Anna Wintour, la regina del fashion sogna l’ambasciata

LONDRA – Il Diavolo veste Prada, di solito, ma un giorno potrebbe indossare anche una feluca da ambasciatore. Anna Wintour, da oltre vent’anni direttrice dell’edizione americana di Vogue, ruolo che l’ha resa una delle donne più celebri e potenti nel mondo della moda, al punto da diventare l’ispirazione per il film di Hollywood in cui era interpretata da Meryl Streep, sta moltiplicando gli sforzi come “fund raiser”, raccoglitrice di fondi per la campagna elettorale di Barack Obama. E se il presidente sarà  rieletto a novembre, secondo indiscrezioni raccolte dal domenicale britannico The Observer, è possibile che il capo della Casa Bianca la premi dandole il posto di rappresentante diplomatico degli Stati Uniti in un’ambasciata importante quale è quella di Londra. Una trama da cinema, ma perché no? Glamour, denaro e politica vanno spesso d’accordo, particolarmente in America. Inoltre l’incarico di ambasciatore a Londra è stato usato da vari presidenti, tra cui George W. Bush e lo stesso Obama, per ricompensare importanti finanziatori del proprio partito e della propria personale corsa elettorale. Sta diventando una tradizione che la prestigiosa carica cambi all’inizio di ogni nuovo mandato presidenziale, per cui a fine anno il posto diventerebbe vacante.
E la Wintour sarebbe perfetta per numerose ragioni. È nata nel Regno Unito e conserva la cittadinanza britannica, pur avendo acquisito anche quella americana dopo il suo matrimonio con un ricco imprenditore Usa, il texano Shelby Bryan, un finanziatore delle campagne democratiche dai tempi di Bill Clinton. Conosce tutti in una capitale del fashion come Londra. Si è inoltre impegnata per rilanciare le esportazioni dell’industria tessile statunitense, imponendo nuovi stilisti “made in Usa” sui mercati internazionali, cosicché vanterebbe anche buone credenziali per il lavoro che un ambasciatore deve fare in campo commerciale.
Ma non c’è dubbio che la ragione principale sarebbe la sua raccolta di donazioni a favore della campagna di Obama. Già  attiva in tal senso in occasione delle elezioni del 2008, è diventata una figura di primo piano nella campagna di quest’anno. Questa settimana parteciperà  insieme all’ex-fotomodella Imam, moglie del cantante inglese David Bowie, e al vice capo di gabinetto della Casa Bianca Jim Messina, a una cena da 1000 dollari a persona a Chicago, base politica del leader democratico nero. Quindi organizzerà  a New York un “dinner” ancora più costoso ed esclusivo a casa della sua amica Sarah Jessica Parker, l’attrice protagonista del serial “Sex and the City”, anche lei arruolata nella campagna pro-Obama. Nei giorni scorsi ha lanciato una colletta intitolata “Runway to win” con un party insieme a un’altra stella di Hollywood, l’attrice Scarlett Johansson, pure lei una convinta democratica, e con un video diffuso sul web invitando gli elettori a «votare Obama e finanziare la sua corsa».
E negli ultimi mesi ha partecipato a due cene di gala alla Casa Bianca, inclusa quella in aprile per la visita a Washington del primo ministro britannico David Cameron. In più, la 62nne direttrice di Vogue ha un asso nella manica: l’amicizia costruita con Michelle Obama. Più che un’amica, la Wintour è considerata l’artefice del look vincente della first-lady americana, avendola aiutata a scegliere abiti e designer giusti, con un effetto apprezzato dai media e a quanto pare anche con soddisfazione personale di Barack. Sulle voci che potrebbe essere nominata ambasciatore a Londra in caso di rielezione di Obama, una fonte del dipartimento
di Stato Usa si limita a dire che «l’incarico viene assegnato a discrezione del presidente », dunque non è detto che vada a un diplomatico di carriera (quello attuale è un banchiere del Citigroup soprannominato “l’aspirapolvere” per la sua abilità  di raccoglitore di fondi per la campagna 2008 del candidato democratico). Ironizza un editorialista della
Fox, la rete televisiva privata di proprietà  di Rupert Murdoch e bastione della destra americana: «Forse Mitt Romney (il candidato repubblicano, ndr.) ha messo il Diavolo a casa di Obama, per ricordare agli elettori che in tempi di crisi economica c’è chi paga 40 mila dollari per sedersi a tavola con le star della moda e del cinema». Di sicuro c’è che Anna Wintour fa paura ai suoi avversari, perché annusa sempre da che parte soffia la moda. Vedremo a novembre se non si è sbagliata neanche in politica.


Related Articles

Secondo le stime Ue per il Pil italiano crollo a +0,2%

Bruxelles vede una «grande incertezza» nel 2019, l’anno della «ripresa incredibile». Conte: «I conti torneranno, non ci dettino l’agenda». Di Maio: «Non cediamo al racconto catastrofista»

Offensiva Ue anti-multinazionali: tutti i dati on line

Ecco la bozza di direttiva che sarà approvata la prossima settimana da Bruxelles Lo scopo è quello di impedire “scappatoie non trasparenti” e quindi le “frodi fiscali”

La riforma della Bce non è più un tabù. Ma non sarà  come la Fed

Nella giornata di ieri tutte le aste di titoli di stato europei (Spagna e persino Grecia) sono andate bene, facendo prendere respiro agli spread dei vari paesi nei confronti dei bund tedeschi. Ma nelle stesse ore, sul Wall Street Journal, uno dei consiglieri della Bce – l’austriaco Ewald Nowotny – riapriva con un’intervista la discussione su una possibile riforma della Banca centrale. 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment