Osapp: “Basta con i palliativi, ora serve un’amnistia”

“I sostanziali fallimenti delle piu’ recenti politiche penitenziarie, a cui temiamo non voglia sottrarsi neanche l’attuale governo Monti- prosegue il sindacalista- risultano di tutta evidenza se si considera che i detenuti presenti al 31 dicembre 2010 erano 68.075 per 44.874 posti-letto mentre lo scorso 31 dicembre 2011 in carcere vi erano 66.380 detenuti per 45.700 posti disponibili e, quindi, con differenze minime che vanno dal 2,5% in meno per la popolazione detenuta (-1.695) all’1,8 in piu’ riguardo alla capacita’ alloggiativa delle carceri italiane (+826 posti)”. Secondo l’Osapp sono “pressoche’ immodificati in 12 mesi anche i dati del sovraffollamento nelle 8 regioni italiane su 20 (Calabria, Friuli, Liguria, Lombardia, Marche, Puglia Valle d’Aosta e Veneto) in cui la popolazione detenuta presente e’ superiore a qualsiasi capienza detentiva tollerabile, con spazi alloggiativi, in celle occupate per 20 ore ogni giorno che raramente superano i 2 metri quadrati pro-capite e con il costante ricorso ai materassi sui pavimenti”. “Altrettanto deludenti, poi, i dati riguardanti i poliziotti penitenziari in servizio negli istituti di pena- indica ancora il leader dell’Osapp- che vanno dalle 38.364 unita’ in servizio a fine 2010 alle attuali 38.060 (810 assunzioni e 1.014 pensionamenti) rispetto ad un organico individuato nel 1992 in 44.620 unita’ nei ruoli non direttivi del corpo e, quindi, con una carenza di 6.560 unita’”. “Se a tali risultati deludenti, si aggiungono: un numero di recidive che, per coloro che scontano la pena in carcere, continua ad essere superiore al 60% e con percentuali, invece, dimezzate per chi e’ sottoposto a misure alternative, il crescente rapporto tra la popolazione detenuta in carcere e il numero dei suicidi, nonche’ gli ingentissimi stanziamenti che l’attuale sistema penitenziario continua a richiedere e che per la sola edilizia nel 2011 hanno superato i 700 milioni di euro- conclude Beneduci- ci si rende necessariamente conto che nel Paese il ricorso alle pene detentive debba essere ricondotto alle situazioni di maggiore gravita’ e rischio e che sia necessario abbandonare gli attuali palliativi, per misure di immediato impatto deflattivo, a partire da un provvedimento di amnistia ogni giorno meno differibile”. (DIRE) © Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Carceri, la riforma promessa si fa ancora aspettare

Sono passati quasi cinque anni da quando l’Italia fu condannata dalla Corte europea dei diritti umani nel caso Torreggiani con una sentenza che ci ha fatto vergognare davanti all’Europa intera

“Enav, mazzette per manager e politici”

  Le ammissioni del consulente Cola. Nel mirino le commesse per quattro aeroporti. Si indaga sui lavori parzialmente eseguiti ma pagati a caro prezzo a Malpensa, Palermo, Napoli e Lamezia 

Piemonte, sanità  british per risparmiare

 Il piano: da 54 ospedali a 6 grandi strutture. I piccoli riconvertiti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment