«Ecco la nuova era. Le ali più estreme a un passo dal potere»

PARIGI — Franà§ois Hollande è primo, ma Marine Le Pen raccoglie un successo clamoroso. Si può dire che la sinistra abbia vinto, ieri?
«In un’elezione a due turni come questa la prima tornata mostra una statistica, la seconda esprime una dinamica politica… Hollande è primo, certo, e Mélenchon, come era ampiamente prevedibile, chiede di battere Sarkozy, cioè di votare per Hollande. Lo stesso fa l’ecologista Eva Joly. Tutta l’estrema sinistra alla fine va in questo senso, mostrando che le elezioni sono uno spettacolo che termina sempre con il successo di un candidato liberale. Il primo turno è un grande circo nel corso del quale ci sono spettacoli di orsi, incantatori di serpenti, domatori di leoni; il secondo è un numero di clown tristi…». Michel Onfray, 53 anni, è uno dei filosofi e opinionisti francesi più noti e popolari. I suoi libri — contro Freud, o in onore di Camus — fanno discutere, così come le sue posizioni spesso critiche contro la globalizzazione liberista. Vicino alle idee di Mélenchon in politica interna, ha criticato duramente il leader del Front de Gauche per le sue posizioni — favorevoli a Castro e Chà¡vez — in politica estera.
Quale ruolo avrà  nei prossimi mesi Marine Le Pen?
«Se Sarkozy scompare dalla scena del potere, cosa che mi pare altamente probabile, Marine Le Pen ricomporrà  la destra a partire da lei. Entriamo dunque in una nuova era politica, quella delle ali estreme suscettibili di arrivare al potere. In questa configurazione, nel giro di un solo quinquennio, Hollande rischia di rappresentare solo un momento di transizione».
Ieri sera la Le Pen ha esultato dicendo che «la battaglia di Francia non fa che cominciare». La destra tradizionale, ormai indebolita, potrebbe rompere il «cordone sanitario» e aprire a un’alleanza, per esempio già  alle prossime legislative di giugno?
«Troppo presto per ricomporre il paesaggio politico francese… Per adesso ci sono tre destre: una versione centrista con Bayrou, che patisce una sconfitta crudele e non è più abbastanza forte per venire realmente corteggiato. Una versione bonapartista con Sarkozy che è in grande difficoltà ; questa destra è anche minata al suo interno da quelli che aspettano il loro turno, come Jean-Franà§ois Copé o Xavier Bertrand. Poi c’è la terza destra, la sua versione radicale con un Front National presentato stasera come una “nuova destra” da Marine Le Pen».
E’ la fine del bipolarismo francese?
«Anche il Front de Gauche di Mélenchon, che ha ottenuto un risultato molto inferiore a quel che annunciavano i sondaggi, è minato al suo interno dalle divisioni. Il partito comunista, che ne fa parte, è stato umiliato, Hollande lo sa, e potrebbe approfittarne offrendo alla componente comunista qualche posto nel governo, come fece Mitterrand nel 1981. Destra e sinistra potrebbero continuare a frantumarsi, e Marine Le Pen avrà  bisogno di questa esplosione della destra e della sinistra per ricomporre il panorama politico a partire dalla sua figura».
Che destra è quella di Marine Le Pen, che ha usato l’ultimo anno per distaccarsi dall’eredità  paterna? E’, al fondo, l’eterna Francia reazionaria dell’Indocina e dell’Oas o c’è qualcosa di nuovo?
«Non dimenticate che Marine Le Pen è nata nell’agosto 1968… La sua formazione non è quella del padre, cioè Vichy, Pétain, la collaborazione, la guerra d’Algeria, l’Oas, ma quella di una ragazza che, quando arriva alla maggiore età , non ha conosciuto che Franà§ois Mitterrand al potere… Sa che Mitterrand ha avuto un passato di compromissione con il regime di Vichy, che ha difeso l’Algeria francese, che è stato ministro dell’Interno e della Giustizia durante la guerra d’Algeria. Marine Le Pen sa che la frattura tra destra e sinistra, in Francia, non è quella che si racconta. Molti elettori di oggi dispongono della sua stessa formazione e non sono fermi ai punti di riferimento della Seconda guerra mondiale: è una ragazza post-sessantottina, che parla del ritorno dei “patrioti di destra e di sinistra”».
E’ il Front National «né di destra né di sinistra».
«La divisione proposta da Marine Le Pen non è tra destra e sinistra, ma tra patrioti e cosmopoliti, tra difensori della nazione francese e sostenitori del liberalismo. L’intelligentsia parigina si sbaglia se pensa che padre e figlia appartengano allo stesso mondo politico-culturale. Marine Le Pen sta facendo con il partito di suo padre quel che Fini in Italia fece trasformando l’Msi in Alleanza nazionale. Quando Fini in Israele parlò del fascismo come di un “male assoluto”, ha compiuto un passo imitato da Marine Le Pen nel febbraio dell’anno scorso, quando ha definito i lager nazisti “il summum della barbarie”. Il fenomeno Marine Le Pen non si riduce all’estrema destra, è più complicato».


Related Articles

Milano, giustizia fai da te dell’assessora cleaning & graffiti

L’assessora all’arredo urbano Carmela Rozza partecipa al “cleaning Day” a Milano e imbratta con una vernice bianca una macchina in divieto di sosta. “Il mio è un gesto di ribellione”

LA COLPA DI FORMIGONI

    DOPO la giunta Moratti a Milano e il governo nazionale di Berlusconi, c’è da sperare che questo impetuoso 2011 si porti via pure il regno di Formigoni sulla regione Lombardia. Giunti all’ennesimo arresto di alto papavero Pdl, con i suoi bravi 100 mila euro in banconote da 500 custoditi a domicilio, non se ne può davvero più.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment