Fiscal Compact contestato e un vertice sottotono

PARIGI  – Avrebbe dovuto essere il Consiglio europeo di tutte le verifiche, da mesi indicato come un appuntamento cruciale. Ma il vertice che si è aperto ieri sera a Bruxelles, con «meno drammi» dei precedenti, sostiene il presidente della Commissione José Manuel Barroso, vista la relativa calma dei mercati, non affronta nessun nodo centrale. Il vertice dell’eurogruppo, che avrebbe dovuto seguire oggi, è stato annullato: la Germania rifiuta di discutere adesso delle capacità  del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità , la struttura permanente che dovrebbe succedere al Fesf, il fondo salva-stati. Sulle capacità  del Mes – che potrebbe accumulare i 500 miliardi di euro promessi con quello che resta del Fesf (per arrivare a una forza d’urto di 750 miliardi), come chiedono Fmi e Washington – potrebbe essere convocato un vertice straordinario a fine mese.
Oggi, 25 dei 27 paesi della Ue firmano il patto di bilancio, il famoso Fiscal Compact imposto da Angela Merkel, che prevede l’inserimento della «regola aurea» dell’equilibrio di bilancio nelle Costituzioni. Gran Bretagna e Repubblica ceca hanno già  rifiutato. La firma solenne dei capi di stato e di governo apre il periodo delle ratifiche nazionali. Ma c’è una sorpresa: il primo ministro irlandese, Edna Kenny, ha annunciato martedì che a Dublino ci sarà  un referendum sul nuovo trattato, già  a maggio o giugno. La Costituzione irlandese lo impone, anche se le autorità  europee avevano sperato di poterlo evitare visto che, tecnicamente, non si tratta di un impegno comunitario ma di un «trattato intergovernativo». A Bruxelles e nelle capitali che contano c’è ormai una forte insofferenza per le verifiche democratiche, mentre cresce la rivolta dei cittadini contro l’austerità : il referendum irlandese irrita (l’Irlanda aveva già  votato «no» a Nizza e a Lisbona), alla Grecia ne era stato vietato uno sulle misure di rigore che aveva ventilato l’ex primo ministro Papandreu, ed è accolta con particolare freddezza l’ipotesi di Franà§ois Hollande – candidato socialista alle presidenziali francesi del 22 aprile e 6 maggio (in testa nei sondaggi) – di «rinegoziare» il trattato che impone austerità , per dotarlo di una parte dedicata allo stimolo della crescita e alla governance. 
Sarkozy non ha tempo per far approvare il trattato prima delle presidenziali, mentre il Mes è passato al parlamento francese, ma con l’astensione dei socialisti, che non rifiutano lo strumento di solidarietà , ma lo stretto legame stabilito dalla Germania con il contestato Fiscal Compact. Molte incognite pesano cosi’ sull’entrata in vigore del trattato, che sulla carta sarà  operativo quando 12 paesi su 25 lo avranno ratificato. 
A causa di queste incognite è stata rimandata la discussione sul Mes: la Germania, principale contribuente, ha legato strettamente l’approvazione del Fiscal Compact al varo del Meccanismo di stabilità , strumento di solidarietà  cui potranno accedere solo i paesi che avranno accettato la regola aurea. C’è sempre la Grecia sul tavolo della discussione dei dirigenti europei, che hanno accettato il secondo piano di aiuti di 130 miliardi. Papademos dovrà  precisare – soprattutto a Germania, Olanda e Finlandia, che lo pretendono – i dettagli delle 38 «azioni prioritarie di tagli e risanamento» imposte per dare il via libera al piano di aiuti; mentre il fatto che non siano scattati i Cds (l’assicurazione sul rischio default) lascia un po’ di respiro. 
A Bruxelles si è aperto però un caso Spagna: Mariano Rajoy, il nuovo primo ministro, preme per ottenere un allentamento delle modalità  di applicazione del patto di stabilità . La Spagna, che aveva previsto un deficit del 6%, sarà  all’8,5% quest’anno e non riuscirà  a ridurlo al 4,4% entro fine 2012, come si era impegnata a fare. Ma la Commissione ha respinto ogni ammorbidimento. Intanto dodici paesi, tra cui Italia, Gran Bretagna e Polonia, chiedono politiche economiche più attente allo stimolo e non solo all’austerità . A immagine di un’Europa senza anima, mentre le proteste delle popolazioni crescono (il 29 febbraio c’è stata una giornata europea contro l’austerità ), lo scialbo Herman Van Rompuy sarà  confermato per altri due anni e mezzo nella carica di presidente del Consiglio europeo e otterrà  anche i galloni di «uomo euro».


Related Articles

Negli Usa si ferma il mercato immobiliare Timori di recessione

Meno 27,2% di case esistenti vendute nel mese di luglio. Il dato preoccupante, comunicato ieri da un rapporto della National Association of Realtors, ha contribuito ha spingere sempre più giù la borsa di Wall Street, già  in forte calo dall’apertura mattutina. Gli analisti, nelle loro stime, si attendevano un decremento dei valori percentuali, ma vicini al 13,4%, non un crollo così ampio.

La Cgil in parrocchia contro i licenziamenti Bagnasco: c’è vicinanza

ROMA — Per la riforma del lavoro i senatori sono pronti a fare gli straordinari. 

Se la Primavera americana è gonfiata dai Dollari della Fed

NEW YORK — Molti vedono i rischi di una nuova fiammata di «esuberanza irrazionale», in questa Wall Street da record che sfiora quota 15 mila dell’indice Dow Jones e trascina anche le Borse europee: in fondo l’economia rimane fragile anche da questo lato dell’Atlantico. E i dati sugli ordini dei beni durevoli, calati del 4 per cento a marzo, spingono gli analisti alla prudenza.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment