“Un partner per Fiat entro il 2013”

Un’alleanza entro i prossimi due anni, prima del ritorno in borsa e della fusione Fiat-Chrysler. Sergio Marchionne ne parla a Detroit, intervistato da un giornale polacco: «Potremmo cercare un terzo partner», ammette l’ad del Lingotto, anche prima del 2013. Ma aggiunge subito che «non è vero» il disegno di tornare all’assalto della Opel. E torna a negare un interesse per Peugeot: «Ero a cena nei giorni scorsi con il ceo Philippe Varin e abbiamo parlato di tutt’altro». Anche perché alla cena partecipavano decine di manager delle principali case automobilistiche mondiali. Non era, insomma, un tete à  tete.
Più concretamente, il progetto di Marchionne sembra essere quello di realizzare stabilimenti comuni, per le utilitarie he saranno i più venduti nell’Europa della crisi ma anche quelli con minori margini. «Penso – ha detto l’ad del Lingotto nei giorni scorsi al salone di Detroit – a quel che abbiamo fatto con la Ford in Polonia, la piattaforma comune tra la 500 e la Ka». Un’alleanza industriale dunque, prima ancora che una fusione societaria. Un modo per ridurre la sovracapacità  produttiva che anche ieri l’ad ha stimato nel «15-20 per cento di quella attualmente installata in Europa». L’alternativa, ha aggiunto il manager parlando al Financial Times, è quella della chiusura degli stabilimenti, una misura che in Europa non è possibile: «Non c’è stato il coraggio che c’è stato negli Stati Uniti». Mercoledì sera, intervenendo alla serata organizzata dalla rivista Automotive news, l’ad è tornato a parlare del quartier generale del futuro gruppo. «Pensavo di portarlo a casa sua», ha risposto scherzando con l’intervistatore. Poi ha aggiunto che «il vero problema è capire se in Europa ci sono le condizioni per sviluppare un’industria manifatturiera. Se gli accordi fatti con i sindacati, che ci danno la possibilità  di competere a livello internazionale, verranno rispettati, allora la Fiat resterà  dov’è. In caso contrario, e mi auguro che non sia così, non abbiamo scelta». Marchionne ha poi proseguito la consueta polemica con la Fiom («non si può votare fino a quando non vincono») e ha mostrato prudenza sul prossimo incontro con il ministro Fornero: «Non chiediamo altro che la pace sociale per poter lavorare. Con Fornero sono già  stato molto chiaro. Il mercato dell’auto è tornato ai livelli del 1985. Dobbiamo rifondare questo settore dalla base».


Related Articles

Il governo 2.0 fa dietrofront anche sulle par­tite Iva. Renzi: “E’ stato il mio autogol”

Quinto Stato. Renzi: «Nella legge di stabilità ho sbagliato sulle partite Iva, ma ora recuperiamo». Poletti annuncia una “consultazione” e progetta di lanciare una “fase 2” del fallimentare programma “garanzia Giovani” che avrebbe dovuto dare una spallata alla disoccupazione giovanile

Confindustria, Squinzi mette la freccia grazie all’appoggio di Assolombarda

Per la successione della Marcegaglia aumenta il consenso intorno al patron della Mapei. Ma Bombassei resiste con il sostegno di Friuli e Bergamo  Battaglia per i voti del Veneto dopo la rinuncia di Riello, incontro tra Squinzi e Scaroni 

Etruria, perquisizioni in 14 società Il governo: risarcire chi fu ingannato

La Finanza nella sede centrale dell’istituto e in quelle delle aziende legate ai dirigenti indagati: “Conflitto di interessi sui prestiti”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment