Saldi no stop e nuova class action la rete delle Fs passa al Tesoro deroga sull’art.18 per le fusioni

«Nei prossimi giorni dovremmo arrivare ad un provvedimento molto ampio per quanto riguarda le liberalizzazioni», ha annunciato ieri il premier Mario Monti durante la conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel. «Lo scopo di tutta questa operazione -ha spiegato – è quello di conseguire più crescita e più equità ». La “rivoluzione per decreto”, che scandirà  la fase due dell’esecutivo tecnico per rilanciare la crescita, fa dunque il suo esordio. E non solo come annuncio. Una prima bozza diffusa ieri (anche se palazzo Chigi nega l’esistenza di un testo definitivo) riporta difatti in 28 articoli le possibili liberalizzazioni che il governo potrebbe trasformare in decreto entro il 20 gennaio. Spicca, tra gli altri, anche una norma sull’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori che lo arricchisce di un comma 1bis. L’obbligo di reintegro, in caso di incorporazione o di fusione di due o più imprese che occupano un numero di dipendenti pari o inferiore a 15, scatta solo se il numero complessivo di lavoratori è sopra le 50 unità . 
Tra gli altri punti della bozza di decreto c’è un capitolo che riguarda la “promozione della concorrenza nei servizi pubblici locali”. L’Antitrust vigilerà  sulla effettiva liberalizzazione e la reale concorrenza nei servizi erogati dagli enti locali: dal trasporto pubblico ai servizi integrati, ad eccezione dell’acqua. In questo caso le competenze resterebbero all’Autorità  per l’energia elettrica e il gas.


Related Articles

La locomotiva cinese rallenta I manager guardano agli Usa

Nel 2014 la crescita del Pil di Pechino si è fermata al 7,4% Davos, il sorpasso americano nelle attese degli investitori

Marchionne assume in Usa, Italia al palo

L’ad del Lingotto: “Fiat-Chrysler fusione inevitabile, ci teniamo l’Alfa Romeo”  

Solo imprese senza perdite nel nuovo fondo anti-scalate

Cdp cambia statuto. Parmalat, respinto il ricorso di Lactalis Prende corpo la cordata italiana con Granarolo e Intesa. Il titolo in calo

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment