Il governo studia i tagli, si parte quest’anno

ROMA — «Un pacchetto di risparmi immediati e un metodo per il futuro». La spending review che arriverà  oggi sul tavolo del Consiglio dei Ministri, conferma Palazzo Chigi, servirà  anche ad operare un taglio alla spesa pubblica già  sul bilancio del 2012. L’importo è ancora da determinare e difficilmente il governo si spingerà  a definirlo già  in questa fase. «Al presidente del Consiglio non piace creare aspettative fornendo cifre non certe», riferiscono le stesse fonti. Anche se la prospettiva di dare una sforbiciata al bilancio di 3 o 4 miliardi, già  da quest’anno, viene ritenuta realistica dai tecnici che seguono il dossier.
Servirebbero a rinviare l’aumento dell’Iva previsto ad ottobre fino all’inizio del prossimo anno, e magari ridurre l’incremento delle aliquote che altrimenti salirebbero già  da quest’anno dal 10 al 12% (quella agevolata) e dal 21 al 23% (quella ordinaria), con la prospettiva di un ulteriore aumento di mezzo punto a gennaio del 2014. Il gettito della manovra sull’Iva vale 3,2 miliardi solo negli ultimi due mesi di quest’anno, ma poi lievita a 13,1 miliardi di euro nel 2013 e a ben 16,4 miliardi di euro nel 2014 quando sarà  scattato anche l’ultimo aumento previsto dal decreto Salva-Italia.
I 3 o 4 miliardi di risparmi che grazie al metodo della spending review sarebbe possibile realizzare immediatamente, spiegano le stesse fonti di Palazzo Chigi, sarebbero in ogni caso strutturali. Ed in quella misura potrebbero dunque consentire una riduzione altrettanto strutturale dell’Iva. Sul piano dei tagli, però, molto difficilmente si andrà  oltre questo passaggio. 
La spending review è un metodo, un sistema diverso di costruzione del bilancio pubblico, dove invece di discutere di quanto aumentare o ridurre un certo capitolo di spesa, vengono rimesse in discussione tutte le voci. E presuppone una minuziosa mappatura di tutte le leggi di spesa, che sono 21 mila, e scelte politiche radicali, sulle quali difficilmente il governo Monti si spingerà . «L’obiettivo è quello di individuare il metodo e gli strumenti per entrare nella macchina amministrativa dello Stato, ridurne i costi e migliorare l’efficienza dei servizi. Non c’è l’idea di eliminarli» dicono ancora a Palazzo Chigi.
Al ministro per i rapporti con il Parlamento Pietro Giarda, che sta curando il rapporto sulla revisione della spesa, dovrebbe intanto essere affidata una task-force per dare attuazione ai primi tagli da realizzare entro l’anno. Smorzare l’impatto dell’Iva è l’obiettivo principale, ma sarà  realizzabile solo se tutti gli altri tagli già  previsti dalle manovre del 2011 saranno effettivamente applicati. E non sono certo pochi, perché solo sui ministeri ci sono 6 miliardi di tagli sul 2012 e 2,5 sul 2013, (ed è a questo, e non alla spending review, che servono i piani di risparmio che stanno mettendo a punto Giustizia, Interni, Difesa e gli altri dicasteri), per una riduzione della spesa complessiva di 13 miliardi da qui al 2013. Rispetto ai quali il beneficio dell’abolizione delle Province, che la Bce (Banca centrale europea) è tornata ieri a sollecitare, rappresenta una goccia nell’oceano. Secondo la Ragioneria, l’amministrazione delle Province (perché non si può immaginare di tagliare le funzioni e il personale) costa circa 130 milioni l’anno. E già  il decreto Salva-Italia le svuota di funzioni, con un risparmio atteso di 65 milioni di euro.


Related Articles

Fornero, un mix indigesto

 Elsa Fornero, ministro del Lavoro Elsa Fornero, ministro del Lavoro

Le due riforme fatte dal ministro, quella sul lavoro e quella delle pensioni, non sono compatibili tra loro. E alla fine hanno prodotto un grande pasticcio. Per i lavoratori, ma anche per le imprese. Ecco perché

“Colpiti i più deboli e chi paga le tasse contro questa manovra sarà  sciopero”

Camusso: Sacconi vuole far saltare il contratto nazionale. Misure ingiuste Sullo sciopero generale decideremo il 23 agosto e lo proporremo anche a Cisl e Uil. L’intervento sui conti adesso è necessario, ma per tre anni il governo ha negato la gravità  della crisi. Nessuna norma sulla crescita. In Italia si continua a proteggere quella parte del Paese che evade 

Pomigliano, sì al contratto e la Fiat cancella la Fiom “Il 28 gennaio sarà  sciopero”

Le nuove regole applicabili da subito in tutte le aziende. Confermate la turnistica e le clausole sulle proteste, leggeri ritocchi al salario 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment