso non ci vengono più in soccorso al primo spaesamento; la loro crisi «costringe ciascuno di noi a decidere da solo cosa fare, senza potersi più appellare ad un’autorità  esterna, ma potendo contare solo sulle proprie specifiche competenze», per usare le parole di Moreno Montanari in La filosofia come cura, appena uscito da Mursia.

Versi scritti nel segno di Dà¼rer

Una Wunderkammer dove, al modo dell’artista, si è calati nel mondo a vedere e ad accumulare oggetti, così come parole

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment