Sarkozy: «Se vince Hollande Parigi diventa come Atene»

Poi ha ripreso l’esempio spagnolo, cercando di rettificare il tiro delle precedenti accuse contro Madrid: «Andatelo a dire al primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, vi risponderà , visto che è una persona seria: come faccio a finanziare il debito spagnolo?». Sarkozy ha ricordato che la Francia ha 42 miliardi di euro da rimborsare come servizio del debito ogni anno e «i tassi di interesse sono storicamente bassi, inferiori al 3%, perché c’è fiducia. Se domani non ci sarà  una crisi di fiducia, chi pagherà ? Sarà  il popolo francese». Per Sarkozy, «un uomo politico degno di questo nome non ha diritto di negare la realtà ». La vigilia, il primo ministro Franà§ois Fillon aveva messo in guardia gli elettori, affermando che se Hollande sarà  eletto «il minuto dopo» verrà  scatenata la speculazione contro Parigi e che in «poche settimane» la Francia si troverà  nella stessa situazione della Spagna. Il governo ha appena presentato un programma di stabilità , che riprende il programma di Sarkozy per arrivare a un esercizio in equilibrio entro il 2016.
La sinistra denuncia «il ricatto». Per Pierre Moscovici, le accuse di Sarkozy e di Fillon sono «indegne». I due dirigenti si stanno comportando «come degli irresponsabili quando lasciano credere che l’arrivo di Hollande spaventa i mercati». Per Moscovici, «chi è al potere non agita lo spettro della speculazione». Del resto, ha aggiunto il direttore di campagna di Hollande, i deficit e la perdita del rating AAA sono la conseguenza della politica di Sarkozy. «Quando si ha questo bilancio – ha aggiunto – è questione di decenza, di pudore, non fare un processo alle intenzioni». Nei fatti, la situazione francese è difficile: ha un debito (85,4%) più alto della Spagna (68,5%) e la spesa pubblica (56,6% del pil) è più alta che in Italia (49,7%); il deficit commerciale è di 70 miliardi, dato che contrasta con l’avanzo di 150 miliardi della Germania. 
Franà§ois Hollande, che già  aveva promesso di chiedere a Bruxelles e ai partner europei la revisione del Fiscal Pack, ha affermato che, in caso di agitazione, non lascerà  «nessuno spazio» ai mercati finanziari. L’intenzione di Hollande è di mettere un freno, attraverso la regolazione, ai mercati finanziari e, al tempo stesso, di correggere debito e deficit attraverso il rilancio dell’economia, non con i tagli. Anche Hollande promette il ritorno all’equilibrio a fine mandato. A sinistra del Ps, Jean-Luc Mélenchon del il Front de Gauche denuncia «il debito illegale». La destra punta il dito contro i possibili alleati di Hollande, che terrebbero prigioniero il candidato socialista. Ma la questione della crescita è stata evocata più volte persino dalla agenzie di rating, che hanno sottolineato che la zona euro deve recuperare vigore per poter rimborsare e che la sola austerità  non permetterà  di uscire dalla crisi. A dieci giorni dal primo turno, Sarkozy fa ricorso a ogni metodo per destabilizzare lo sfidante socialista, che i sondaggi continuano a dare vincente.


Related Articles

KIM, TRUMP E L’IMPRONTA DI MOON

Il leader sudcoreano sembra fare leva su una forza irresistibile: la vanità umana La voglia di “passare alla storia” è una tentazione formidabile. L’istinto attira Donald verso il vertice di Singapore

“È il simbolo delle rivolte” la Cina abolisce il gelsomino

 Divieto di vendita e censure sul web: il fiore diventa fuorilegge. Gli ipotetici tentativi di una rivoluzione post-maoista sono finiti ancora prima di cominciare. Per il gelsomino però, nella sua cara Cina, sono iniziati i tempi duri. Il nome è stato cancellato dal vocabolario, poi dal lessico, infine dalla Rete. Ogni messaggio che contenga il termine «gelsomino» in caratteri cinesi, viene oscurato dalla censura.

Costa d’Avorio, a un passo da un voto storico


Dopo anni di rinvii, il Paese africano va oggi alle urne per ritrovare la stabilità  politica e voltare pagina. Molte questioni però restano irrisolte

Dopo cinque anni di rinvii, domenica 31 ottobre la Costa d’Avorio eleggerà  il suo nuovo presidente. Saranno le prime elezioni dalla guerra civile, scoppiata nel 2002, che ha trasformato uno dei Paesi africani più stabili e sviluppati in uno staterello sull’orlo del tracollo e diviso in due parti, con un nord controllato dalla guerriglia delle Nouvelles Forces e un sud in mano alle forze governative.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment