Italia, sentenza Eternit: 16 anni ai dirigenti

Il pm Raffaele Guariniello aveva chiesto per loro una condanna a 20 anni. I due imputati, come nelle altre udienze, non sono in aula. Assistono però al processo, il primo a livello mondiale di questo tipo, circa 2000 persone tra familiari delle vittime, giornalisti e delegazioni provenienti da Francia, Inghilterra, Stati Uniti e, naturalmente, Italia.

Già  dalle prime ore del mattino una lunga coda si era formata all’ingresso, aperto dalle 8.30, e tutto intorno al Palazzo di Giustizia un gruppo di parenti delle vittime ha esposto pannelli che ritraggono Stephan Schmidheiny, uno dei due imputati del processo, dietro le sbarre di una prigione.

Schmidheiny, miliardario svizzero di 64 anni, è stato giudicato insieme al barone belga Louis de Cartier, 90 anni, per disastro ambientale doloso e omissione dolosa di cautele antinfortunistiche. perché entrambi sono stati alti dirigenti della multinazionale svizzera Eternit. Il processo è durato oltre due anni e si è articolato in 65 udienze. Ai dirigenti vengono contestate le morti di 2.100 persone e le malattie che hanno colpito altre 800 persone nelle zone degli stabilimenti di Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Le parti civili che si sono costituite in giudizi sono oltre seimila. Fra i parenti e i curiosi, sono entrati in aula anche quindici sindaci della zona del Monferrato, nell’Alessandrino, con tanto di fascia tricolore.

DOSSIER ETERNIT


Related Articles

Istat, il Pil italiano prende la rincorsa ma resta l’ultimo della classe

Istat. Belpaese +1,5%, record da 6 anni: l’Europa però è già a +2,2%. Gentiloni e Renzi esultano, Forza Italia, Sinistra e Cinquestelle invece criticano il governo

Pen­sioni, in 4 anni persi in media quasi 1.800 euro

SPI CGIL. 350 milioni per rivalutarle fino a 2000 euro. Carla Cantone: «Le modifiche le vogliamo discutere con il governo, non con l’Inps e Boeri»

La Cgil concilia al call center E la Costituzione?

PARASUBORDINATI
Torniamo volentieri sull’ultimo accordo sui call center – quello sui lavoratori a progetto, siglato con Asstel il primo agosto scorso – dopo che ci ha scritto Massimo Cestaro, segretario generale Slc Cgil.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment