Il mistero del cadavere nel fiume «Morto in cantiere, poi fatto sparire»

SANREMO — Se l’ipotesi investigativa trovasse conferma, dice il procuratore capo di Sanremo Roberto Cavallone, «ci troveremmo davanti a una barbarie». Ma il sospetto che una barbarie sia stata commessa è confermato dagli inquirenti: il corpo trovato una settimana fa, il 27 aprile, nel greto del torrente Argentina, nel comune di Taggia (Imperia), potrebbe essere quello di un operaio edile caduto da un’impalcatura, un corpo di cui qualcuno si è poi sbarazzato per evitare guai. Un lavoratore in nero, probabilmente un clandestino. L’ipotesi su cui stanno lavorando i carabinieri di Sanremo e la Procura è avvalorata da alcuni fatti.
L’autopsia effettuata nei giorni scorsi dal medico legale Francesco Traditi ha stabilito che l’uomo, un giovane fra i 25 e i 30 anni «di razza caucasica», era già  morto quando è stato scaraventato nel torrente. La morte sarebbe dovuta a una caduta «da altezza ragguardevole» che ha provocato fratture alla nuca e al bacino, lesioni interne e una ferita al torace. Le lesioni tipiche di un infortunio mortale nell’edilizia. Un’altra serie di lesioni invece sono state provocate post mortem e sono compatibili con i massi che si trovano nel greto del torrente. Il corpo è rimasto semi sommerso dall’acqua per alcuni giorni, almeno tre, fatto che non solo ha cancellato possibili tracce (difficile ad esempio fare esami sulle mani), ma ha reso anche difficile individuare il punto da cui l’uomo è stato gettato nel torrente. Per quanto non impetuose le acque dell’Argentina hanno trascinato il cadavere, fino a quando un passante lo ha notato fra i massi e ha dato l’allarme. Poco distante c’è un ponte, alto una quindicina di metri, chi ha voluto sbarazzarsi del corpo dello sconosciuto potrebbe aver agito sfruttando l’altezza delle arcate. Proprio la presenza del ponte aveva fatto pensare in un primo momento a un suicidio, anche perché una donna aveva dichiarato di aver visto un uomo vagabondare in prossimità  del torrente.
Primo passo ora, per gli inquirenti, è identificare il giovane bruno, alto un metro e settanta per settanta chili di peso, di cui è stato fornito un identikit piuttosto crudo utilizzando un software per ricostruire i tratti del volto. Sono state diffuse anche le foto di una scarpa da ginnastica marca New Balance e di un ciondolo particolare a forma di colomba ad ali spiegate stilizzata in forma di croce, un simbolo utilizzato da gruppi cattolici soprattutto francesi. Un altro elemento identificativo emerso nel corso dell’autopsia è una precedente frattura già  ricomposta alle costole.
Le macchie di vernice sui pantaloni dell’uomo hanno fatto pensare ad abiti da lavoro, un altro particolare che orienta le indagini sui cantieri edili. I carabinieri hanno compiuto dei sopralluoghi nei cantieri nella zona di Taggia, ma se qualcuno ha voluto sbarazzarsi del corpo, è possibile — ritiene la Procura — che lo abbia fatto lontano dal luogo dove è avvenuto l’incidente, forse in Costa Azzurra o nel Basso Piemonte. Per ora è stato aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di occultamento di cadavere, ma se veramente il responsabile di un cantiere o gli stessi compagni di lavoro dell’uomo hanno cercato di nascondere un infortunio mortale, lo scenario che si apre è ben più grave. Tuttavia il procuratore capo Cavallone invita alla prudenza: molti sono i sospetti, ma pochissime le certezze, per ora si tratta di ipotesi investigative. L’invito degli inquirenti è rivolto a chi pensa di aver riconosciuto l’uomo o può comunque fornire elementi per la sua identificazione e per ricostruire la sua storia. La sua vita e, soprattutto, la sua morte.


Related Articles

200milioni di disoccupati nel mondo L’Italia è il paese del part-time

RAPPORTO ILO Allarme dell’Organizzazione internazionale del lavoro: il 2013 sarà  peggio

Le incongruenze del Def nascondono scelte politiche

La ripresa nell’intero arco tem­po­rale di rife­ri­mento del Def viene affi­data ancora una volta al mer­cat

“Il Congresso smetta di giocare con il fuoco”

Debito Usa, ultimatum di Obama: accordo in 24 ore. La Fed: il 2 agosto è troppo tardi.    Boehner ha promesso di lavorare a un’intesa bipartisan con i democratici 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment