Romania La rivolta di tutti

Molto probabilmente si tratta della manifestazione meno omogenea che mi sia capitato di vedere in Romania, sia per la varietà  dei partecipanti (pensionati, studenti, rivoluzionari, intellettuali, disoccupati, tifosi di calcio, cantanti, etc) che per le loro rivendicazioni: salari, pensioni, tassa di circolazione, scioglimento dei partiti, sfruttamento della miniera d’oro di RoÅŸia Montană, indipendenza dalla finanza mondiale e dimissioni del presidente Traian Băsescu. Tutti, però, hanno un denominatore comune: il fatto di essere indignati.

La diversità  dei manifestanti implica al contempo una diversità  comportamentale. A differenza da quanto avvenne nell’aprile 1990 [quando la manifestazione contro il governo di Ion Iliescu fu interrotta bruscamente dall’arrivo dei minatori della valle del Jiu], nella piazza dell’Università  a Bucarest oggi per lo più non si trovano in maggioranza intellettuali, con la loro coscienza civica e la loro arte del dialogo coltivata in dotte dissertazioni.

Di questi tempi tra i manifestanti si trovano anche emarginati, membri di gang, persone insoddisfatte perché non trovano lavoro, perché si sono viste tagliare i servizi sociali, per l’aumento del costo della vita, per il fatto che la polizia protegge gli strozzini e i magnaccia mentre loro sono sbattuti dentro alla minima cantonata. Che lo si voglia o meno, anche loro fanno parte della società  civile.

Per costoro confrontarsi significa più di ogni altra cosa arrecare più danni possibile all’avversario, sputargli negli occhi, dargli un cazzotto all’altezza del diaframma. Hanno sempre spaccato i vetri delle pensiline degli autobus, non necessariamente perché appartenevano allo “stato”, ma semplicemente perché era notte e nessuno poteva vederli. Una buona parte di questi indignati appartiene alle tifoserie delle squadre di calcio: si scatenano perché hanno sempre bisogno di uno sfogo per il loro spirito gregario, perché è facile per loro dividere il mondo in due, i “nostri” e “i nemici”, perché non hanno altro con cui distrarsi.

Non sono queste però le ragioni che li hanno spinti a scendere in piazza dell’Università : lo hanno fatto per urlare come vogliono tutta la loro esasperazione, perché finalmente trovano una loro collocazione tra quanti di solito li respingono, perché sperano – come noi tutti – che qualcosa nella loro vita possa cambiare.

In questi giorni i manifestanti hanno fraternizzato con i poliziotti, gli oppositori con i filo-governativi, i giornalisti di Antena 3 con i concorrenti di B1. Con tutti, in pratica, tranne che con i teppisti. I manifestanti che si sono alternati davanti alle telecamere in effetti si sono sempre premurati di specificare che la loro è una protesta pacifica. La violenza ripugna a tutti.

Violenza di stato

La violenza, però, non consiste soltanto nello svellere le pietre del selciato e nello scagliarle in testa agli agenti: violenza significa anche imporre una legge elettorale senza valide motivazioni e senza dibattito pubblico. Oppure tagliare i salari di coloro che lavorano onestamente. O anche demolire gli edifici che fanno parte del patrimonio artistico romeno. Se ci si limita a cercare la violenza soltanto tra i teppisti, allora si perde il significato fondamentale della protesta.

Pare che i vandali e i teppisti siano stati identificati, arrestati, isolati. Le proteste si svolgono, finalmente, in modo pacifico. Gli agenti di polizia controllano i sospetti e arrestano a tutto spiano (113 fermati soltanto lunedì 16 gennaio). Quanto al governo, esprime la propria piena comprensione per le rimostranze dei manifestanti e afferma di riconoscere che rispettano il diritto democratico di manifestare in luoghi autorizzati. Ma non cambia niente della propria condotta. Aspetta, in modo ormai palese, che una provvidenziale raffica di vento glaciale o di stanchezza cacci via dalla piazza i manifestanti. Ho quasi l’impressione di aver già  sentito parlare di questa soluzione: “Lasciamoli cuocere nel loro stesso brodo”, aveva detto Ion Iliescu durante le manifestazioni dell’aprile 1990.

Questa strategia, però, comporta alcuni rischi: quando la gente capirà   che non è sufficiente manifestare in modo simbolico la propria esasperazione, forse non sarà  ancora del tutto stanca. E in compenso si sentirà  emarginata, diverrà  emarginata e gli agenti di polizia dovranno identificare un numero maggiore di teppisti.


Related Articles

L’eurozona torna a crescere, in Italia poco lavoro

Moscovici: la migliore primavera degli ultimi anni. Per Roma la sfida è il debito alto e la ripresa non accelera Padoan esclude una manovra sui conti pubblici

Le memorie di “Rummy” il falco “L’Iraq? Cose che succedono…”

“Known and unkown”, il noto e l’ignoto, uscirà  in libreria a settembre. Ma è già  sul web. L’autoassoluzione “Comunque sia il Medio Oriente è un luogo migliore senza Saddam”
È già  in rete l’autobiografia di Donald Rumsfeld, ministro della Difesa nell’Amministrazione di George W. Bush. Dalle gaffe del presidente ai retroscena della guerra a Saddam. Oltre ai giudizi poco lusinghieri su colleghi eccellenti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment