Bufera sul presidente Wulff. E i tedeschi protestano mostrando le scarpe

Sotto tiro per crediti a condizione di favore di cui aveva taciuto, poi di aver chiesto ai media di tacere del caso e persino di essersi fatto ospitare gratis in appartamenti di lusso di grosse compagnie assicurative, Wulff deve ora far fronte a un’accusa ancora più pesante. Secondo Spiegel, il capo dello Stato avrebbe telefonato all’amministratore delegato di Springer Verlag, l’editoriale conservatrice e numero uno del mondo mediatico tedesco, Matthias Doepfner. E avrebbe minacciato «una guerra» tra la presidenza e l’editoriale Springer se non avesse smesso di parlare dei suoi scandali. Secondo molti media online, la cancelliera Merkel si prepara a studiare uno scenario di dimissioni spontanee di Wulff. E ieri centinaia di cittadini hanno chiesto le dimissioni di Wulff brandendo le loro scarpe, una tipica protesta “araba”


Related Articles

Rivalità e vendette tra due Islam dietro la tangentopoli della Turchia

Nessuno sa prevedere come finirà, perché tutto è vischioso e complesso nella guerra strisciante che sta avvelenando la Turchia. L’arrogante ma vincente premier islamico moderato Recep Tayyip Erdogan ha trovato infatti l’avversario politico che può impensierirlo.

Le condizioni dei maoisti

L’ultimatum posto dai guerriglieri è scaduto senza conseguenze per gli ostaggi italiani, segno che si sta trattando. I ribelli annunciano un cessate il fuoco in tutto l’Orissa, nominano tre mediatori e fanno arrivare al governo le loro richieste per il rilascio di Paolo Bosusco e Claudio Colangelo

Abu Mazen: “Riconoscete la Palestina”

Applausi all’Onu. Netanyahu: non volete la pace ma incontriamoci subito. Il Quartetto di mediatori punta a riprendere i negoziati e a un accordo nel 2012. “Non credo ci sia nessun con un po’ di coscienza che possa rifiutare la nostra richiesta” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment