La riforma della Bce non è più un tabù. Ma non sarà  come la Fed

Che l’architettura istituzionale europea faccia acqua da molte parti, è certo. Che il mandato della Bce – combatte l’inflazione e basta- non sia sufficientemente flessibile, anche. Che, infine, il «modello Federal reserve Usa» non sia replicabile per molti motivi (a partire dalla mancanza di uno «stato unitario europeo»), altrettanto. E proprio tra questi scogli Nowotny ha dovuto tracciare una rotta di riforma possibile per Francoforte. Parlando ovviamente da «interno», ovvero come «persona informata sulle ipotesi».
L’acquisto dei titoli di stato sul mercato secondario, infatti, ha ormai mostrato limiti insuperabili. A partire da quelli quantitativi. In un anno e mezze la Bce ha speso 217 miliardi, 100 dei quali solo per i Btp italiani, senza arrestare l’emorragia. Nel 2012 il Tesoro dovrà  rifinanziarsi per oltre 450 miliardi; la Spagna per una cifra di non molto inferiore. Qualsiasi problema eventuale sarebbe inaffrontabile dalla Bce con quello strumento. 
Sul breve periodo, non resterebbe che abbassare il tasso di interesse principale, portandolo per la prima volta – da quando c’è l’euro – al di sotto del 1%. Accompagnando magari la mossa con un altro «prestito triennale illimitato» al tasso dell’1%. Il problema è che le banche prendono, sì, a prestito, ma poi «congelano» la liquidità  depositandola di nuovo presso la stessa Bce (ieri il nuovo record: oltre 500 miliardi), perché temono di non vedersi restituire le somme persino da altre banche. 
Ogni altra misura fuori da questo ristretto ventaglio è decisamente «non standard» (lo è anche l’acquisto dei titoli di stato sul mercato secondario), e incontra certamente la contrarietà  tedesca. Scartato quindi il «modello Fed», e le relative possibilità  di «quantitative easing», secondo vari operatori non resta che la trasformazione del fondo salva-stati (Efsf, che a giugno cambierà  nome in Esm) in una vera e propria banca. Che a quel punto potrebbe accedere ai prestiti della Bce per girarli, senza altri ostacoli, verso gli stati nazionali.
Una partita di giro colossale che avrebbe l’unico pregio di non scontentare la Merkel. Tutto da vedere, invece, che possa sortire gli effetti sperati se permangono – come non si fa altro che ripetere – i vincoli di spesa agli stessi stati. Se l’unica spesa «ammessa» è il pagamento dei debiti (e degli interessi), in una situazione di investimenti privati fermi e di prestiti bancari «congelati», chi mai potrà  assumersi il compito di dare ossigeno alla ripresa? «Il mercato»? Ci sarebbe da ridere, se ce ne fosse la possibilità …


Related Articles

Accordo Hamas-Fatah Governo di transizione

GERUSALEMME — Stavolta «facciamo sul serio», premette il capo di Hamas, Kaled Meshal. Un annuncio solenne dal Qatar: i fratelli coltelli di Fatah e di Hamas hanno raggiunto l’accordo e formeranno un governo transitorio d’unità  palestinese, per traghettare Cisgiordania e Gaza alle prime elezioni degli ultimi sei anni.

Gli arrabbiati ungheresi di Jobbik «Eredi di Attila» contro gay e rom

Jobbik è ormai radicato nel panorama politico danubiano. Votato da 1 ungherese su 5 alle elezioni d’aprile, è il più forte partito dell’ultradestra nell’Europa centrale e orientale

Elezioni 2013, la Spd punta sulla patrimoniale

GERMANIA/SOCIALDEMOCRATICI A CONGRESSO
Il segretario rieletto Gabriel sfida Merkel: «Vogliamo un mercato che sia compatibile con la democrazia»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment