Mirafiori, accordo Fiat-sindacati ma scatta un anno e mezzo di Cigs

TORINO – La Fiat ha firmato l’accordo per la ristrutturazione di Mirafiori. L’intesa è stata sottoscritta ieri dai sindacati che avevano già  aderito all’accordo di Pomigliano, gli unici ad essere stati coinvolti nella trattativa. Dopo settimane di suspence dunque Sergio Marchionne sembra aver rotto gli indugi staccando l’assegno da un milione di euro necessario a far partire i lavori. Nello stabilimento torinese vengono oggi prodotte l’Alfa MiTo e la Lancia Musa, che però cesserà  a metà  anno. Per i 5.315 dipendenti del reparto Carrozzerie si prospetta dunque un lungo periodo di cassa per ristrutturazione: partirà  il 2 aprile e cesserà  il 30 settembre 2013 ma per una parte di loro potrà  essere ulteriormente prorogata. 
Dal dicembre 2013 dovrebbe iniziare la produzione del primo dei due minisuv (costruiti sul pianale delle utilitarie) con i marchi Fiat e Jeep che dovrebbero essere venduti anche negli Usa. E’ di ieri l’indiscrezione secondo la quale nello stabilimento torinese, sulla stessa linea dei piccoli suv potrebbero essere realizzati successivamente anche modelli di fascia superiore. 
Si confermerebbero così tutte le diverse ipotesi finora circolate sulla destinazione produttiva di Torino. Intanto a Grugliasco, alle porte della città , proseguono i lavori di allestimento delle linee della ex Bertone che da fine anno produrranno un modello della Maserati. Qui l’investimento era già  partito nei mesi scorsi dopo che anche nella fabbrica a stragrande maggioranza Fiom era stato approvato l’accordo ricalcato sul modello Pomigliano.


Related Articles

Spread in caduta di cento punti è l’effetto-Monti sui titoli di Stato

Fermata emorragia di 3 miliardi. Giù i tassi, bene Piazza Affari. Una nota del Fondo monetario internazionale avverte: rischio reale di recessione nelle economie avanzate per la paralisi politica 

Pronta la carta anti-Fiom

? Il segretario della Fiom Maurizio Landini e la numero uno della Cgil Susanna Camusso © Aleandro Biagianti

Lo scontro. «Non è in atto nessun processo». Camusso nega di voler sospendere il leader delle tute blu, ma potrebbe farlo se quest’ultimo non applicasse l’accordo sulla rappresentanza. E intanto Landini incontra Renzi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment