Agenzia di inserimento lavorativo per i detenuti: Dap blocca il progetto

ROMA – Il megaprogetto di inserimento lavorativo per detenuti ed ex detenuti voluto dall’ex guardasigilli Angelino Alfano è stato bocciato. A darne notizia è il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino nel corso della presentazione alla stampa del protocollo d’intesa tra Anci, Dap e ministero della Giustizia sui lavori di utilità  comune. Il progetto, denominato AnRel (Agenzia nazionale reinserimento e lavoro detenuti ed ex detenuti), era stato presentato due anni fa con una conferenza stampa presso il ministero della Giustizia alla presenza dell’allora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, dell’ex capo del Dap (allora in carica) Franco Ionta e di Salvatore Martinez, presidente della Fondazione mons. F. Di Vincenzo e di Rinnovamento nello Spirito Santo (Rns), organizzazione capofila del progetto. Un’agenzia da 4,8 milioni di euro che però non vedrà  mai la luce, secondo l’attuale capo del Dap.

“Si è deciso di bloccare e soprassedere alla esecuzione di questo progetto – ha spiegato Tamburino -. La decisione presa dalla precedente amministrazione è stata sottoposta a verifica. Questo stanziamento così rilevante, del quale una parte altrettanto rilevante dell’80% destinata nelle previsioni a compensare l’attività  della stessa agenzia, dava dei motivi di perplessità ”. Secondo quanto afferma il capo del Dap, “la Cassa delle ammende ha anche ritenuto di dover domandare un parere all’Avvocatura dello Stato per verificare se e come uscire da questo progetto, che aveva trovato per la verità  un momento di approvazione in precedenza”. Tamburino ha infine spiegato come a differenza di AnRel, “il progetto dell’Anci non prevede alcun tipo di retribuzione e compenso che vada ai soggetti di questi protocolli. Tutta la spesa, il 100% di quello che verrà  investito, sarà  utilizzato unicamente per il lavoro dei detenuti”.(ga)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Non solo migranti, Marghera è malata

PROGETTO ITALIA Dopo Palermo, un ambulatorio di Gino Strada in laguna

Una mazzetta per ogni appalto l’altra Mappa d’Italia

Le regole inefficaci nella giungla di leggi E sono troppi i soggetti che possono affidare i cantieri

Inchiesta sulle frodi assicurative indagato il consigliere di Tremonti

Già  ufficiale della gdf Marco Milanese è il braccio destro del ministro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment