TECNOLOGIE TUTTO FUMO & PROFUMO

Prendiamo i due strumenti didattici alla moda che si aggirano oggi nella maggioranza delle scuole italiane: la lavagna interattiva multimediale (lim) e il tablet. Il primo è un apparecchio del tipo dell’iPad. La lim è una lavagna sulla quale si scrive con una penna speciale o col dito; e quel che si scrive si può salvare, modificare, spedire. Qualcuno ha stabilito che sono il futuro della scuola: i due gadget sono indispensabili. 
Tutto Fumo&Profumo negli occhi e nel naso dei docenti. Perché i ragazzi che a scuola usano il computer sono solo il 4%. Il nuovo ministro sostiene che sono strumenti necessari per rendere la scuola italiana più «moderna e visionaria». Visionaria? In che senso, scusi? Non lo è già  abbastanza? Dunque, i tagli continuano – 40.000 docenti in meno, se si cacceranno dalla scuola i ragazzi un anno prima rispetto a oggi, per adeguarsi non alle cose migliori, ma alle peggiori che ci propina l’Europa – ma punta sulla diffusione di lavagna interattiva e tablet. Nessuno dice a quanto ammonta l’entità  dell’investimento necessario per realizzare il proposito del ministro. E se è effettivamente una priorità  rispettio ai tanti problemi della scuola italiana, partendo per esempio dall’edilizia scolastica. Nessuno ricorda che più di un analista, all’estero, dubita della reale utilità  di queste risorse nella scuola. Non si tratta di essere contro la modernità  dell’educazione, ma contro le mode del momento. Specie quelle che, in campo educativo, finiscono per essere utilizzate come strumenti per tagliare il personale in carne e ossa, il docente, da millenni fulcro della formazione. E in Italia le mode arrivano sempre in ritardo. Compresa quello dei test e della famosa e fumosa misurazione pseudo-oggettiva alla base delle prove dell’Invalsi. Ben venga la cultura digitale, ma nella consapevolezza che nessun computer può essere sostitutivo di un docente. E invece i docenti sono oggi sempre meno mentre la qualità  effettiva della scuola, chiacchiere a parte, è data soprattutto dal rapporto tra il numero dei docenti e degli studenti. I docenti sono più dei Carabinieri? Fortunatamente. È così in ogni luogo del mondo. Se fosse altrimenti saremmo in uno stato di polizia.


Related Articles

“Il sogno tradito delle partigiane”

Il fatto che il consenso al premier sia sempre alto è il sintomo del nostro Regresso

USA: “Incostituzionale la legge contro i matrimoni gay”

 "Incostituzionale la legge contro i matrimoni gay"     Barack Obama

LA SVOLTA DI OBAMA.Il presidente mantiene una promessa fatta in campagna elettorale dopo le pressioni delle associazioni. La lunga storia di una battaglia

Disporre della vita

La scelta di Lucio Magri ci mette di fronte a vicende dolorose che non è possibile affrontare solo con leggi e regolamenti Teniamoci la contraddizione: la scelta è un bene prezioso ma se lo fa chi ami ti ribelli Se la causa è una malattia senza rimedio o un’anima spezzata non cambia il problema I casi di Primo Levi e di Jean Améry che si uccisero dopo essere sopravvissuti all’Olocausto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment