Guida (provvisoria) alle imposte sugli immobili

MILANO — Se non fosse una faccenda assai seria perché c’è in ballo il portafoglio di milioni di italiani si potrebbe ormai parlare di commedia. Le modalità  di pagamento dell’Imu appaiono infatti destinate a cambiare ancora. L’acconto da versare entro il 18 giugno dovrebbe essere non più della metà  ma bensì di un terzo della somma dovuta applicando le aliquote e le detrazioni che il decreto Salva Italia identifica come quelle standard. Al contribuente toccherà  versare poi altre due rate; una a settembre e una a dicembre.
Almeno, questo dovrebbe succedere a seguito degli emendamenti che lunedì prossimo saranno presentati alla Commissione finanze della Camera per definire nuove modalità  di rateazione dell’imposta. Nell’attesa delle proposte cerchiamo di fare il punto sulla situazione.
A giugno in tutti i casi l’imposta si pagherà  in acconto: sull’abitazione principale il computo verrà  effettuato applicando l’aliquota dello 0,4% alla rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per 160; dal risultato vanno detratti 200 euro in tutti i casi più altri 50 per ogni figlio di età  inferiore a 26 anni e convivente; se passerà  l’emendamento sul valore così calcolato si pagherà  un terzo. Per le case che non hanno le caratteristiche dell’abitazione principale invece il computo avverrà  partendo dalla rendita moltiplicata come descritto sopra, ma l’aliquota di riferimento sarà  lo 0,76%. Non è al momento chiaro se anche in questo caso bisognerà  pagare in tre rate o se rimarrà  in vigore la regola originaria che prevede il pagamento in due tranche. 
Ma questo, se vogliamo, è solo un aspetto minore del problema: il principale è che fino a settembre non si potrà  comunque sapere l’ammontare reale dell’imposta, perché il governo si è riservato la possibilità  di modificare, sulla base dell’incasso reale che otterrà  a giugno, il range di aliquote e detrazioni entro cui i Comuni dovranno muoversi.
Per cui le due rate successive alla prima potranno risultare di entità  anche molto diversa: se un Comune decidesse di tassare i residenti allo 0,6% (aliquota massima prevista dal Salva Italia e ancora suscettibile di peggioramenti) una casa dalla rendita di 1.000 euro pagherebbe alla prima rata 157,33 euro, ma le due successive salirebbero a 325,33 euro per arrivare al totale di 808 euro. Se invece il Comune optasse per l’aliquota minima dello 0,2% il contribuente maturerebbe il diritto a un rimborso di 21,33 euro perché la sua imposta totale sarebbe di 136 euro a fronte di 157,33 pagate a giugno. La rateazione tripartita non è la sola novità  che si prospetta: infatti gli emendamenti dovrebbero anche recepire la norma che consente ai Comuni di abbassare, come succedeva per l’Ici, a livelli minimi l’imposta sugli immobili concessi in locazione a canone concordato. Il provvedimento è stato chiesto sia dalle organizzazioni dei proprietari che da quelle degli inquilini ma rischia di rimanere una norma di facciata: nelle grandi città  infatti i canoni concordati riguardano solo una piccola minoranza di contratti perché l’appeal fiscale non compensa il forte sconto che concedono agli inquilini rispetto agli affitti del mercato libero. Vi sarebbe invece contrarietà  a concedere le agevolazioni prima casa agli anziani ricoverati in casa di riposo. Stando alle agenzie il relatore Gianfranco Conte avrebbe spiegato che agevolando l’Imu si spingono i familiari a mettere gli anziani nella casa di riposo per usufruire della tassazione più leggera. Non sarebbe un grande affare: per quanto possa essere cara, l’Imu non agevolata costa assai meno della retta di un ospizio.


Related Articles

Cassa integrazione e contratti ecco il piano della discordia sul lavoro trattativa in salita

Parte in salita il negoziato sul lavoro. Il governo frena il ministro del Welfare Tagli alla cassa integrazione ma i sindacati dicono no. Il governo frena il ministro   Fornero propone un confronto anche on line per accelerare i tempi, ma il metodo non piaceConfindustria teme che le novità  ostacolino le ristrutturazioni necessarie nel 2012 

Dai negozianti ai professionisti tutti gli interessi delle lobby corporative

C’è chi conta per il numero, come i commercianti, chi per peso politico come gli ordini professionali. Poi ci sono i gruppi di pressione con forte peso economico, ad esempio i concessionari autostradali. Così è slittata l’istituzione di una Authority indipendente sui trasporti, politica tariffaria compresa

“Ogni Stato realizzi un piano per sopportare l’uscita di Atene”

Bruxelles lancia l’ultimo allarme Task force della Bce. E per le banche spagnole ipotesi Esm   Sulla crescita Paesi divisi, ma Italia, Spagna, Francia e Inghilterra fanno fronte comuneBerlino non vuole ammorbidire il memorandum firmato dalla Grecia in cambio degli aiuti 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment