Il Ruolo dell’Istituto e le Nuove forme di Capitale

Saranno, queste misure, il primo passo di una lunga marcia? Sì, se il governo si convince che per contrastare la recessione, accanto alle liberalizzazioni, serve la spinta motrice dello Stato, oltre la risaputa contrapposizione tra privatizzatori e nazionalizzatori.
Per quanto formalmente siano destinati all’ammortamento del debito pubblico, questi 10 miliardi verranno in realtà  usati per rimborsare debiti commerciali della pubblica amministrazione non più soggetti a discussioni. A poco vale discettare se sia una misura per la crescita o per la semplice tenuta delle imprese. Certo, per ridurre di 6-7 punti percentuali l’incidenza del debito pubblico sul Prodotto interno lordo, che è quanto si può realisticamente fare, ci vuole altro. Ma la strada è stata indicata. Ora è essenziale la volontà  politica.
Lo Stato ha una certa quantità  di beni — partecipazioni in società  quotate e non e concessioni — che potrebbe girare alla Cassa, con immediato beneficio dei suoi conti perché il debito della Cassa non rientra nel perimetro del debito pubblico. Potrebbe, ma a patto di salvaguardare gli equilibri patrimoniali della Cassa medesima. Oggi la Cassa vale almeno 15 miliardi. Le fondazioni bancarie dovrebbero convertire le loro azioni privilegiate in ordinarie pagando un conguaglio teorico di 4 miliardi. Non glielo si può chiedere, perché si sono svenate a sostegno delle banche, e meno male che l’hanno fatto. Le fondazioni potranno contribuire più avanti. Ma fin d’ora niente sulla carta vieterebbe alla Cassa di varare un aumento di capitale da 5-6 miliardi riservato a selezionati investitori istituzionali italiani e internazionali. La ricapitalizzazione potrebbe essere anche molto più consistente, senza per questo diluire lo Stato sotto il 51%, se il patrimonio netto della Cassa venisse preventivamente irrobustito conferendo società  come Poste Italiane, Anas e altre. Una Super Cassa potrebbe comprare altri beni dallo Stato per ridurre il debito pubblico e potenziare la propria raccolta per finanziare l’economia reale alleggerendo gli impegni del Tesoro. Come fa la tedesca KfW che ogni anno dà  70-80 miliardi di prestiti che equivalgono, secondo gli amministratori, a 60-70 mila nuovi posti di lavoro in Germania. Lo stock dei prestiti di KfW, erogati direttamente o indirettamente attraverso le banche alla piccola e media industria, supera i 350 miliardi.
La Cassa può fare politica industriale senza sprechi, anzi. Il fondo per le imprese degli enti locali funziona in tanto in quanto, magari d’intesa con altri soggetti come F2i, non solo consente di mettere in mani adatte le ex municipalizzate, ripianando parte del debito pubblico locale, ma anche promuove l’aggregazione di queste imprese. E tuttavia la Cassa non può essere l’unica forza motrice. Servono nuove forme di debito e di capitale di rischio. Lo Stato non dà  più i contributi a fondo perduto necessari alle infrastrutture nuove. Inevitabile. Ma ieri il governo ha varato i project bond e ampliato la defiscalizzazione degli investimenti e dei redditi aggiuntivi che ne derivano. E questo è un modo per rendere di nuovo sostenibili i grandi piani di sviluppo che la Cassa e i suoi fondi possono promuovere.
La Ragioneria dello Stato ha resistito. Temeva la perdita di parte del gettito fiscale futuro, ancorché senza queste provvidenze non ci sarebbe gettito aggiuntivo alcuno. Ora va rivista la durata delle concessioni, il cui allungamento può costituire altro capitale virtuale per finanziare investimenti e crescita. Se l’Autorità  dei Trasporti aiuta e non si mette di traverso.


Related Articles

Russia in ginocchio per l’incubo del rublo Borsa di Mosca giù del 19%, file alle banche

Vane le misure d’emergenza della banca centrale Il cambio arriva fino ai 100 rubli per un euro. E nei negozi esposto il doppio prezzo. Il colosso Sberbank sospende mutui. Da Obama pronte nuove sanzioni

Dal primo luglio rendite al 26% Tetto ai manager, 239 mila euro

Risparmi fino a 5-6 miliardi. Fondo di 4,8 miliardi per le infrastrutture. Aumento dal 20 al 26% del prelievo sulle rendite finanziarie (Bot esclusi) per finanziare il taglio dell’Irap

È stata costituita Inmove Italia, la scatola che si accollerà le attività in perdita del gruppo dei trasporti

AnsaldoBreda, tutto pronto per la bad company così la società potrà passare sotto il controllo di Cdp

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment